Pozzo artesiano ad Andria
Pozzo artesiano ad Andria
Territorio

Pozzo artesiano ad Andria, continua l'allerta anche per Barletta

Richiesta di inibire l'uso dei pozzi fino ad accertamenti

Inibire l'uso dei pozzi situati nella zona di via vecchia Barletta, fino ad accertamenti con analisi chimico-tossicologiche allargate anche alle sostanze cancerogene. A chiedere questo urgente intervento è il Comitato tecnico scientifico di Onda D'Urto -uniti contro il cancro-, presieduto dal medico dottor Tommaso Di Renzo, della benemerita associazione andriese che si batte per eliminare ogni possibile aspetto che può provocare rischi per la salute umana. La richiesta è contenuta in una lettera aperta inviata al Sindaco di Andria, all'Assessore comunale all'Ambiente ed al dirigente dell' Ufficio Ambiente

"Crediamo che una corretta e trasparente informazione da parte dell'amministrazione civica sia doverosa nei confronti dei cittadini allarmati dal fatto che la falda freatica che interessa il territorio di via Vecchia Barletta sia risultata inquinata da sostanze che provocano il cancro. Ricordiamo che tale gravissima situazione è stata scoperta in modo bizzarro. I cani dei signori Ferri si sono rifiutati di bere acqua attinta dal pozzo artesiano dell'azienda e hanno indotto a cautela e conseguente denuncia alla pubblica autorità.

I geologi Francesco Bartucci e Riccardo Losito hanno sollecitato cautela e fatto notare che le falda acquifera per sua natura presenta elementi di flusso intercomunicanti. Noialtri sommessamente facciamo notare che questa acqua viene usata per scopo irriguo dai contadini per il tramite dei pozzi artesiani. Chiediamo pertanto di verificare se i pozzi artesiani a valle del punto di accertato inquinamento siano parimenti da inibire per evitare che acqua contenente gli stessi agenti possano provocare pericolose malattie nella popolazione.

Nel frattempo i signori Ferri ci hanno comunicato che uno dei cani si è ammalato di cancro. Ci chiediamo se i consumatori che hanno utilizzato ortaggi coltivati in campi irrigati con la stessa acqua inquinata abbiano corso lo stesso rischio. Chiediamo di adottare il principio di cautela, di inibire l'uso dei pozzi fino ad accertamenti con analisi chimico-tossicologiche allargate anche alle sostanze cancerogene", conclude la nota del Comitato tecnico scientifico di Onda D'Urto, a firma del medico Dott. Tommaso Di Renzo.
  • Situazione di pericolo
Altri contenuti a tema
Crolla una gigantesca tettoia in via Torino per il forte vento Crolla una gigantesca tettoia in via Torino per il forte vento Miracolosamente nessun ferito: sul posto Vigili del Fuoco, Polizia locale e Carabinieri
Bici elettriche, Lega Salvini presenterà un'interrogazione in consiglio comunale Bici elettriche, Lega Salvini presenterà un'interrogazione in consiglio comunale Il capogruppo Flavio Basile: «Bisogna regolamentare e sanzionare»
1 Emergenza bici elettriche a Barletta, «utili ma pericolose» Emergenza bici elettriche a Barletta, «utili ma pericolose» Francesco Doronzo (Lega): «Carenza di controlli, bisogna intervenire»
Insulti in strada, «ho pensato all'omicidio avvenuto ad Andria» Insulti in strada, «ho pensato all'omicidio avvenuto ad Andria» Un lettore segnala: «Una moto voleva passare a tutti i costi e ci ha aggredito con parole pesanti»
Caos "Samara" anche a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi Caos "Samara" anche a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi Diversi i casi nella provincia Bat, «branco contro il singolo per ridere della paura»
1 Pino in via Dimiccoli, marciapiede dissestato Pino in via Dimiccoli, marciapiede dissestato La segnalazione: «Può rappresentare un pericolo»
2 Pericolo in via Vittorio Veneto, attenzione alle radici sporgenti Pericolo in via Vittorio Veneto, attenzione alle radici sporgenti Tarantino e Leone: «Il marciapiede è pieno di fossi e dislivelli»
Cadono calcinacci in via Monfalcone, tratto messo in sicurezza Cadono calcinacci in via Monfalcone, tratto messo in sicurezza Nessun ferito ma danni ad un'automobile in sosta
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.