Manifesti delle vittime del crollo
Manifesti delle vittime del crollo
Cronaca

Ricominciare da qui

Il dolore e l’indignazione composta ai funerali in Piazza Aldo Moro. Barletta si stringe attorno alle sue cinque sorelle

Ricominciare da qui. Da una comunità solidale, stretta attorno a cinque famiglie a cui il crollo del palazzo di via Roma ha strappato figlie, compagne, sorelle, madri. Una città insolitamente silenziosa, rispettosa, discreta. Giovani, giovanissimi, famiglie, anziani. Solo gli applausi che hanno prima accolto e alla fine salutato l'arrivo dei feretri hanno interrotto un silenzio insieme di emozione e dignità.

La scelta saggia di lasciare solo al vescovo le parole per raccogliere il dolore e quelle per lenirlo. La presenza doverosa del governo nazionale (con la ministra Carfagna), della Regione (il presidente Vendola accompagnato da diversi assessori e consiglieri), la Provincia (Ventola), molti comuni vicini, i sindacati confederali (Bonanni e Camusso). E l'amministrazione comunale al completo guidata dal sindaco Maffei.

Ricominciare anche da qui. Dagli striscioni: "Muore chi fa il suo dovere per colpa di chi non l'ha mai fatto" e "E adesso vogliamo la verità" e ancora "Dolore e indignazione", "Verità e giustizia". Panni neri in segno di lutto. Un lutto amaro, dove frustrazione e senso di impotenza si mescola alla rabbia nei confronti di coloro che di questo crollo portano la responsabilità.

Ricominciare da qui. Dal saluto ad Antonella, Matilde, Giovanna, Maria, Tina. Per loro e per le loro famiglie, ma anche per una comunità ferita, bisogna assicurare giustizia. Non diminuirà il dolore, non riporterà indietro l'orologio implacabile che segna il tempo della vita e lo separa dall'eternità della morte. Ma servirà a creare una memoria condivisa. Questa tragedia non può, non deve rimanere l'ennesimo episodio di vittime senza responsabili, senza colpevoli.

Ricominciare da qui. È vero, l'indignazione non basta. Ma oggi in quella piazza gremita di occhi rossi per il pianto, in quel dolore ancora impastato del sangue, della polvere, del gas del crollo troppo vicino, troppo recente, l'indignazione ha pietrificato una intera città. Sia di monito a coloro che da domani dovranno rispondere. È finito il tempo di chiudere un occhio, è finito il tempo del dire e non dire. Chiarezza, verità e giustizia.

Ricominciare da qui. Da Antonella, Matilde, Giovanna, Maria e Tina.

  • Amministrazione Comunale
  • Barlettanità
  • Grandi emergenze
Altri contenuti a tema
Punto di Facilitazione Digitale di via Zanardelli chiuso il 13 e 14 maggio Punto di Facilitazione Digitale di via Zanardelli chiuso il 13 e 14 maggio L'avviso dell'amministrazione comunale
Lavori di privati in via Roma, le precisazioni del Comune di Barletta Lavori di privati in via Roma, le precisazioni del Comune di Barletta La nota di palazzo di città
Polemiche, fibrillazioni, colpi di scena: il 2023 della politica barlettana Polemiche, fibrillazioni, colpi di scena: il 2023 della politica barlettana Cronaca di un anno trascorso tra rimpasti, riposizionamenti e anime della maggioranza (ma l’opposizione non scherza) a guardarsi in cagnesco
Coppia di Barletta racconta il dramma dell'alluvione in Emilia Romagna Coppia di Barletta racconta il dramma dell'alluvione in Emilia Romagna «Ci sono persone che hanno perso tutto», i due barlettani vivono a Cesena da 20 anni
Centenario del Gruppo Medaglie d’Oro al Valor Militare d'Italia, Barletta presente Centenario del Gruppo Medaglie d’Oro al Valor Militare d'Italia, Barletta presente Il gonfalone della città a Roma durante la cerimonia con il ministro Crosetto
“Nostalgia di Barletta”, quell’opera incompiuta scritta con amore per la città “Nostalgia di Barletta”, quell’opera incompiuta scritta con amore per la città L’appello dei figli di Pietro Digaeta, autore della collana: «Sarebbe bello completare il progetto di nostro padre»
Lavori Scuola “G. Rodari”, firmato il contratto Lavori Scuola “G. Rodari”, firmato il contratto Al via l’intervento di impermeabilizzazione dei lastrici solari di copertura
Coalizione Civica: “Barletta libera solo dalla democrazia” Coalizione Civica: “Barletta libera solo dalla democrazia” Il gruppo consigliare: ”Accettate le nostre proposte ma rifiutate molte. Perché non se ne è discusso?”
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.