Mons. Lorenzo D'Ascenzo
Mons. Lorenzo D'Ascenzo
Religioni

«Sempre sotto il Suo sguardo premuroso»: le parole dell'Arcivescovo D'Ascenzo

«Ci auguriamo di venir fuori al più presto da questa situazione, e lo chiediamo nella preghiera»

Nella preghiera di adorazione viviamo la consapevolezza di stare di fronte a Colui che è Grande, è il Signore della storia, del creato, è il nostro Dio e noi siamo sue creature, uomini e donne fragili, piccoli, segnati dal limite. Davanti a Gesù eucaristia ci riconosciamo, in questa comune condizione, tutti uguali, tutti fratelli.

In questi giorni, indipendentemente dal ruolo che ricopriamo, dalla posizione sociale, dal livello culturale, dal possesso dei beni materiali, a motivo dell'emergenza coronavirus, tutti stiamo vivendo un'esperienza di incertezza, di smarrimento, anche di paura che ci permette di riscoprire, o di scoprire per la prima volta, un elemento essenziale che, in quanto tale, appartiene a tutti indistintamente: siamo creature fragili e lo siamo tutti, siamo somigliantissimi, anzi, siamo tutti uguali. Ci auguriamo di venir fuori da questa situazione al più presto, e lo chiediamo nella preghiera, sperando di ritrovarci maggiormente uniti in una convinta e sentita solidarietà fraterna.

L'adorazione eucaristica ci ricorda che il Signore c'è veramente, realmente, corpo, sangue, anima e divinità e condivide con noi ogni aspetto della nostra vita, anche questa emergenza. Da lui siamo guardati, sentiamoci sempre sotto il suo sguardo attento, premuroso. Da lui siamo amati, da lui siamo accompagnati. L'adorazione eucaristica infonde in noi la certezza che non siamo soli, mai, nella gioia e nella sofferenza, quando viviamo nella serenità e quando siamo agitati, preoccupati o smarriti nelle difficoltà. L'adorazione eucaristica, alimentando in noi queste consapevolezze, ci spinge ad un atto di fede che può essere ben sintetizzato dalle parole di Santa Teresa d'Avila: "Nulla ti turbi, nulla ti spaventi, tutto passa, solo Dio non cambia. La pazienza ottiene tutto. Chi ha Dio non manca di nulla: solo Dio basta! Il tuo desiderio sia vedere Dio, il tuo timore, perderlo, il tuo dolore, non possederlo, la tua gioia sia ciò che può portarti verso di lui e vivrai in una grande pace".

Ci doni il Signore una grande pace, anche in questi giorni. Si, anche in questi giorni è possibile sperimentare una grande pace! È quella pace che non dipende dalle circostanze o dagli eventi della vita, della storia, più o meno tranquilli, più o meno favorevoli, è la pace che proviene dall'alto, è la pace che deriva dalla presenza di Dio, è la pace di chi Dio lo accoglie nel suo cuore e sperimenta che nulla più gli manca perché chi ha Dio, ha tutto. Questa è la verità. Apriamo il nostro cuore alla presenza del Signore e con le parole di Santa Teresa anche noi diciamo: nulla mi turba, nulla mi spaventa, donaci Signore la tua grande pace!
  • Arcivescovo Don Leonardo D'Ascenzo
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
1 I lavoratori dello spettacolo di Barletta: «Siamo chiusi e chiusi restiamo! È drammatico» I lavoratori dello spettacolo di Barletta: «Siamo chiusi e chiusi restiamo! È drammatico» La situazione dei lavoratori dello spettacolo a Barletta: parola a Michela Diviccaro, presidente dell'Associazione "Settore cultura e spettacolo Barletta"
Vaccino anti-Covid, il NIRS verificherà eventuali irregolarità nelle Asl pugliesi Vaccino anti-Covid, il NIRS verificherà eventuali irregolarità nelle Asl pugliesi Il Nucleo ispettivo regionale sanitario si aggiunge a quella di Nas e Procure
Covid-19, altri 995 contagi in Puglia su più di 11mila test Covid-19, altri 995 contagi in Puglia su più di 11mila test Nella provincia Bat si sono registrati 82 nuovi casi e 4 decessi
Covid-19: oggi meno tamponi e pochi casi, ma 32 decessi in Puglia Covid-19: oggi meno tamponi e pochi casi, ma 32 decessi in Puglia Nella Bat si registrano 21 nuovi contagi e 4 decessi
Covid, Forza Italia contro la Regione: «Puglia in ritardo su test rapidi in farmacia» Covid, Forza Italia contro la Regione: «Puglia in ritardo su test rapidi in farmacia» La nota politica: «Ci domandiamo come sia possibile che le altre Regioni stiano operando in questa direzione da tempo»
Covid-19, nella provincia Bat 111 nuovi contagi Covid-19, nella provincia Bat 111 nuovi contagi Nelle ultime 24 ore sono stati processati 8.623 tamponi
1 Covid-19, nella Bat 74 nuovi casi positivi e nessun decesso Covid-19, nella Bat 74 nuovi casi positivi e nessun decesso Nelle ultime 24 ore sono stati processati più di 10mila tamponi
La Puglia resta in zona arancione: indice Rt ancora superiore a 1 La Puglia resta in zona arancione: indice Rt ancora superiore a 1 Per la regione confermate le misure già in vigore
© 2001-2021 BarlettaViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.