Soldi
Soldi
Scuola e Lavoro

Rc Auto: nella Bat presentato il numero più alto di denunce

Il 6,5% degli automobilisti pugliesi dovrà cambiare classe di merito. L’UNI.CONS: «Basta vessare i cittadini»

Avevamo già parlato in precedenza dei rincari partiti dal 1 gennaio 2011. Giungono ancora notizie di rincari circa l'RC Auto. Da un'indagine di Assicurazione.it, il 6,5% degli automobilisti pugliesi, avendo causato un incidente stradale in quest'ultimo anno, dovrà cambiare classe di merito, ovvero la "scala" per l'attribuzione delle penalizzazioni o dei vantaggi che si evolve ad ogni scadenza annuale.

Gli aumenti saranno consistenti: andranno dal 20 al 50% in più per ogni automobilista. Essi sarebbero dovuti alle truffe che le compagnie subiscono dai cittadini pugliesi; pare infatti che i residenti nella Bat siano stati coloro che hanno esposto più denunce di sinistri stradali, più precisamente l'8,76%, seguiti dai baresi e dai tarantini. In contrapposizione, i leccesi, definiti i più "corretti", il 5,67% di loro ha presentato denuncia di sinistro con colpa. Sempre dall'indagine è emerso che i medici e gli insegnanti sono le categorie professionali che hanno causato il maggior numero di incidenti; sembrerà strano ma i sacerdoti e i vigili urbani sono stati gli automobilisti più prudenti.

A fare chiarezza e ad allarmare i cittadini pugliesi in questi giorni, è l'UNI.CONS ovvero l'unione tutela dei cittadini e consumatori, la quale ha annunciato: «Basta vessare i cittadini» e ha evidenziato nel comunicato stampa: «Ci sembra solo un pretesto per speculare ulteriormente in un mercato dominato da un cartello di compagnie che non fa nulla per creare vera concorrenza e tariffe più basse per gli assicurati».

L'associazione chiede che l'istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (l'ISVAP) intervenga per frenare questa corsa all'aumento. Anche gli automobilisti più prudenti e onesti saranno costretti a pagare quote più alte per l'Rc Auto. L'unione tutela dei cittadini e consumatori non ritiene giusto che a pagare questa situazione di illegalità siano tutti gli automobilisti, che si vedono ogni anno aumentare i premi a cifre improponibili.
  • Famiglia
  • Crisi economica
  • Soldi
  • Risparmio
  • Tasse
  • Rc Auto
Altri contenuti a tema
Piccoli prestiti: ecco come ottenerli per acquistare l’auto nuova o andare in vacanza Piccoli prestiti: ecco come ottenerli per acquistare l’auto nuova o andare in vacanza Un piccolo prestito, la soluzione per non rinunciare ai propri sogni
Le fondazioni di famiglia Le fondazioni di famiglia Un modo per vincolare il patrimonio familiare per uno scopo specifico
A Barletta la scuola di formazione permanente per famiglie e sposi A Barletta la scuola di formazione permanente per famiglie e sposi L'iniziativa è promossa dall'Ufficio diocesano "Famiglia e Vita"
1 Vince un milione di euro al Superenalotto ma non ha ancora riscosso la vincita Vince un milione di euro al Superenalotto ma non ha ancora riscosso la vincita La giocata fortunata ad un bar in via Parrilli lo scorso 23 giugno
Fare impresa a Barletta costa troppo, le tasse sono pari al 64,8% Fare impresa a Barletta costa troppo, le tasse sono pari al 64,8% De Marinis: «Il fisco non deve essere più il socio pubblico di artigiani e piccoli imprenditori»
Bonus fornitura idrica per le famiglie di Barletta Bonus fornitura idrica per le famiglie di Barletta I cittadini in condizione di disagio economico e in possesso dei requisiti potranno richiedere il bonus
4 Fiocco rosa a Barletta, ecco la prima nata del 2018 Fiocco rosa a Barletta, ecco la prima nata del 2018 La piccola, residente a Trinitapoli, è la primogenita di una famiglia romena
15 Colpo di fortuna a Barletta, vinti 100mila euro al "Miliardario" Colpo di fortuna a Barletta, vinti 100mila euro al "Miliardario" Fine anno col botto, il vincitore è un giovane 30enne barlettano
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.