Traliccio elettrodotto
Traliccio elettrodotto
Servizi sociali

Piovono polemiche sul Forum Energetico Internazionale

Denuncia da parte del Docente di Geofisica ambientale all’università di Bari. Ruggiero Quarto: «Impianti devastanti per l’ambiente»

Iniziano a cadere critiche sugli organizzatori della FEI (Forum Energetico Internazionale) che si terrà nei prossimi 16 e 17 giugno a Barletta.

Organizzato da ANISGEA - Associazione Nazionale Imprese Servizi Gas Elettricità Acqua (Confindustria Servizi Innovativi e Tencologici) , OICE (Associazione delle organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico/economica) e ANIMP (Associazione Nazionale Impiantistica Industriale), il Forum « non è solo un momento di informazione sulle fonti energetiche rinnovabili, come vuol far credere il sindaco della città di Barletta - denuncia Ruggiero Quarto, docente di Geofisica ambientale all' Università di Bari - ma di infrastrutture per l'energia e il programma si svilupperà su sessioni plenarie e tre parallele (fossile, rinnovabile, nucleare)».

Il Forum è anche "occasione di attività di business to business tra i players della filiera energetica nazionale ed internazionale"come scrivono gli organizzatori, «che ci vogliono propinare – aggiunge Quarto - impianti energetici devastanti per l'ambiente».

Il professore aveva già avuto modo di esprimere la propria opinione, basata su studi scientifici e fonti aziendali, evitando così fonti "di parte", circa le centrali a biomasse il 25 maggio 2010, durante l'incontro "CENTRALI A BIOMASSE E ALTERNATIVE ENERGETICHE - quali i rischi per la salute e per l'ambiente".
Incontro in cui era anche presente il vicesindaco di Barletta. Egli affermava che «le centrali a biomasse possono essere anche buone, ma devono dimostrare che con la loro presenza la situazione ambientale e la sicurezza della gente non peggiora, ma migliora».

Sempre durante quell'incontro Quarto ricordava come l'Italia sia tecnicamente autosufficiente, visto che è in grado di erogare una potenza lorda di oltre 98 GW contro una richiesta di 57 GW nei punti di massima, domandando come, producendo 4 volte in più del necessario per la propria sussistenza energetica, si vogliono comunque creare altre strutture per produrre energia.

Il professore infine sottolineò come il Sindaco di Ravenna avesse rifiutato il progetto delle biomasse, presentata dalla azienda Trettozzi, la stessa azienda che fornirebbe l'olio di palma da bruciare nella centrale che si vuol fare a Barletta.
  • Inquinamento elettromagnetico
  • Cavi elettrici
Altri contenuti a tema
2 Campagne barlettane depredate, distrutta una cabina Enel e rubati cavi elettrici Campagne barlettane depredate, distrutta una cabina Enel e rubati cavi elettrici Nicola Cantatore: «Gli agricoltori non possono più vivere sotto lo scacco di criminali che agiscono indisturbati»
Spunta una torre-antenna nei pressi del cimitero: facciamo chiarezza Spunta una torre-antenna nei pressi del cimitero: facciamo chiarezza Innalzata nel giro di pochi giorni, i cittadini segnalano
Furto di cavi elettrici nei pressi dell'ex mattatoio Furto di cavi elettrici nei pressi dell'ex mattatoio Disagi alla cittadinanza per la mancanza di luce nelle strade interessate
Progetto di interramento dell’elettrodotto delle Ferrovie, che sia la volta buona per Barletta? Progetto di interramento dell’elettrodotto delle Ferrovie, che sia la volta buona per Barletta? Moltissimi cittadini costretti a convivere con l'inquinamento elettromagnetico
Barletta, l’antenna di viale Ippocrate nel triangolo del panico elettromagnetico Barletta, l’antenna di viale Ippocrate nel triangolo del panico elettromagnetico In redazione protagonisti della contestazione
Un obelisco vergognoso in Viale Ippocrate Un obelisco vergognoso in Viale Ippocrate Intervento del rappresentante di "Alternativa Comunista", Michele Rizzi
"Questione antenna" in via Ippocrate, convocato un forum consultivo "Questione antenna" in via Ippocrate, convocato un forum consultivo Diretto dall’Assessore alle Politiche Ambientali, Antonio Carpagnano
Antenna alla rotonda Parilli, chiesta sospensione dei lavori per 30 giorni Antenna alla rotonda Parilli, chiesta sospensione dei lavori per 30 giorni Le speculazioni di un centrodestra non proprio ambientalista
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.