Nuove fioriere
Nuove fioriere
La città

Pedonalizzazione, dehors e tosap: Barletta si adegua per favorire il commercio

La giunta sospende le tasse per l'occupazione di suolo pubblico fino al 31 ottobre

Elezioni Regionali 2020
Riunita online nella giornata di venerdì, la giunta comunale di Barletta ha disposto una serie di positività novità per le attività commerciali, nell'ottica di favorire l'apertura di negozi, bar, ristoranti nel rispetto delle norme per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. Semplificazione nelle richieste di occupazione e ampliamento delle superfici di suolo pubblico, esonero dal pagamento della tosap fino al 31 ottobre 2020 e pedonalizzazione di varie strade potranno consentire più serenità ai commercianti e ai clienti.

Ecco quanto previsto dalla delibera di giunta (in allegato il documento integrale).

È stato deliberato di "adottare dal 1 maggio e fino al 31 ottobre 2020 sul territorio comunale la suddetta disciplina stabilendo che:
  1. le imprese di pubblico esercizio di cui all'articolo 5 della legge 25 agosto 1991, n. 287, titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione del suolo pubblico (dehors), tenuto conto di quanto stabilito dall'articolo 4, comma 3-quater, del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162, convertito con modificazioni dalla legge 28 febbraio 2020, n.8, sono esonerate dal 1° maggio fino al 31 ottobre 2020 dal pagamento della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche (tosap).
  2. A far data dallo stesso termine di cui al punto 1 e fino al 31 ottobre 2020, le domande di nuove concessioni per l'occupazione di suolo pubblico ovvero di ampliamento delle superfici già concesse nella misura massima del 50%, se lo stato dei luoghi lo consente, sono presentate con modalità semplificata ai sensi dell' art. 264 commi 1 e 2 del Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020, ed inviare alla PEC: suap@cert.comune.barletta.bt.it , con allegata una planimetria a firma di tecnico abilitato, in deroga al decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 160, senza applicazione dell'imposta di bollo di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642.
  3. Le nuove occupazioni nonché gli ampliamenti della superficie di occupazione presentate dai titolari di pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande devono essere comunque conformi al Regolamento comunale per l'occupazione temporanea di suolo pubblico per spazi di ristoro all'aperto annessi a locali di pubblico esercizio di somministrazione (dehors) approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 17.07.2017 e al D.Lgs n. 285 del 30/04/92 e s.m.i.(Nuovo codice della strada).
  4. Tutti gli elementi che costituiscono le tipologie di Dehors devono essere smontabili o facilmente removibili e non devono prevedere alcun ancoraggio al suolo pubblico.
  5. Ai soli fini di assicurare il rispetto delle misure di distanziamento connesse all'emergenza da COVID-19, e comunque non oltre il 31 ottobre 2020, la posa in opera temporanea su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistico di strutture amovibili, quali dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, purchè funzionali all'attività di cui all'articolo 5 della legge n. 287 del 1991, non e' subordinata alle autorizzazioni di cui agli articoli 21 e 146 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. Per la posa in opera delle strutture amovibili di cui sopra è disapplicato il limite temporale di cui all'articolo 6 comma 1, lettera e-bis), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380. 3.
La giunta stabilisce che "agli operatori che hanno già versato la TOSAP per occupazioni di suolo pubblico per i DEHORS per il periodo di vigenza dell'esenzione al pagamento (1 maggio - 31 ottobre 2020) così previsto dal Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020 si procederà al rimborso e/o a riconoscere l'acconto per i mesi di novembre e dicembre 2020, salvo diverse disposizioni di legge".

Inoltre viene istituito "a far data dal 25 maggio 2020 e fino al 31 ottobre 2020 il divieto di sosta (a tutte le categorie di veicoli, escluso i veicoli a servizio dei portatori di handicap titolari del parcheggio riservato nell'area) dalle ore 20,00 alle ore 6,00, su ambo i lati della carreggiata della/e strada/e denominata/e nelle seguenti strade: via Carlo V d'Asburgo; p.za Castello (nel tratto stradale compreso tra via Carlo V d'Asburgo e via Mura San Cataldo); via Mura San Cataldo; via Sant'Andrea (nel tratto stradale compreso tra via Mura San Cataldo ed il barbacane); via Cialdini (nel tratto di stradale tra Piazzetta Garibaldi e via Marina)".

Ufficiale anche "a far data dal 25 maggio 2020 fino al 31 ottobre 2020 la chiusura totale temporanea al traffico veicolare: divieto di transito (a tutte le categorie di veicoli escluso i veicoli a servizio dei portatori di handicap titolari del parcheggio riservato nell'area) dalle ore 20,00 alle ore 06,00 o ai sensi dell'Art. 43 del vigente Codice della Strada, della/e strada/e denominata/e: via Carlo V d'Asburgo; p.za Castello (nel tratto stradale compreso tra via Carlo V d'Asburgo e via Mura San Cataldo); via Mura San Cataldo; via Sant'Andrea (nel tratto stradale compreso tra via Mura San Cataldo ed il barbacane); via Cialdini (nel tratto stradale tra Piazzetta Garibaldi e via Marina)".
  • Tasse
  • Attività commerciale
  • Dehors
Altri contenuti a tema
1 Ristoratori in crisi, le proposte di AssoFir per salvare la categoria Ristoratori in crisi, le proposte di AssoFir per salvare la categoria Lucia D'errico: «Tutto il settore è stato dimenticato dal Governo»
«Il Governo detassi le indennità versate a medici e dentisti in difficoltà» «Il Governo detassi le indennità versate a medici e dentisti in difficoltà» L'interrogazione dell'onorevole Marcello Gemmato alla Camera dei Deputati
Fase 2, ipotesi chiusura dei negozi entro le 21 in tutta la Bat Fase 2, ipotesi chiusura dei negozi entro le 21 in tutta la Bat Ristoranti, paninoteche, bar e pizzerie resteranno aperti fino a mezzanotte con eccezioni venerdì e sabato (all'una)
1 Protocolli di sicurezza per i locali, sale la preoccupazione a Barletta Protocolli di sicurezza per i locali, sale la preoccupazione a Barletta I referenti dell'Ape Barletta chiedono la pedonalizzazione del centro storico e chiarezza sui dehors
Bar, ristoranti, parrucchieri: possibile apertura il 18 maggio Bar, ristoranti, parrucchieri: possibile apertura il 18 maggio Le attività potrebbero riaprire in Puglia appena saranno pronte le disposizioni per la sicurezza dei clienti
1 Affitti e negozi chiusi, quale futuro per lo shopping a Barletta? Affitti e negozi chiusi, quale futuro per lo shopping a Barletta? L'associazione "Strade dello shopping" scrive al sindaco Cannito
Dehors a Barletta, sospensione per i termini delle autorizzazioni Dehors a Barletta, sospensione per i termini delle autorizzazioni Congelati i tributi già versati anche dagli imprenditori edili
1 Vendesi, fittasi, cedesi: il pianto delle attività di Barletta Vendesi, fittasi, cedesi: il pianto delle attività di Barletta L'attualità delle partite IVA: "evasori fiscali" o comodo capro espiatorio?
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.