Barletta Antifascista, deturpato il murale
Barletta Antifascista, deturpato il murale
La città

Sfregio murale antifascista a Barletta, D’Alberto: «Le istituzioni intervengano»

La Cgil Bat contribuirà a finanziare l’intervento di ripristino e chiede di proteggere la memoria per il futuro

«Vandalizzato di nuovo, ancora una volta sfregiato. A due mesi di distanza (alla fine di maggio riale l'altro episodio) il murale "Barletta antifascista" è stato preso di mira da vandali che sempre nel cuore della notte agiscono nei giardini De Nittis per deturpare il ricordo dei fratelli Vitrani, Pietro e Ruggiero, uccisi dai fascisti». Interviene così il segretario generale della Cgil Bat, Biagio D'Alberto, in merito a quanto accaduto al murale antifascista dedicato alla memoria dei fratelli Vitrani.

«Peccato - prosegue D'Alberto - che quelle bombolette a spray nulla possono davanti alla memoria storica di una città che ha lottato per la Liberazione dal nazifascismo, come dimostra lo stesso gonfalone di Barletta decorato con due medaglie d'oro alla Resistenza. Lo sappiano gli autori di questi sfregi. E sappiano anche che noi continueremo a cancellare, insieme all'Anpi, quella vernice ma soprattutto con il nostro operato quotidiano tenteremo di preservare non solo il murale ma anche il nostro prezioso patrimonio storico e sociale che è la Resistenza.

Condividiamo le parole del presidente provinciale dell'Anpi, Roberto Tarantino quando scrive che "sarebbe imperdonabile che proprio Barletta, la città d'origine della famiglia Vitrani, non riuscisse a tutelare degnamente la loro memoria dai vili attacchi", tant'è che insieme all'associazione dei partigiani ci rivolgiamo alle istituzioni affinché si mettano in atto tutte le azioni per individuare i responsabili ma soprattutto per impedire che questo luogo sia nuovamente preso di mira, serve che si creino le condizioni per proteggere il murales e anche la memoria.

Noi intanto ci impegniamo a collaborare per sostenere i costi dell'intervento di ripristino di "Barletta antifascista" sperando che cose simili non accadano più».
  • Cgil
Altri contenuti a tema
25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» 25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» «È necessario riflettere sulla condizione delle donne ed impegnarsi per un mondo del lavoro più equo»
4 Covid-19, la proposta: «Test rapidi nella Bat come in Alto Adige» Covid-19, la proposta: «Test rapidi nella Bat come in Alto Adige» Biagio D'Alberto (Cgil Bat): «Lo screening di massa permetterebbe di stanare gli eventuali positivi asintomatici»
Blocco degli straordinari, domani sciopero del personale di E-Distribuzione Blocco degli straordinari, domani sciopero del personale di E-Distribuzione «Anche nelle nostre province di Bat e Foggia servono nuove assunzioni di giovani»
Nessun “Covid-Hotel” nella Bat: «Dimenticanza o scelta?» Nessun “Covid-Hotel” nella Bat: «Dimenticanza o scelta?» A sollevare la questione il segretario generale Cgil Bat Biagio D’Alberto
Contratto non rinnovato, il 13 novembre sciopero dei lavoratori del multiservizi Contratto non rinnovato, il 13 novembre sciopero dei lavoratori del multiservizi Un contratto scaduto da oltre 7 anni, Tina Prasti (Filcams Cgil Bat): «Non si può andare avanti così»
Palazzo delle Poste a Barletta, la Camera del lavoro: «Il Comune lo acquisti» Palazzo delle Poste a Barletta, la Camera del lavoro: «Il Comune lo acquisti» Il coordinatore della Cgil cittadina condivide e rilancia la richiesta dell’Anpi
Emergenza Covid: «Saturi gli ospedali di Barletta, Andria e Bisceglie. Servono rinforzi» Emergenza Covid: «Saturi gli ospedali di Barletta, Andria e Bisceglie. Servono rinforzi» Dalla Fp Cgil Bat Remini, Marzano e Matera chiedono interventi urgenti da parte della Direzione Generale della Asl Bat
Usca nella Bat, D’Alberto (Cgil): «Strutture che devono dare risposte non solo col Covid» Usca nella Bat, D’Alberto (Cgil): «Strutture che devono dare risposte non solo col Covid» Non solo Covid, «Le Usca devono rispondere in modo strutturale e permanente, anche per la primavera della rinascita»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.