Michele Cianci. <span>Foto Mario Sculco</span>
Michele Cianci. Foto Mario Sculco
Associazioni

«Si proceda celermente alla nomina dell’assessore all'ambiente»

La nota dell'avv. Michele Cianci, Presidente Comitato Operazione Aria Pulita BAT

«Abbiamo molto apprezzato la lamentela da parte del Presidente del Consiglio Comunale, avvocato Marcello Lanotte, circa l'assenza nella compagine amministrativa dell'assessore all'ambiente. È semplicemente pazzesco che è quasi un anno che quel posto sia vacante. Come, a dire che nella nostra città, oppressa da gravi vicende di inquinamento, non abbia qualcuno con competenze e capacità per affrontare i problemi che l'affliggono! Eppure quello dell'ambiente è stato un cavallo di battaglia della campagna elettorale di Cannito sindaco, tanto da coinvolgere la nostra associazione in suo favore per le promesse da lui fatte. Non si finisce mai di imparare».

È l'intervento dell'Avv. Michele Cianci, presidente del Comitato Operazione Aria Pulita BAT.

«Ora, speriamo che questa presa di posizione da parte del Presidente del Consiglio Comunale, deputato a garantire la imparzialità politica, possa servire da sprone, affinché si proceda celermente alla nomina dell'assessore soprattutto per cercare di attenuare le problematiche ambientali locali. Basti pensare che, a causa dei vari cantieri distribuiti per la città ci sono vie, come via Alvisi, via Canosa, via Imbriani che sono sommerse dallo smog, essendo passaggi obbligati per passare dalla periferia al centro e viceversa. Tra l'altro, nonostante la nomina di una commissione ad hoc, non si conosce neppure la data di ultimazione dei lavoratori di via Andria e neppure, altra vicenda assurda (come se chi si preoccupa di progettare casa propria non si preoccupa anche di inserire le canaline per il passaggio della elettricità), se è stato effettuato il progetto della illuminazione. Sarebbe opportuno, ad esempio fissare il fine lavoro con delle penali in caso di inadempimento, come si fa per dei lavori privati qualunque. Magari in questo caso la ditta appaltatrice aumenterebbe anche il numero dei dipendenti per accelerare i tempi di consegna. Da ultimo e non per importanza è la scadenza dell'autorizzazione di impatto ambientale (AIA) che scadrà per l'inceneritore il 4 luglio 2024, questione che dovrà essere presa di petto dal prossimo assessore all'ambiente.

Attendiamo celermente risposte concrete e non inutili proclami o promesse. Noi siamo e saremo sempre vigili sul nostro territorio cercando di non sbagliare più».
  • Ambiente
  • Comitato Operazione Aria Pulita
Altri contenuti a tema
Timac incontra i comitati ambientalisti di Barletta Timac incontra i comitati ambientalisti di Barletta L'esito del confronto avvenuto mercoledì nella sede di via Trani
Una passeggiata naturalistica lungo il litorale di Ponente a Barletta Una passeggiata naturalistica lungo il litorale di Ponente a Barletta Il resoconto dell'iniziativa dello scorso 5 maggio
1 Cianci: «Vogliamo chiarezza sui lavori della Buzzi» Cianci: «Vogliamo chiarezza sui lavori della Buzzi» La nota del presidente del Comitato Operazione Aria Pulita Bat
Timac Agro risponde al Comitato OAP e convoca nuovo tavolo per l’ambiente a Barletta Timac Agro risponde al Comitato OAP e convoca nuovo tavolo per l’ambiente a Barletta L'invito verrà esteso a Comune, Provincia e organi di informazione
Uniti x l’Ambiente Barletta: «Approvata la delibera sulle questioni ambientali, ora incontro con la provincia» Uniti x l’Ambiente Barletta: «Approvata la delibera sulle questioni ambientali, ora incontro con la provincia» La nota dell'associazione ambientalista
Uniti x l'ambiente: «Bene il consiglio comunale monotematico, pronte altre iniziative» Uniti x l'ambiente: «Bene il consiglio comunale monotematico, pronte altre iniziative» La nota degli attivisti
Consiglio comunale su tematiche ambientali, Cianci:«Invito la cittadinanza a partecipare» Consiglio comunale su tematiche ambientali, Cianci:«Invito la cittadinanza a partecipare» La lettera aperta del presidente del comitato Operazione Aria Pulita Bat
3 Il nucleo guardie ambientali in campo per prevenire le deiezioni canine Il nucleo guardie ambientali in campo per prevenire le deiezioni canine L'impegno dei volontari per sensiblizzare la comunità
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.