Canne della battaglia
Canne della battaglia
Associazioni

San Ruggero, destino beffardo: la sua Canne giace in rovina e abbandono

Mentre a Barletta si venera in processione. «Rinsaldiamo i legami tra Canne della Battaglia e Barletta»

San Ruggero, destino beffardo. A Barletta oggi, nel giorno della festa, lo si venera in processione, quest'anno addirittura con il neo cardinale Monterisi suo "concittadino". A Canne, sulla cittadella, i luoghi che ne videro il ministero pastorale di vescovo che "andava scalzo con lo pede nudo per quelle campegne cercanno le limosine per li poveri" sono in abbandono e rischiano di degradarsi sempre peggio. I crolli, da noi denunciati sull'onda emotiva dello sdegno nazionale per Pompei, hanno colpito una parte del muraglione medievale (quello restaurato nel 1998, mentre l'originale regge magnificamente: ironia dei fondi spese male!).

E' caduta a pezzi tutta marcita la piattaforma di legno che portava alla basilica del santo, addirittura la stessa pietra della tomba di Ruggero è tuttora spaccata da mano vandalica. Arrivarci è un'impresa, con le erbacce che nessuno taglia più da tempo immemorabile.

E poi, la Fontana di San Ruggiero, sull'altro versante, imbrattata ed offesa dalla vernice spray che nessuno ha potuto (o voluto?) rimuovere nonostante la mobilitazione degli studenti del Casardi e delle associazioni…
Questa è la Canne dove appare ormai sbiadita la figura di Ruggero il Vescovo che pure ne fu paladino contro i potenti del suo tempo. Un panorama davvero desolante, in stridente contrasto con l'austera solennità di un Santo che è davvero immagine stessa dell'essere "provinciale": vescovo di Canne, nativo di Torre Petra vicino all'attuale Margherita di Savoia, elevato a protettore di Barletta e patrono dell'Arcidiocesi di Trani-Nazareth. A Canne quei luoghi così tanto mal ridotti sono un pugno nello stomaco. Barletta non può essere fiera di come l'incuria degli uomini abbiano lasciato cadere in rovina eminenti tracce di un passato non solo archeologico, ma segnale stesso di una fede.

Ecco perché il nostro Comitato condivide l'appello lanciato dal vicario don Filippo Salvo: per rinsaldare i legami fra Barletta e Canne della Battaglia sul territorio nella memoria del Santo Vescovo Ruggero, progettando tutti insieme un ciclo permanente di attività storiche, culturali, turistiche, di salvaguardia del paesaggio e della natura intorno al Parco dell'Ofanto, di recupero della senti eristica, attività che rilancino il suo messaggio che sia di esempio, dalla città al Santuario della Boccuta.

Nino Vinella
  • Canne della battaglia
  • Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia
  • Festa patronale
  • San Ruggero Vescovo
Altri contenuti a tema
Barletta firma la candidatura per la Via Appia: «E quella per Canne della Battaglia?» Barletta firma la candidatura per la Via Appia: «E quella per Canne della Battaglia?» «Che fine sta facendo la candidatura Unesco per Canne della Battaglia sulla quale molti hanno cavalcato la propria immagine e visibilità politica»
70 anni dalla fondazione del Comitato Italiano Pro Canne 70 anni dalla fondazione del Comitato Italiano Pro Canne Bilancio delle attività associative dell'anno appena concluso
Dichiarato l’interesse culturale della fontana di “San Ruggiero” Dichiarato l’interesse culturale della fontana di “San Ruggiero” Ad annunciarlo il presidente del comitato Pro Canne Nino Vinella
Caposaldo Cittiglio a Barletta, luogo della memoria storica e naturalistica Caposaldo Cittiglio a Barletta, luogo della memoria storica e naturalistica Grande successo per l'iniziativa di Legambiente e Barletta Sportiva
Canne della Battaglia, furto sventato in cantiere per rifacimento ferrovia Canne della Battaglia, furto sventato in cantiere per rifacimento ferrovia Intervento della Vegapol
«Ancora nulla di fatto per Canne della Battaglia» «Ancora nulla di fatto per Canne della Battaglia» Intervento del perito agrario Dargenio
Comitato Pro Canne sui ritrovamenti archeologici: «Attendiamo di comprenderne la reale importanza» Comitato Pro Canne sui ritrovamenti archeologici: «Attendiamo di comprenderne la reale importanza» La nota firmata dal presidente Nino Vinella
Resti archeologici durante i lavori per la linea Barletta-Spinazzola Resti archeologici durante i lavori per la linea Barletta-Spinazzola Verranno effettuati studi da parte degli archeologi: la tratta riaprirà il 30 gennaio 2023
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.