ZTL
ZTL
La città

Piace la chiusura al traffico, ma il Park&Ride non decolla

«Bisognerà adeguarsi gradualmente»

«Ci stiamo già impegnando e lo faremo ancora sull'allargamento della pedonalizzazione della città; l'incentivazione dell'uso dei mezzi pubblici dovremmo farla di più. Quando partiranno tutti i cantieri per i lavori previsti, gioco forza bisognerà sforzarsi di ripensare all'uso eccessivo dell'auto, è un po' come per il "porta a porta" bisognerà abituarsi gradualmente. Siamo obbligati a occuparcene anche contro le eventuali resistenze». Così rispondeva il sindaco Pasquale Cascella all'intervista che BarlettaViva gli ha rivolto all'inizio del 2015. Certamente da questo ritroviamo un collegamento, anche logico, con gli interventi sul traffico sviluppati per queste festività natalizie, che proprio nel passato fine settimana-ponte hanno iniziato la loro concretizzazione.

Ci riferiamo soprattutto alla chiusura al traffico delle zone centrali, dove maggiormente insiste l'attività commerciale, volta ad incentivare soprattutto lo shopping (gli inglesi lo chiamano anche window shopping, insistendo sul "guardare le vetrine") nel periodo di maggiore consumo, soprattutto per i regali natalizi. Bisogna anche ricordare che le varie iniziative previste dal programma del Comune sono state definite in base ad incontri-confronti con le associazioni di categoria dei commercianti. Ricordiamo anche che in passato alcuni commercianti sono stati tra i principali oppositori delle politiche che prevedevano un allargamento della zona a traffico limitato, contrari a qualsiasi esempio proveniente delle città vicine e lontane d'Italia o di altri paesi europei. Certamente l'esperienza dei giorni passati è migliorabile per le prevedibili criticità del traffico nelle zone limitrofe a quelle adibite alla ZTL, ma come già il Sindaco aveva riferito nella nostra intervista, alle soluzioni proposte bisognerà adeguarsi gradualmente, accettando di cambiare le abitudini di molti barlettani, amanti dell'automobile tout court, per il bene soprattutto della qualità del nostro ambiente.

Infatti, la questione della salubrità dell'aria è diventata giustamente centrale nella cronaca della città in questi mesi, ma non può discostarsi dalla necessità di ridurre notevolmente la presenza dei gas di scarico delle automobili nelle nostre città, e dunque non avendo la premura di difendere il diritto legittimo dei pedoni a vivere la mobilità compatibilmente alla salubrità. La mobilità cosiddetta alternativa, attraverso l'incentivo dell'uso dei mezzi pubblici da parte dei cittadini – per cui nei mesi scorsi si è messo mano al Piano di efficientamento dei mezzi pubblici - deve essere un obiettivo su cui deve maggiormente insistere una buona Amministrazione pubblica, proseguendo coraggiosamente in una via d'indirizzo annunciata in diverse occasioni. Il Piano Traffico urge un percorso pubblico di partecipazione. È chiaro che esistono determinante categorie di cittadini, come i residenti in periferia, che non è possibile abbandonare in nome di scelte più opportune di mobilità. Anche i controlli necessitano di farsi più severi, per il bene di pedoni rispettosi.

Forse la sperimentazione di questi giorni, già affrontata in termini diversi nelle passate festività natalizie, potrebbe offrire maggiori risultati se messa a regime per un periodo diverso da quello che "naturalmente" offre un congestionamento urbano del traffico. Nei giorni passati l'esperienza del Park&Ride non è decollata, a giudicare dalla scarsa frequentazione della navetta che accompagna gli automobilisti-pedoni dall'area di parcheggio sia della litoranea Pietro Mennea, sia dal parcheggio dell'Ipercoop, ma questo certamente non dipende soltanto da volontà politiche o comunque degli addetti ai lavori, ma principalmente dipende dalla volontà dei cittadini di rispondere positivamente ad una necessità improcrastinabile di decongestionare la città dal traffico. Positiva invece l'impressione dei molti cittadini che hanno affollato le vie del centro, godendosi scenari diversi dal solito di una città che non deve essere più a misura di automobilista, ma a misura di pedone.
  • Traffico
  • Pasquale Cascella
  • Zona a traffico limitato
  • commercianti
Altri contenuti a tema
3 Via Alvisi come il far west: pericolo per i pedoni dopo l'ennesimo investimento Via Alvisi come il far west: pericolo per i pedoni dopo l'ennesimo investimento Si auspicano soluzioni reali, come dossi rallentatori o "VeloOK"
Lo stato della mobilità sostenibile a Barletta Lo stato della mobilità sostenibile a Barletta In attesa del PUMS, cosa accade in città?
Dal 25 ottobre lavori in via della Repubblica Dal 25 ottobre lavori in via della Repubblica Avverrà la posa di cavi elettrici: ecco le disposizioni per il traffico
9 Barletta-Nocerina, ordinanza dell'ufficio traffico Barletta-Nocerina, ordinanza dell'ufficio traffico Cambia la viabilità nei pressi dello stadio "Puttilli"
4 Viale Marconi, incrocio pericoloso Viale Marconi, incrocio pericoloso «Il segnale di STOP non è ben visibile e non viene rispettato»
ZTL a Barletta, i nuovi orari dei varchi ZTL a Barletta, i nuovi orari dei varchi Le nuove disposizioni per l'accesso alla Zona a Traffico Limitata
2 Assessore Loconte: «Stiamo lavorando per rendere Barletta una città più presentabile e vivibile» Assessore Loconte: «Stiamo lavorando per rendere Barletta una città più presentabile e vivibile» Una dichiarazione dell'assessore al Traffico ed alla Polizia Locale
Processione Santi Medici, limitazioni previste al traffico Processione Santi Medici, limitazioni previste al traffico I festeggiamenti si svolgeranno domani: tutte le strade interessate
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.