Casa De Nittis
Casa De Nittis
Eventi

“Parigi, o Cara!”, gli abiti de “La Traviata” a Casa De Nittis di Barletta

La mostra sarà inaugurata oggi pomeriggio alle 18.00

Gli abiti de "La Traviata" saranno esposti a Casa De Nittis, dal 21 marzo al 23 giugno prossimi, nella mostra "Parigi, o Cara!", che sarà inaugurata oggi pomeriggio alle 18.00. Prosegue così la collaborazione tra la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari e l'Amministrazione comunale di Barletta, avviata in occasione della messa in scena dell'opera di Giuseppe Verdi al teatro Petruzzelli, dal 19 al 30 dicembre scorsi.

Il regista, il maestro argentino Hugo de Ana, suggestionato dall'arte pittorica di Giuseppe De Nittis, si è ispirato proprio all'artista barlettano per l'allestimento della sua Traviata, cronologicamente collocata alla fine del XIX secolo, fra il 1870 e il 1880. Gli ambienti, i salotti, le atmosfere e gli abiti, nella messa in scena di De Ana, sembrano venire fuori dai quadri di De Nittis in maniera meticolosa e fedele all'epoca ritratta negli stessi. Questo accadeva sul palcoscenico, mentre nel foyer del Petruzzelli erano esposti tre fra i più belli e suggestivi dipinti dell'artista, "Figura di Donna", "Il Salotto della Principessa Matilde" e "Giornata d'inverno". A tre mesi da quelle recite e dall'esposizione nel prestigioso teatro barese, i costumi de "La Traviata", realizzati a Madrid, sono esposti a Casa De Nittis, nella pinacoteca comunale di Palazzo Della Marra a Barletta, per essere ammirati in tutto il loro sfarzo non facile da riprodurre, per la complessità del taglio sartoriale, per la sontuosità dei tessuti e per le elaborate decorazioni.

All'inaugurazione, prevista oggi alle ore 18,00, giovedì 21 marzo, saranno presenti il sindaco di Barletta Cosimo Cannito, l'assessore alla Cultura Michele Ciniero, l'assessore alle Culture del comune di Bari, Silvio Maselli, la dirigente del Settore Beni e Servizi Culturali del comune di Barletta Santa Scommegna, il Sovrintendente della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli Massimo Biscardi. Sarà presente anche l'art designer Gennaro Corcella, che ha collaborato all'allestimento introducendo dettagli espositivi a cornice dell'evento. Il percorso espositivo è contraddistinto da installazioni che richiamano e rimandano, a loro volta, all'allestimento teatrale, traendo spunto dal libretto dell'opera. Esso si apre con una installazione dedicata al salone delle feste, ove emergono elementi fortemente evocativi e suggestivi. Ci sono calici e rose rosse, simbolo di atmosfere di festa voluttuose e passionali, che si ritroveranno per tutta l'esposizione, ma anche piume di pavone, emblema di frivolezza e vanità ma che allo stesso tempo annunciano il cambiamento che avverrà in Violetta.

Due sedie spoglie, avvolte in un drappo rosso annodato simboleggiano l'incontro e l'unione tra Alfredo e Violetta, mentre un pouf, una penna stilografica, un foglio e una rosa rossa ricordano il doloroso momento in cui Violetta scrive ad Alfredo di voler ritornare a Parigi, spinta dal padre del suo amato. Continui rimandi e citazioni intrecciano opera, arte pittorica e letteratura, essendo ispirata "La Traviata" a "La signora delle Camelie" di Alxrandre Dumas figlio, a cui De Nittis era legato da una profonda amicizia. E mentre l'intero percorso è dominato da un colore rosso vivo, alla fine una sedia di colore bordeaux spento annuncia che la vita di Violetta volge alla fine.

In occasione della inaugurazione, a cura del Quartetto d'Archi di Soundiff - Diffrazioni Sonore "Time2Quartet", composto dai musicisti Antonio Palmiotti e Michele Saracino ai violini, Dario Cappiello alla viola e Gabriele Marzella al violoncello, saranno eseguiti brani tratti da La Traviata e il Nabucco di Giuseppe Verdi, arie di Bellini, Mozart e Bizet.
  • Giuseppe De Nittis
Altri contenuti a tema
Scambio d'arte, De Nittis va a Ferrara e a Barletta arriva Boldini Scambio d'arte, De Nittis va a Ferrara e a Barletta arriva Boldini Operativo l'accordo tra il Museo Giovanni Boldini di Ferrara e la Pinacoteca De Nittis di Barletta
Mostra De Nittis Digital Review, prorogata fino al 28 aprile Mostra De Nittis Digital Review, prorogata fino al 28 aprile Gli alunni hanno reinterpretato le opere di De Nittis con persone e oggetti reali
Dal pittore di Barletta al melodramma di Verdi, in mostra “Parigi, o Cara!” Dal pittore di Barletta al melodramma di Verdi, in mostra “Parigi, o Cara!” Gli abiti de “La Traviata” esposti a Casa De Nittis nelle sale di Palazzo Della Marra
Sembrano quadri di De Nittis, ma sono scatti  degli studenti di Barletta Sembrano quadri di De Nittis, ma sono scatti degli studenti di Barletta Ecco “De Nittis digital review": i ragazzi hanno liberamente ricreato i dipinti con la macchina fotografica
Buon compleanno De Nittis, ingresso gratis alla pinacoteca di Barletta Buon compleanno De Nittis, ingresso gratis alla pinacoteca di Barletta Per il 173° anniversario della sua nascita, na giornata dedicata all'arte e alla divulgazione
Renato Miracco, il critico d'arte incantato da Barletta Renato Miracco, il critico d'arte incantato da Barletta «Ammirare l’opera di De Nittis nella sua città natale è sempre un’emozione»
Dalla Spagna e dal Venezuela a Barletta nel segno di De Nittis Dalla Spagna e dal Venezuela a Barletta nel segno di De Nittis Gruppi di turisti in arrivo per visitare le opere a Palazzo della Marra
De Nittis nel foyer del "Petruzzelli", «non è luogo adatto all'esposizione» De Nittis nel foyer del "Petruzzelli", «non è luogo adatto all'esposizione» Il parere di Luisa Filannino: «Sarebbero state più adatte delle riproduzioni per invogliare gli spettatori a visionare gli autentici a Barletta»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.