Conferenza revolving
Conferenza revolving
Cronaca

Revolving, tre avvisi di garanzia alla Barclay’s Italia

Nuovo capitolo dell'indagine della procura di Trani. I reati contestati sono quelli di truffa ed usura aggravate

A sei mesi di stanza dalla notifica degli avvisi ci conclusione delle indagini preliminari svolte nei confonti di American Express, la procura di Trani non si ferma. In eguito all'attività investigativa condotta con l'ausilio degli uomini del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Bari, sono state notificate tre informazioni di garanzia ed inviti a presentarsi per rendere interrogatorio a dirigenti apicali in Italia della Barclay's bank, Istituto di credito internazionale. I reati contestati sono quelli di truffa ed usura aggravate e continuate in danno di cittadini residenti nel circondario della procura tranese.

In particolare, l'indagine, coordinata dal pm Michele Ruggiero, ha accertato che la Barclay's bank, dopo aver elargito prestiti di denaro attraverso il rilascio di carte di credito del tipo revolving, denominate «Carta Barclaycard» (gold e classic) e predisposto unilateralmente le corrispondenti clausole contrattuali, fra queste aveva contemplato quella denominata «Credito protetto», inerente una copertura assicurativa facoltativa (a carico del titolare della carta) che prevede l'addebito di un premio pari allo 0,69% del saldo mensile. Per attivare la clausola assicurativa, l'Istituto necessitava di un apposito e documentato consenso da parte del cliente o attraverso la sottoscrizione della specifica clausola o mediante il telemarketing (ritenuto meccanismo non valido dagli inquirenti).

La procura tranese, attraverso i suoi consulenti e dopo aver eseguito perquisizioni e sequestri nella sede di Milano di Barclay's, ha analizzato 439 casi del nostro territorio, prendendo in considerazione un periodo che va dal 2008 al 2009. Le indagini hanno dimostrato che in 10 casi la clausola era stata attivata all'oscuro del cliente, mentre in altri 323 casi l'Istituto ha asserito di aver fatto ricorso al consenso orale non avendo però in 200 casi le registrazioni delle conversazioni. Secondo la procura, così operando, la banca, attraverso una società di assicurazione (la Cardif) si faceva corrispondere dai clienti titolari della carta Barclaycard, degli interessi di carattere usurario.

In sostanza, la procura ritiene illecito l'addebito del premio assicurativo, considerandolo un onere aggiuntivo collegato all'erogazione del credito, la cui contabilizzazione determinava il superamento del tasso soglia previsto con riguardo agli interessi corrispettivi. Ad essere colpiti (a loro insaputa) molti piccoli risparmiatori.

I fatti sono resi ancor più gravi per essere stati commessi dalla banca agendo nell'esercizio di un'attività professionale bancaria e di intermediazione finanziaria mobiliare e con abuso di poteri e violazione di doveri inerenti un pubblico servizio quale l'attività bancaria e di intermediazione finanziaria autorizzata.

Il procuratore capo, Carlo Maria Capristo, ha sottolineato che è volontà dell'ufficio inquirente di continuare ad indagare su condotte analoghe a quelle finora investigate da parte di altri Istituti. Dell'indagine su Barclay's è stato informato anche il governatore della banca d'Italia per le determinazioni di legge di competenza
19 fotoConferenza Revolving
Conferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolvingConferenza revolving
  • Indagini
  • Procura della Repubblica
  • Prefetto
Altri contenuti a tema
L’Associazione Avvocati Barletta incontra il Prefetto della Provincia di Barletta-Andria-Trani L’Associazione Avvocati Barletta incontra il Prefetto della Provincia di Barletta-Andria-Trani La cronaca dell'incontro in prefettura
Il procuratore capo Renato Nitti a Barletta per riflettere sulla mafia Il procuratore capo Renato Nitti a Barletta per riflettere sulla mafia «I cittadini rompano il muro del silenzio»
Presentata la lista "Scegliere per Rinnovare" per le elezioni del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trani Presentata la lista "Scegliere per Rinnovare" per le elezioni del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Trani Il candidato Presidente è l’avv. Salvatore Pasquadibisceglie di Trani
Il prefetto Bat in visita alla capitaneria di porto di Barletta Il prefetto Bat in visita alla capitaneria di porto di Barletta Hanno illustrato le varie attività che vengono svolte quotidianamente
Storia Patria di Barletta incontra il prefetto Riflesso Storia Patria di Barletta incontra il prefetto Riflesso La dott.ssa Riflesso ha assicurato la disponibilità della prefettura a collaborare ad iniziative opportunamente concordate
Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Al centro dell'incontro anche il punto sull’ex Palazzo delle Poste
Indagini dark web, coinvolto l'avvocato barlettano Cianci Indagini dark web, coinvolto l'avvocato barlettano Cianci Il legale, difensore dei tre giovani coinvolti nell'inchiesta, si trova ai domiciliari
Omicidio a Margherita di Savoia, il prefetto: "Innalzare il livello di attenzione" Omicidio a Margherita di Savoia, il prefetto: "Innalzare il livello di attenzione" Ieri un 17enne barlettano si è costituito per l'accaduto
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.