Cantiere della nuova scuola in zona Patalini
Cantiere della nuova scuola in zona Patalini
Politica

Scuola abbandonata nella nuova 167 di Barletta, non facite... ammuina

Rimpallo di protagonismi politici, ma la vera protagonista è una scuola che non c'è

Della scuola-cantiere nella nuova 167 stiamo sollevando interrogativi sulle pagine di BarlettaViva già da un paio d'anni. Tra segnalazioni dei cittadini, risposte dell'allora sindaco Cascella, interventi di varie forze politiche, la storia non è certo nuova. Ma da qualche giorno la conferenza stampa organizzata dagli esponenti locali di Noi con l'Italia ha generato una polemica che ha coinvolto diversi protagonisti della scena politica barlettana. Come se questo episodio avesse risvegliato un cane che dorme irrequieto.

Subito è scattato il rimpallo di accuse e meriti, di protagonismi più o meno leciti: a breve distanza dalla convocazione della conferenza si è espresso il consigliere regionale Filippo Caracciolo, che si è impegnato a sollecitare il presidente dell'area metropolitana Decaro per un rapido intervento. A seguire è intervenuto anche il consigliere del PD Ruggiero Mennea, che ha illustrato la cronologia degli incontri e lanciato una stoccata a Ventola, parlando di "ansia da campagna elettorale".

La nota di Ruggiero Mennea - "Mi sembra tardivo e inadeguato l'intervento del consigliere regionale (nonché ex presidente della Provincia Bat) Francesco Ventola [...] Egli stesso è stato promotore di questa opera e, a distanza di 5 anni, si sveglia come se non avesse alcuna responsabilità nell'impostazione dell'opera stessa. Il pasticcio amministrativo e burocratico è nato dal passaggio tra la Provincia di Bari e quella della Bat e questo sicuramente non è addebitabile al sindaco della Città Metropolitana, Antonio Decaro, che ha ereditato questa situazione". "A ogni buon conto - prosegue Mennea - capisco l'ansia da campagna elettorale, ma credo si debbano dire le cose con onestà e rispettando la verità dei fatti. E i fatti dicono che proprio martedì scorso c'è stato un incontro, da me promosso anche in qualità di consigliere comunale di Barletta, con il sindaco Cosimo Cannito e l'assessore di Barletta, Lucia Ricatti, e con Antonio Decaro, il quale ha tempestivamente affrontato il nodo su cui si è arenata la questione. Il sindaco metropolitano di Bari, che degnamente rappresenta tutti i sindaci italiani, si è mobilitato in prima persona per trovare una soluzione, chiedendo di convocare il 20 novembre prossimo alle ore 12, nella sede della Città Metropolitana, una conferenza di servizi risolutiva della questione.
Quindi, io eviterei di strumentalizzare questi pasticci creati proprio da chi oggi finge di meravigliarsi, attribuendo ad altri colpe inesistenti, frutto della propria fantasia e dell'ansia da campagna elettorale. Così come, per le stesse ragioni, cade nel vuoto - prosegue - la proposta di istituire un tavolo tecnico da parte dell'ex assessore regionale all'ambiente, la quale laddove non fosse frutto di fantasie o ansie, si rivela comunque palesemente vana e intempestiva. Lasciamo stare, quindi, la campagna elettorale e lavoriamo insieme - sollecita - per risolvere i problemi e non per scaricare le responsabilità ingiustamente su persone che, invece, si stanno concretamente mobilitando, senza patetica ostentazione. Lavoriamo - conclude - per la comunità e non per gli orticelli personali, come si confà agli uomini di onestà intellettuale".


Ad azione corrisponde reazione, e quindi Ventola subito rilancia e precisa.

La replica di Francesco Ventola - «Quello che il collega, consigliere regionale Ruggero Menna, chiama "ansia da campagna elettorale" altro non è che continuo interesse per il territorio che rappresento sia in Regione sia nelle Istituzioni locali. In entrambi i casi da forza opposizione e quindi al contrario di Mennea mentre per lui è bastata, magari, una telefonata per incontrare il sindaco metropolitano, Antonio Decaro - dello stesso partito, il Pd, e la stessa corrente, i Renziani - io è dal 7 luglio 2017, quindi da oltre 16 mesi che aspetto che proprio Decaro mi convochi per un incontro da me richiesto per iscritto (allego copia a testimonianza) proprio con l'intenzione di risolvere un problema, quello della Scuola-Cantiere-infinito a Barletta. Su questa vicenda non intendo attribuirmi nessun merito: è vero ho inaugurato il cantiere, ma gli inghippi burocratici, guarda caso, sono nati dopo, quando al Governo provinciale sono andati gli "amici" di Mennea, che ho continuamente sollecitato, insieme alla Città Metropolitana di Bari, perché i dipartimenti interessati modificassero l'atto di trasferimento di proprietà che blocca i lavori della Scuola. Il barlettano Mennea ci fa sapere - e meno male, almeno la mia conferenza stampa di ieri è servita a conoscere questa importante notizia - che martedì scorso per la prima volta ha affrontato l'argomento con il sindaco Decaro. E allora, con quali risultati? Come pensa insieme l'amico sindaco barese di riaprire il cantiere? Mennea non faccia sempre il solista, collabori con gli altri colleghi del territorio sia di maggioranza sia di opposizione. La sua vocazione a fare il "passero solitario di Barletta" forse deriva proprio dalla volontà di attirare la visibilità solo su se stesso. Va bene, ma almeno porti risultati. Possibilmente anche su Canosa di Puglia, perché anche qui si è verificata un'analoga situazione. Ieri avrei potuto tenere la conferenza stampa nella mia città, ma la dimostrazione che si rappresenta un intero territorio provinciale sta proprio nel non coltivare il proprio orticello!».

A distanza di poche ore è seguita l'ulteriore nota di Caracciolo, per sottolineare l'appuntamento di martedì prossimo.

La seconda nota di Filippo Caracciolo - E' stato convocato per il prossimo martedì 20 novembre a Baridal sindaco della Città Metropolitana di Bari Antonio Decaro un tavolo tecnico finalizzato a sbloccare la situazione relativa al cantiere per la costruzione di una scuola superiore nel quartiere Patalini di Barletta. Ad annunciarlo è il consigliere regionale e Presidente della II Commissione "Affari Generali" Filippo Caracciolo. "Ringrazio - dichiara il Presidente della II commissione Caracciolo-il sindaco Decaro per la tempestiva risposta alle esigenze della città di Barletta e sono certo che l'incontro al quale parteciperanno tutte le istituzioni coinvolte favorirà il raggiungimento di un'intesa che possa far ripartire i lavori e portare a compimento un'opera fondamentale per soddisfare il bisogno di avere una scuola nuova, funzionante, fruibile e sicura".

Giunti a questo momento, l'argomento è ormai al centro dell'agenda politica di tutti. Entro la serata giunge così il comunicato congiunto dei consiglieri comunali di Barletta Rocco Dileo, Giuseppe Dipaola, Pier Paolo Grimaldi, Michele Maffione, Salvatore Lionetti e Ruggiero Marzocca, che utilizzano le parole "sciacallaggio elettorale" come titolo della loro riflessione.

Continuerà l'ansiogena corsa al comunicato stampa sul tema della scuola abbandonata a Patalini? Tuttavia, se l'ammuina può servire a stimolare una gara verso il merito per aver "salvato la giornata" e il futuro di questo immobile, ben venga l'ammuina.
  • Scuola
  • Nota politica
Altri contenuti a tema
Assistenza specialistica nelle scuole, servizio assente non solo a Barletta Assistenza specialistica nelle scuole, servizio assente non solo a Barletta L'Anmic lancia un appello ai genitori: «Inviateci la vostre segnalazioni»
Polivalente di Barletta, c'è un primo accordo fra Comune e Provincia Polivalente di Barletta, c'è un primo accordo fra Comune e Provincia Verranno risolte le problematiche più urgenti
2 Disabilità e assistenza specialistica, studenti di Barletta abbandonati dalla provincia Disabilità e assistenza specialistica, studenti di Barletta abbandonati dalla provincia L'appello dei genitori: «Troppe le difficoltà e le mancate risposte»
2 Cantiere infinito per la nuova scuola a Patalini, interviene anche Caracciolo Cantiere infinito per la nuova scuola a Patalini, interviene anche Caracciolo «Si convochi un tavolo tecnico per sbloccare la situazione»
6 Scuola abbandonata nella nuova periferia di Barletta, Noi con l'Italia si mobilita Scuola abbandonata nella nuova periferia di Barletta, Noi con l'Italia si mobilita Tutto bloccato dalla provincia di Bari, «per Decaro è un esempio di cattivissima amministrazione»
4 Nuova scuola a Patalini, «cantiere infinito in stato di abbandono» Nuova scuola a Patalini, «cantiere infinito in stato di abbandono» Domani mattina presenti i consiglieri comunali di Noi con l'Italia insieme a Francesco Ventola
A scuola di italiano, per tutti i bimbi di famiglie migranti di Barletta A scuola di italiano, per tutti i bimbi di famiglie migranti di Barletta Un'opportunità realizzata grazie all'Ambulatorio popolare in via d'Abundo
Debito Aeroporti di Puglia, l'intervento di Ruggiero Mennea Debito Aeroporti di Puglia, l'intervento di Ruggiero Mennea «Vicenda non ancora chiara, i pugliesi attendono risposte»
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.