Bandiera Arci
Bandiera Arci
Politica

«Rivendichiamo il valore dell’antifascismo della nostra città»

L'appello del Circolo Arci "Carlo Cafiero"

«Il 9 ottobre scorso nella Città di Barletta, vicino ai Giardini del Castello, in pieno giorno, uno studente di 16 anni è stato vittima di un pestaggio ad opera di circa una ventina di soggetti riconducibili a gruppi neofascisti barlettani - si aggiunge ai tanti interventi di questi giorni anche quello del Circolo Arci "Carlo Cafiero" - Un'azione che ha seguito perfettamente il cliché di tutti i pestaggi fascisti: un branco, alcuni componenti a volto coperto ed un ragazzo, impotente, che si è ritrovato in pochi secondi con il volto tumefatto, lividi, abrasioni, escoriazioni».

«Nulla impedisce di definire squadrista un atto che probabilmente trova le sue radici in alcuni screzi registratisi durante il corteo che ha sfilato per le strade della città nella mattinata di venerdì scorso. Qualcuno potrebbe chiedersi, ingenuamente, cosa ci facessero in piazza in occasione una data di mobilitazione nazionale delle associazioni degli studenti medi superiori contro la Buona Scuola. Ebbene a Barletta può succedere che movimenti di estrema destra, che di sindacale hanno ben poco, facciano parassitismo politico sulle battaglie degli studenti del Polivalente (che attualmente si trovano a fronteggiare problemi legati alla mancanza di spazi nella propria scuola), capeggiando i cortei organizzati dagli stessi e rivendicandone quasi la paternità, mostrandosi interessati a tematiche tramutate in semplici pretesti utilizzati per avere visibilità. È proprio sull'onda delle medesime intenzioni che hanno provato anche "a mettere il cappello" sulla giornata del 9 Ottobre, lanciata a Barletta dall'Unione degli Studenti.

La Questura di Barletta, ha ritenuto che un gruppo di estrema destra fosse legittimato a scendere in piazza tanto quanto l'UdS e che far sfilare due movimenti politicamente opposti nello stesso tragitto non avrebbe comportato un problema di ordine pubblico. Appare evidente che la gestione messa in atto abbia evitato unicamente che manifestazioni di estrema ed ingiustificata violenza potessero verificarsi durante il percorso, nonostante sia stato permesso allo stesso tempo che i gestori dello spezzone fascista, in modo completamente indisturbato, fossero liberi di accendere fumogeni (vietati) e di rivolgere insulti ed intimidazioni ai Compagni dell'UdS. Come Arci "Carlo Cafiero" rivendichiamo il valore dell'antifascismo del nostro Paese e della nostra Città, Medaglia d'Oro al Valore Militare e al Merito Civile, richiamando l'attenzione di tutti quelli che ripugnano fascismo, brutalità e violenza: le vere facce di queste organizzazioni. Pur provando a coprirsi il volto con iniziative innocenti e dai connotati democratici, il finale ci dimostra che non si sono fatti scrupoli nel mettersi a nudo con quello che è il loro principale strumento di azione politica.

Chiediamo alle Istituzioni cittadine di esprimersi con fermezza rispetto a questi fatti e di bloccare ogni futura richiesta che possa da loro provenire, che si tratti di banchetti informativi, cortei o volantinaggi. Chiamiamo tutti coloro che si riconoscono nei valori dell'Antifascismo e della Resistenza a portare solidarietà al giovane antifascista colpito, unendoci in un unico fronte comune contro una barbarie che tutti dovrebbe smuovere nell'intimo delle proprie coscienze. Chiediamo a tutti i cittadini antifascisti e solidali di partecipare sabato 17 al corteo studentesco mattutino, da ogni scuola della città, e a seguire, fino a sera, iniziative e dibattiti sul tema dell'antifascismo;

I Barlettani hanno il dovere di dimostrare che non c'è più tolleranza per chi gli spazi - concludono i referenti del Circolo Arci nel comunicato stampa - e gli strumenti democratici non li merita isolando completamente questi soggetti nella propria vergogna».
  • Aggressione
  • Circolo Arci "Carlo Cafiero"
Altri contenuti a tema
1 Aggressione a una coppia sulla litoranea di Ponente Aggressione a una coppia sulla litoranea di Ponente Identificati gli aggressori, che avrebbero agito senza alcuna motivazione
Aggressione nella movida, la Polizia ordina la chiusura di due attività a Barletta Aggressione nella movida, la Polizia ordina la chiusura di due attività a Barletta Venerdì scorso si era verificata una violenta lite
1 Aggredito alla testa a Barletta all’esterno dei locali della movida Aggredito alla testa a Barletta all’esterno dei locali della movida La Polizia di Stato ha individuato due persone, mentre la vittima è fuori pericolo
2 Aggrediti verbalmente due vigili urbani Aggrediti verbalmente due vigili urbani La denuncia del vicesindaco Marcello Lanotte
"Ti portiamo la spesa", attivo solo il numero mobile per le prenotazioni "Ti portiamo la spesa", attivo solo il numero mobile per le prenotazioni È possibile contattare i volontari tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 10.30, esclusa la domenica
1 Spesa a domicilio per anziani: circa 100 volontari attivi a Barletta Spesa a domicilio per anziani: circa 100 volontari attivi a Barletta Una volontaria di "Non laviamocene le mani": «Consegno la spesa a un anziano, sono i suoi occhi e le sue braccia. Sentirsi utili fa bene»
Il progetto "Luigi ti amo!" dell'Arci Cafiero di Barletta diventerà realtà Il progetto "Luigi ti amo!" dell'Arci Cafiero di Barletta diventerà realtà L'idea è tra i vincitori del bando Orizzonti Solidali della Fondazione Megamark
Aggressione per omofobia? «Mio padre non è la persona descritta» Aggressione per omofobia? «Mio padre non è la persona descritta» «Si è trattato di una lite sul posto di lavoro, non di un’aggressione per omofobia»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.