Potature «inappropriate» a Barletta secondo Legambiente
Potature «inappropriate» a Barletta secondo Legambiente
Associazioni

Potature «inappropriate» a Barletta, «il verde pubblico non è uno spot»

La lettera del circolo Legambiente di Barletta: «Superficialità nella cura dei nostri alberi»

Cura del verde pubblico, anche in tempi di pandemia è indispensabile curare la natura urbana, ed è così che il circolo Legambiente di Barletta ha divulgato la seguente lettera aperta per denunciare la "capitozzatura irregolare" di alcuni alberi in città.

«Sono accaduti, nelle ultime settimane e nella nostra città, fatti rispetto ai quali non possiamo rimanere indifferenti né tanto meno in silenzio; forse qualcuno ha pensato male che in tempi di lockdown come "in amore e in guerra tutto sia lecito", ma così non è e non può continuare ad essere...Siamo profondamente amareggiati nel constatare che nell'uscire dal confinamento degli ultimi mesi,anziché ritemprarci alla vista del verde dei nostri giardini e delle nostre strade ci ritroviamo a fare la conta dell'ennesimo scempio perpetrato ai danni del nostro patrimonio arboreo, per mezzo di potature improvvisate e, a nostro avviso, illegittime, oltreché fuori stagione.

Ci chiediamo allora se il verde urbano e l'ambiente non siano considerati da molti solo degli efficaci spot, sventolati ad arte per raccogliere un po' di consenso durante le manifestazioni pubbliche, salvo poi non essere in grado di garantire una manutenzione, costante, attenta e basata soprattutto su conoscenze scientifiche del ciclo vitale delle piante.Ci lascia sempre più disarmati e sconcertati la pessima gestione del verde urbano, in una città come la nostra, che tra l'altro può contare sulla presenza del circolo Legambiente, che attraverso i suoi volontari, non manca di profondere il massimo impegno nel preservare quel po' di natura e colore che ancora si riesce a scrutare tra i palazzi del centro urbano. Ma custodire e piantare nuovi alberi, non può bastare, se quegli stessi alberi vengono trascurati e forse anche maltrattati con pratiche di potatura e capitozzatura irregolari.

Gli ultimi di una lunga serie di inappropriati interventi sul verde urbano sono quelli di potatura effettuati alla fine del mese di aprile sui Lecci ubicati in Piazza Aldo Moro e il 4 maggio 2020 sugli Olmi ubicati lungo Corso Vittorio Emanuele, nei pressi dell'Orologio di San Giacomo. Il danno arrecato non si limita solo alle modalità di potatura, ma all'aver eseguito la stessa potatura in un periodo dell'anno assolutamente sbagliato, tanto da potersi considerare totalmente inappropriata, oltre che vietata dal Regolamento comunale per la tutela e la fruizione del patrimonio verde urbano pubblico e privato (approvato con delibera di Consiglio comunale n.18 del 24/03/2017); testo normativo di riferimento a livello cittadino che disciplina praticamente tutti, o quasi, gli interventi effettuabili sul verdeurbano.

Basterebbe limitarsi ad osservare quanto previsto dal suddetto regolamento per tutelare il nostro patrimonio arboreo; tuttavia,improvvisati agronomi disfano ciò che in anni la natura è riuscita a costruire. Che non si fraintenda il senso di questo nostro accorato appello,perché non siamo contrari a quegli interventi che si rendono necessari, quali ad esempio, l'eliminazione di rami secchi, lesionati o ammalati o che possono rappresentare un pericolo per la pubblica incolumità.

Quello che si intende invece stigmatizzare è una gestione incompetente del verde urbano che, a seguito di interventi come quelli summenzionati, comporta il deperimento del nostro patrimonio arboreo: gli alberi, infatti, che vengono sottoposti a eccessivo stress da taglio, finiscono con l'indebolirsi, ammalarsi ed essere attaccati da parassiti, per poi arrivare all'ormai consuetudinaria, ma pretestuosa giustificazione dell'abbattimento con motivazioni del tipo "l'abbiamo dovuto abbattere... era malato". Eh no!!! Malato è chi persevera nella stessa cattiva gestione del verde urbano, nonostante l'evidente pessimo stato del patrimonio arboreo urbano.

Si continua a non comprendere che, non è assolutamente conveniente trascurare gli alberi, per poi potarli in malo modo e successivamente ritrovarsi a doverli abbattere e, quindi, sostituire con altri.Inoltre, al danno economico dovuto all'acquisto e alla piantumazione di nuovi alberi, che si riversa sulle tasche di noi tutti, si aggiunge quello ambientale consistente nel ritrovarsi a vivere in una città piena di cemento, con al massimo giovani "alberelli".Di questo passo e con questa gestione del verde, forse ci sarà preclusa la possibilità di godere, un giorno, dello spettacolo dorato di un Ginkgo biloba o dello stupore di un bambino che osserva un Liquidambar color fuoco o ancora un poliedrico Carrubo.

Stanchi, ma decisi a non attendere oltre chiarimenti e provvedimenti sulla gestione del verde urbano, intanto esigiamo di conoscere il responsabile o i responsabili di tanta superficialità nella cura dei nostri alberi e, qualora ve ne fossero gli estremi, non esiteremo a rivolgerci alle competenti Autorità Giudiziarie, per l'accertamento di eventuali responsabilità nel danneggiamento della cosa pubblica e per il risarcimento dei conseguenti danni».
  • Verde pubblico
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
“Puliamo il Mondo”, a Barletta la collaborazione di Legambiente e Despar Centro-Sud “Puliamo il Mondo”, a Barletta la collaborazione di Legambiente e Despar Centro-Sud Cannillo: «Potenziati gli investimenti eco-sostenibili nel nostro piano di sviluppo»
Le 10 proposte di Legambiente Puglia ai candidati presidente Le 10 proposte di Legambiente Puglia ai candidati presidente Ambiente, salute e lavoro per un Green New Deal Pugliese
1 A Barletta i Giardini "Baden Powell" saranno ripuliti da volontari A Barletta i Giardini "Baden Powell" saranno ripuliti da volontari Appuntamento al 19 settembre per la pulizia del parco risultato vincitore del concorso "Puliamo il tuo parco"
2 A Barletta è possibile adottare aree verdi, l'appello di Cannito ai cittadini A Barletta è possibile adottare aree verdi, l'appello di Cannito ai cittadini La richiesta può essere inoltrata per tutte le aree verdi della città, tranne per quelle dei giardini del Castello, della villa Bonelli e della Scuola “Musti”
1 Ecco come le aree verdi di Barletta potranno essere adottate dai cittadini Ecco come le aree verdi di Barletta potranno essere adottate dai cittadini Sarà possibile adottare tutte le aree verdi della città, tranne quelle dei giardini del Castello, della villa Bonelli e della Scuola “Musti”
4 "Fortemente inquinata" la foce del canale di Ponente a Barletta "Fortemente inquinata" la foce del canale di Ponente a Barletta È il risultato del monitoraggio di Goletta Verde: siamo tra i due punti oltre i limiti di legge su 23 campionati
2 L'insormontabile distanza tra rifiuti e rispetto, nota di Legambiente Barletta L'insormontabile distanza tra rifiuti e rispetto, nota di Legambiente Barletta Gozzoviglie a pochi metri dal mare, «siete i cittadini peggiori, una vergogna per Barletta»
Anche a Barletta il flash-mob di Legambiente “Usa e getta? No grazie” Anche a Barletta il flash-mob di Legambiente “Usa e getta? No grazie” Lotta al rifiuto selvaggio e protezione del fratino sul lungomare Mennea
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.