Tribunale Martello giudice Procura
Tribunale Martello giudice Procura
Cronaca

Ancora sull'edilizia barlettana: assolti Zito e Prascina

Il processo era uno stralcio di "Paradisi Perduti"

Assolti per prescrizione per l'ingente evasione fiscale contestata dal 2006 al 2008; assolti, invece, "perché il fatto non è previsto dalla legge come reato" per le analoghe contestazioni relative al 2009. Si conclude così, senza condanne, il processo di primo grado a carico di Anna Maria Francesca Zito e del figlio Francesco Prascina (entrambi difesi dall'avv. Ruggiero Sfrecola) rispettivamente moglie e figlio del "re del mattone" Giuseppe Prascina.

La sentenza del Tribunale di Trani (giudice monocratico Michela Valente) arriva cinque mesi dopo la sentenza con cui la Corte d'Appello dichiarò non punibili il noto imprenditore edile barlettano e l'altro suo figlio, Alfonso. Entrambi in primo grado erano stati rispettivamente condannati, col rito abbreviato, a 3 e a 2 anni di reclusione dal gup tranese Francesco Messina.

Zito e Francesco Prascina erano accusati di esser intestatari di quote societarie riconducibili a Giuseppe Prascina, che, nella sua qualità di "dominus", avrebbe gestito ogni attività relativa alle società edili. Il processo a carico di Francesco Prascina e di sua madre era uno stralcio del più complesso procedimento penale "Paradisi Perduti" che, oltre agli altri due familiari, coinvolse altri imprenditori edili di Barletta. Solo uno di loro è stato condannato mentre altri sono stati assolti ed altri ancora patteggiarono la pena. Nel 2011 l'inchiesta del sostituto procuratore della Repubblica di Trani Michele Ruggiero e della Guardia di Finanza di Barletta, partita da un servizio televisivo de Le Iene, squarciò i veli su un'importante fetta del mercato immobiliare barlettano. Secondo l'accusa i rogiti notarili indicavano somme di compravendita inferiori tra il 40 ed il 60% rispetto all'effettivo prezzo. Somme non dichiarate al Fisco dagli imprenditori edili o da persone a loro riconducibili e che spesso sarebbero finite all'estero e poi rientrate grazie allo Scudo Fiscale.
  • Edilizia
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
6 Palazzo Tresca, Desario: «Evitare questo scempio edilizio ai danni di Barletta» Palazzo Tresca, Desario: «Evitare questo scempio edilizio ai danni di Barletta» «Il sindaco sarebbe rimasto tranquillo senza il clamore innescato nell'opinione pubblica»
Interest Rate Swap, arrivano le richieste di condanna Interest Rate Swap, arrivano le richieste di condanna L'inchiesta nacque dall'esposto di un imprenditore barlettano
Antonino Di Maio è il nuovo procuratore di Trani Antonino Di Maio è il nuovo procuratore di Trani Via libera del plenum del Consiglio superiore della magistratura
Piazza Principe Umberto, si ricorre alla Procura della Repubblica Piazza Principe Umberto, si ricorre alla Procura della Repubblica L'esposto, presentato da Grazia Desario, riguarda la recinzione dell'ex Ospedale Civile
Trasferito a Roma il magistrato barlettano Antonio Savasta Trasferito a Roma il magistrato barlettano Antonio Savasta Lo ha richiesto lui stesso dopo il procedimento del Csm
Ipotesi di disastro ambientale, Cascella: «Il comune sarà coerente» Ipotesi di disastro ambientale, Cascella: «Il comune sarà coerente» «Abbiamo tutti il dovere di tutelare salute e vivibilità»
Disastro ambientale a Barletta, richiesta di rinvio a giudizio Disastro ambientale a Barletta, richiesta di rinvio a giudizio Cianci: «Speriamo in provvedimenti che possano rasserenare i barlettani»
Colpi di pistola contro Ventura, otto anni ai due del commando armato Colpi di pistola contro Ventura, otto anni ai due del commando armato Il capogruppo PD barlettano si è costituito parte civile
© 2001-2017 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati. Viva è un marchio registrato di GoCity.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.