Premiata la ricercatrice Vincenza Conteduca
Premiata la ricercatrice Vincenza Conteduca
La città

Ricerca sul tumore alla prostata, premiata la barlettana Vincenza Conteduca

Intervista alla promettente ricercatrice dopo il riconoscimento della European Society for Medical Oncology

Un talento barlettano riconosciuto a livello internazionale, un orgoglio tutto italiano nella lotta contro il cancro: Vincenza Conteduca, originaria di Barletta, è medico oncologo dell'Istituto Tumori della Romagna Irst Irccs. Dopo esser stata riconosciuta dall'ASCO di Chicago come una delle più promettenti ricercatrici del mondo, la giovane dottoressa ha ritirato il mese scorso a Madrid il premio della European Society for Medical Oncology per i suoi studi sul tumore alla prostata condotti tra Londra e Meldola. Sarà inoltre insignita del premio internazionale "Pugliesi nel Mondo" promosso dall'omonima associazione proprio a Barletta il prossimo 16 dicembre nell'elegante cornice del nostro teatro "Curci".

BarlettaViva ha intervistato la dottoressa Conteduca per conoscere da vicino il suo percorso e porgerle i complimenti per questi prestigiosi riconoscimenti da parte della comunità scientifica internazionale.

Dopo il prestigioso Merit Award assegnatole dalla American Society of Clinica Oncology (ASCO), la Società Europea di Oncologia Medica (ESMO) ha voluto onorare e riconoscere attraverso l'ambito Best Fellowship Europe il merito per essersi distinta negli studi e nei risultati della ricerca nell'ambito uroginecologico. Quali sono state le scelte che hanno permesso tale autorevole escalation professionale?
«Dopo aver conseguito la laurea in medicina e chirurgia, la specializzazione ed il dottorato di ricerca in Oncologia in Puglia, ho vinto il concorso da Dirigente medico all'Istituto Tumori dell'Emilia Romagna (IRST) a Meldola (FC). Tale ospedale mi ha dato l'opportunità di continuare a combinare l'attività di ricerca a quella clinica e di partecipare nel 2014 alla borsa di studio della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO). Per tre anni ho proseguito la mia ricerca a Londra creando importanti collaborazioni estere che l'anno prossimo mi porteranno a lavorare alla Weill Cornell Medicine University a New York. Quindi la passione per la ricerca, la scelta di grandi Maestri e la disponibilità a spostarmi all'estero credo siano state le basi delle mie esperienze lavorative».

Entrando nel merito della sua ricerca, essa presenta come oggetto di analisi il tumore alla prostata che attualmente si attesta la neoplasia maschile più diffusa nella popolazione italiana. Quali aspetti specifici della fenomenologia del tumore sono emersi dai suoi studi?
«I miei studi nel carcinoma prostatico hanno confermato un ruolo predominante del recettore degli androgeni nella patogenesi di tale tumore. In particolare, il mio gruppo di ricerca ha evidenziato il ruolo prognostico-predittivo di specifiche alterazioni genetiche, quali mutazioni e variazioni del numero di copie, a carico del recettore degli androgeni. Tali alterazioni genetiche sono state studiate in maniera rapida e non invasiva, sequenziando il DNA nel sangue dei pazienti affetti da carcinoma della prostata».

Punto focale degli studi di ricerca è stata l'individuazione di modalità di cura alternative meno invasive. Queste nuove possibilità terapeutiche quale tipo di miglioramento promettono di apportare al paziente in cura?
«I farmaci studiati nella mia ricerca, come in quelle del maggior numero degli studi nel tumore prostatico avanzato, sono quelli ormonali diretti contro la produzione degli androgeni e quindi caratterizzati da una buona efficacia e tollerabilità. Le nuove possibilità terapeutiche saranno sempre più mirate contro specifici target terapeutici evitando la distruzione massiva delle cellule tumorali e no da parte della chemioterapia».

Oggi si ritiene sempre più necessaria una personalizzazione della terapia durante la cura. In che modo le terapie più recenti vanno incontro a tale esigenza?
«Attualmente molti farmaci sono disponibili per il carcinoma prostatico. Le nuove scoperte scientifiche, inclusa quella del mio gruppo di ricerca, permettono una personalizzazione delle terapie in base alla presenza di alterazioni genetiche a carico del recettore degli androgeni e di altri target terapeutici. In molti casi basterebbe un semplice prelievo di sangue prima di ogni trattamento ed un'analisi genetica accurata del DNA per decidere la migliore terapia per il paziente».

Ritiene che la ricerca scientifica in Italia, al di là dell'indiscutibile patrimonio intellettuale di cui gode e di cui lei è testimonianza, detenga gli strumenti per avere un ruolo di guida nella ricerca oncologica a livello internazionale?
«Credo che l'Italia abbia tante potenzialità per competere con gli altri Paesi nel campo della ricerca medica in termini di risorse umane e laboratori di ricerca. Tuttavia, il nostro Paese dovrebbe incentivare i finanziamenti alla ricerca sostenendo le spese legate agli esperimenti soprattutto quelli che prevedono il sequenziamento del DNA (purtroppo molto costosi) e soprattutto supportando i giovani con borse di studio in modo da non avere più necessità di andare all'Estero per veder concretizzati i propri sogni».
Premiata la ricercatrice Vincenza ConteducaPremiata la ricercatrice Vincenza Conteduca
  • Premio
  • Ricerca sui tumori
  • Intervista
  • Barlettani nel mondo
Altri contenuti a tema
Esther, la nuova wave della Trap viene da Barletta Esther, la nuova wave della Trap viene da Barletta Vent'anni, tanta voglia di comunicare e il successo che attraversa le varie piattaforme digitali
Dall'Unimri Barletta riconoscimento per Giuseppe Dicuonzo Sansa Dall'Unimri Barletta riconoscimento per Giuseppe Dicuonzo Sansa Cittadino barlettano ed esule istriano, è stato testimone di una storia ancora poco conosciuta
Safer Internet Day 2021, premio per gli alunni della "Modugno- Moro" di Barletta Safer Internet Day 2021, premio per gli alunni della "Modugno- Moro" di Barletta I ragazzi della classe I G vincono il concorso Hackathon "An internet we trust, è tempo di dire la nostra"
4 Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta «Nessuno scandalo in un progetto concertato sull’intera piazza che unisca la ristrutturazione del fabbricato alla valorizzazione ed alla memoria»
Ricercatore barlettano sviluppa un’innovativa tecnica per la valutazione dello stato di salute dei coralli Ricercatore barlettano sviluppa un’innovativa tecnica per la valutazione dello stato di salute dei coralli Lo studio ha riguardato l'ambiente coralligeno di Hong Kong
"Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis "Opera senza Autore", intervista al giovane autore Luciano De Pascalis Lo studente di origine andriese, ma salentino di adozione, si racconta
Cosa significa essere donna oggi? L'opinione di Luisa Rizzitelli Cosa significa essere donna oggi? L'opinione di Luisa Rizzitelli Intervista alla giornalista barlettana impegnata attivamente per i diritti umani e civili
«Il vero coraggio è avere paura e non lasciarsi mai cullare nelle proprie certezze» «Il vero coraggio è avere paura e non lasciarsi mai cullare nelle proprie certezze» Cinzia Conteduca, "fearless" e coraggiosa ricercatrice di Barletta, è stata tra le protagoniste del TEDx BarlettaWomen
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.