Corsia ospedale
Corsia ospedale
Cronaca

Prevenire l’emergenza al sud, Provenzano: «Le istituzioni hanno bisogno dei cittadini»

Il sud resiste, ma è lì che adesso potrebbe spostarsi l’emergenza

«Se l'epidemia fosse scoppiata al sud sarebbe stata un'ecatombe». Si apre così l'intervista del Ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, rilasciata al Corriere della Sera. Una frase detta con un certo senso di rabbia, spiega il Ministro, «perché tutti quei divari già messi a fuoco – precisa durante il programma Studio 24 – ora sono ancora più urgenti da colmare».

Sono cauti gli esperti nel parlare di un appiattimento della curva, dopo il calo di contagi registrati per due giorni di seguito. Un dato che al nord deve essere consolidato, ma che fa ben sperare per una lenta ripresa. Il sud resiste, ma è lì che adesso potrebbe spostarsi l'emergenza. «Stiamo lavorando per fronteggiare il dilagare del contagio – ha aggiunto il Ministro Provenzano, durante il programma Rai – Auspichiamo che questo non accada perché le misure che abbiamo adottato devono esplicare i loro effetti». Per questo, «è essenziale che in questi giorni vengano rispettate con la massima cura».

Mentre è stata elevata la disponibilità dei medici del sud di unirsi alla task force, aderendo al bando elaborato dal Governo, il sistema sanitario meridionale mantiene le sue fragilità. È sullo scenario peggiore che si sta lavorando in queste ore, intensificando i posti di terapia intensiva: «Il sud partiva con circa 1700 posti letto in terapia intensiva – ha spiegato Giuseppe Provenzano – Dobbiamo arrivare almeno a 3500, oggi siamo a 2400. Si sta lavorando ora per ora per far crescere questi numeri».

Lo scenario peggiore ipotizzato dalla Regione Puglia è di 2 mila contagi da Covid-19. Oggi siamo a quota 906 casi confermati e 330 pazienti ricoverati. Tutto dipenderà dalla responsabilità individuale di attuare il distanziamento sociale come unico antidoto all'emergenza sanitaria. La prova di responsabilità della maggioranza dei cittadini non deve essere vanificata: «Le istituzioni hanno bisogno dei cittadini per vincere questa battaglia».
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

336 contenuti
Altri contenuti a tema
COVID-19, ultimi aggiornamenti dalla Regione Puglia: in totale 2182 positivi COVID-19, ultimi aggiornamenti dalla Regione Puglia: in totale 2182 positivi Solo oggi sono stati registrati 20 decessi
2 Covid-19, più di 200 famiglie al banco alimentare: «Barletta ha un cuore grande» Covid-19, più di 200 famiglie al banco alimentare: «Barletta ha un cuore grande» Chiunque ne abbia bisogno può rivolgersi ogni mattina ai volontari dell’iniziativa “La spesa che non pesa”
Emergenza Coronavirus, riunione urgente COC Barletta Emergenza Coronavirus, riunione urgente COC Barletta Oggi videoconferenza sulle misure di protezione sociale
Continuano i controlli e le sanzioni nella provincia Barletta-Andria-Trani Continuano i controlli e le sanzioni nella provincia Barletta-Andria-Trani Nella giornata di ieri, mercoledì 1 aprile, sono stati fermati 1241 cittadini
L'ANPI BAT dona i proventi del tesseramento alla Protezione Civile pugliese L'ANPI BAT dona i proventi del tesseramento alla Protezione Civile pugliese «Solo uniti, sostenendoci l’un l’altro, superando ogni egoismo, ce la faremo»
Nuovo bollettino dalla Regione Puglia, in totale 126 i casi nella Bt Nuovo bollettino dalla Regione Puglia, in totale 126 i casi nella Bt Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 2.077. Salgono a 65 i pazienti guariti
Guarito dal Coronavirus, finalmente dimesso Don Cosimo di Barletta Guarito dal Coronavirus, finalmente dimesso Don Cosimo di Barletta «Grazie carissimi medici, infermieri e operatori sanitari del Presidio Ospedaliero di Bisceglie. Siete forti. Siamo tutti con voi»
Buoni spesa: servizio gratuito nei patronati Cgil Bat Buoni spesa: servizio gratuito nei patronati Cgil Bat La precisazione di Michele Valente, responsabile dell’Inca Bat, in merito a quanto riportato in una nota del Comune di Barletta
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.