Pasqua
Pasqua
Turismo

Pasqua in tavola, i barlettani amano la "scarcella"

Oltre alle immancabili uova di cioccolato, rimane viva anche la tradizione del "benedetto"

Elezioni Regionali 2020
Le parole d'ordine per la tavole pugliesi nel giorno di Pasqua sono allegria e colore. Un binomio ben rappresentato da un antipasto e un dolce tipici della tradizione: il primo molto semplice e veloce da preparare, il secondo un po' più impegnativo, entrambi però di sicuro successo ed a base di uova, il simbolo per eccellenza del giorno della Resurrezione perché immagine stessa della vita nuova.

Che cos'è il "benedetto"

Il "benedetto", buono da mangiare e d'effetto coreografico sulla tavola, è un piatto che non deve mancare nel menù per il pranzo di Pasqua. Gli ingredienti per comporlo sono solo quattro: uova fresche di gallina, meglio se fatte benedire prima (in alcuni paesi la tradizione resiste al passare del tempo), soppressata (è consigliabile la classica di Mugnano), arancia e ricotta fresca, rigorosamente di pecora prevede la "regola". Non sono ammesse varianti al tema.

Non è solo un simbolo antico della Pasqua ma anche un piatto coreografico e colorato, dalle tinte primaverili: il bianco ed il giallo ricordano le margherite di campo, l'arancio fa tornare alla mente il sole caldo al tramonto. Si chiama "benedetto" perché il pranzo può avere inizio, oggi come allora, solo dopo che il capo famiglia abbia impartito una benedizione, utilizzando un ramoscello di ulivo e l'acqua benedetta, al piatto ed a tutti i commensali riuniti attorno al tavolo prima di consumare il pranzo. Prepararlo, come dicevamo, è davvero semplice, senza essere insomma cuochi provetti: bisogna innanzitutto disporre le arance affettate su un ampio piatto da portata, posizionarci sopra le fette di soppressata, la ricotta ed infine le uova sode tagliate a spicchi. Il piatto avrà così un effetto simpatico ed allegro. Provare per credere!

Che cos'è la "scarcella"

Belle e buone sono le "scarcelle": l'origine di questo dolce si perde nei primi secoli della diffusione del Cristianesimo. Si tratta di una sorta di biscotto che è nato a forma di ciambella poi ha cominciato ad assumere forme diverse: ora se ne trovano anche a mo' di colombine, campane, cuori e coniglietti. Tradizionalmente si mette anche un uovo sodo sulla base tenuto fermo da listelli di impasto a forma di croce ed il nome stesso "scarcella" deriverebbe proprio dal verbo scarcerare: l'uovo rappresenterebbe il Cristo che a Pasqua risorge dal sepolcro. Ormai si mettono ovetti di cioccolato sulla glassa oltre ai confettini colorati ed a qualche altro decoro per dolci come, per esempio fiori di zucchero. Ogni scarcella può essere personalizzata con i decori e tanta fantasia e può diventare un dolce augurio per la Pasqua oltre che un felice fine pasto.
  • Pasqua
  • Cucina
Altri contenuti a tema
La cucina de “Le Lampare al Fortino” di Trani a casa tua La cucina de “Le Lampare al Fortino” di Trani a casa tua Disponibile ritiro d’asporto e consegna a domicilio nelle città di Trani, Andria, Barletta, Bisceglie e Molfetta
Droni su Barletta per i controlli di Pasqua e Pasquetta - VIDEO Droni su Barletta per i controlli di Pasqua e Pasquetta - VIDEO Sono state 244 le persone controllate fra automobilisti e pedoni e 13 le sanzioni elevante
1 Colombe e uova pasquali per bambini e disabili di Barletta Colombe e uova pasquali per bambini e disabili di Barletta Lo Juventus Official Fan Club Barletta ha visitato la Casa Speranza "Suor Maria Lamacchia" e la Casa Famiglia "Monsignor Vincenzo Frezza"
1 A Pasqua spunta un altro murale ispirato a De Nittis tra le strade di Barletta A Pasqua spunta un altro murale ispirato a De Nittis tra le strade di Barletta Borgiac: «I miei auguri per Pasqua: aspettare con pazienza una Prima Vera Uscita nel mondo normale»
Il Prefetto Valiante: «A Pasqua rispettiamo le regole e restiamo a casa» Il Prefetto Valiante: «A Pasqua rispettiamo le regole e restiamo a casa» Il messaggio di auguri del Prefetto della provincia Bat
"Voto" del Venerdì Santo, dopo mezzanotte le immagini su BarlettaViva "Voto" del Venerdì Santo, dopo mezzanotte le immagini su BarlettaViva La preghiera avverrà senza popolo, anche noi giornalisti restiamo a casa
"Voto" di Barletta, stanotte un breve momento di preghiera in strada "Voto" di Barletta, stanotte un breve momento di preghiera in strada Non sarà una processione: il percorso sarà nell'ambito della funzione religiosa in Cattedrale
1 «Ai balconi appendiamo lenzuoli bianchi in segno di devozione a Gesù» «Ai balconi appendiamo lenzuoli bianchi in segno di devozione a Gesù» La proposta di un giovane devoto barlettano
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.