Disastro ferroviario
Disastro ferroviario
Religioni

Quattro anni dal disastro ferroviario, una messa in ricordo delle 23 vittime

Sabato alle 19.30 ad Andria, Mansi: «Siamo tutti bisognosi perché tutti siamo fragili»

Dopo quattro anni da quel 12 luglio del 2016 in cui due convogli della ferrovia Bari Nord, percorrendo a velocità sostenuta il tratto a binario unico tra Andria e Corato, impattarono l'uno contro l'altro, provocando 23 morti e 50 feriti il tempo trascorso non ha mutato la memoria, la sofferenza e il desiderio di verità e giustizia.

23 vite spezzate, alcune molto giovani, stroncate da un evento improvviso che si è abbattuto su di loro senza un ragionevole motivo. Il Vescovo Luigi Mansi nel ricordare questa tragedia ha sottolineato: «I momenti di dolore, quando si celebra una ricorrenza, diventano momenti in cui dirci una parola di conforto, di coraggio e di speranza. Abbiamo bisogno di solidarietà, abbiamo bisogno di relazioni umane vere. Viviamo in un mondo in cui è facile vivere insieme, ma nello stesso tempo isolati. Viviamo insieme, ma spesso, nell'indifferenza. Quante sofferenze nella vita di ciascuno, nelle nostre case. Siamo tutti bisognosi. Siamo tutti bisognosi perché tutti siamo fragili, è la nostra condizione umana. L'uomo è capace di grandi conquiste, e lo vediamo. La nostra è un'epoca che ha fatto dei grandi progressi. L'uomo è capace di grandi cose, ma basta pochissimo, basta una malattia, basta una disattenzione, basta un errore, quello che noi chiamiamo incidente, per interrompere il cammino della vita. "Il tuo Spirito, o Padre, ci guidi nella santità e nella giustizia in tutti i giorni della nostra vita, perché dopo averti servito in questo mondo in comunione con la tua Chiesa, sorretti dalla fede, confortati dalla speranza, uniti nella carità, possiamo giungere insieme con tutti i nostri fratelli e sorelle nella gioia del tuo regno"».

Con la Celebrazione Eucaristica, presieduta da Mons. Mansi, che si terrà Sabato 11 luglio 2020 alle ore 19:30 presso il cortile dell'Oratorio Salesiano, Andria ci lasceremo avvolgere ancora una volta dall'amore di Dio che mai dimentica i suoi figli. L'occasione sarà propizia per far sentire, alle famiglie colpite dal dolore, la vicinanza dell'intera comunità ecclesiale, dei cittadini di Andria e delle città limitrofe. Vogliamo condividere questo dolore perché appartiene a tutti; perché il dolore condiviso fa meno male e perché questo dolore ci ha colpiti "in casa".
  • Ferrovie Bari Nord
  • Disastro ferroviario
  • Ferrotramviaria
Altri contenuti a tema
Soppresse le fermate dei bus di Ferrotramviaria sul lungomare Mennea Soppresse le fermate dei bus di Ferrotramviaria sul lungomare Mennea Da domani a lunedì non verranno effettuate le fermate sul lungomare e in via Violante
24 Linea Bari-Barletta, in arrivo sei nuovi elettrotreni "Pop" Linea Bari-Barletta, in arrivo sei nuovi elettrotreni "Pop" Investimento di 36 milioni di euro
Sei anni dalla strage dei treni, la commemorazione a Bari Sei anni dalla strage dei treni, la commemorazione a Bari «Non dobbiamo scegliere tra la sicurezza e la velocità dei treni, il diritto alla mobilità è un diritto di tutti», le parole di Decaro
1 Sei anni fa il disastro ferroviario della Bari Nord Sei anni fa il disastro ferroviario della Bari Nord Alle 11:06, orario del tragico impatto, un momento di silenzio
1 “Cosa ne pensate del servizio?”, Ferrotramviaria pubblica i risultati del questionario “Cosa ne pensate del servizio?”, Ferrotramviaria pubblica i risultati del questionario L’indagine avvenuta nel corso di novembre e dicembre 2021 mirava ad attestare la soddisfazione dei viaggiatori
Obbligo Green Pass sui mezzi Ferrotramviaria dal 6 dicembre Obbligo Green Pass sui mezzi Ferrotramviaria dal 6 dicembre La decisione sarà in vigore fino al 15 gennaio 2022
Nuovi elettrotreni destinati alla linea Bari - Barletta Nuovi elettrotreni destinati alla linea Bari - Barletta Sono 5 i nuovi mezzi acquistati a Ferrotramviaria
Strage ferroviaria, il grido di giustizia: «Sia fatta luce sulla tragedia» Strage ferroviaria, il grido di giustizia: «Sia fatta luce sulla tragedia» La nota del Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.