Pesca illegale, blitz della Capitaneria di Porto di Barletta
Pesca illegale, blitz della Capitaneria di Porto di Barletta
Cronaca

Pesca illegale di datteri di mare, blitz della Capitaneria di Porto di Barletta

Scoperte violazioni per l'uso di attrezzi da pesca non consentiti

Alle prime luci dell'alba della giornata di oggi, è scattato il blitz dei militari della Capitaneria di Porto di Barletta e dell'Ufficio Locale Marittimo di Trani, volto a contrastare ogni forma di illecito connesso alla filiera della pesca. L'operazione ha permesso di riscontrare violazioni in materia di detenzione ed uso di attrezzi da pesca non consentiti contestate ad un motopesca in rientro dalle attività di pesca e di cattura del dattero di mare nei confronti di un pescatore sportivo. In totale sono state elevate due sanzioni per un importo complessivo pari a 6.000,00 € e sequestrati 145 kg di prodotto ittico compreso novellame di triglia (agostinelle) e due reti a strascico complete di divergenti.

Nel corso delle predette attività è stato, altresì, sorpreso un pescatore sportivo intento alla distruzione del fondale marino per raccogliere datteri (Lithophaga lithophaga). I militari hanno proceduto al sequestro del prodotto illegalmente pescato (13 kg) e delle attrezzature utilizzate. Il pescatore è stato, pertanto, deferito all'Autorità Giudiziaria. Il prodotto ittico, dopo il parere favorevole del medico veterinario è stato devoluto agli enti caritatevoli della zona.

I datteri di mare, per i quali è vietata la cattura, la detenzione e il consumo, su disposizione del magistrato di turno, sono stati reimmessi nel ciclo biologico. L'attività posta in essere assume particolare rilevanza atteso il periodo di fermo biologico che vige in questo periodo dell'anno ove è vietata la pesca con i sistemi a strascico, al fine di consentire il ripopolamento delle specie ittiche. Eseguiti sequestri ed elevate sanzioni amministrative in materia di pesca nel porto di Trani.

Si rimarca, infine, che la pesca del dattero è particolarmente distruttiva dell'habitat marino, sono necessarie attrezzature quali martelli pneumatici e pinze, il cui utilizzo danneggia la fauna e la flora marina che si forma dove il dattero trova il proprio alloggio naturale, al punto che bisogna attendere decenni affinché la stessa, una volta danneggiata, si possa ripristinare.
  • Pesca
  • Capitaneria di Porto
Altri contenuti a tema
Quasi 1.200 kg di gomme raccolta dalla Capitaneria di Porto di Barletta a Margherita di Savoia Quasi 1.200 kg di gomme raccolta dalla Capitaneria di Porto di Barletta a Margherita di Savoia Si conclude con successo la prima tappa del progetto "PFU Zero sulle coste italiane"
Fermo pesca in Puglia, Coldiretti: «Attenzione alle truffe» Fermo pesca in Puglia, Coldiretti: «Attenzione alle truffe» Rischio importazioni e vendita falso pesce made in Italy
1 Apprensione in spiaggia, possibile scomparsa tra le acque. Falso allarme Apprensione in spiaggia, possibile scomparsa tra le acque. Falso allarme Concluse le ricerche: la segnalazione giunta alla Capitaneria di Porto si è rivelata infondata
Scarico abusivo, interviene la Capitaneria di porto di Barletta Scarico abusivo, interviene la Capitaneria di porto di Barletta L'operazione di polizia ambientale è avvenuta lungo il litorale di Trani
Sequestrate in Puglia 9 tonnellate di prodotti ittici "non made in Italy" Sequestrate in Puglia 9 tonnellate di prodotti ittici "non made in Italy" Da Coldiretti plauso alla stretta sui controlli della Guardia Costiera
Solidarietà, la Capitaneria di Porto visita le sedi Caritas di Barletta Solidarietà, la Capitaneria di Porto visita le sedi Caritas di Barletta Attiva la collaborazione per la distribuzione del pesce donato
Coronavirus "affonda" la flotta pugliese, 5.000 posti di lavoro a rischio Coronavirus "affonda" la flotta pugliese, 5.000 posti di lavoro a rischio Coldiretti lancia l'allarme: "Duro colpo per l'intero settore"
Conclusa l'operazione Mercato Globale: sanzioni e sequestri di prodotti ittici Conclusa l'operazione Mercato Globale: sanzioni e sequestri di prodotti ittici Dall'inizio dell'anno sono state ritirate dal mercato circa 7 tonnellate di prodotto ittico potenzialmente pericoloso per la salute degli acquirenti
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.