Legge
Legge
Cronaca

Operazione Nabucodonosor, cadono le accuse per Cannito e Diviccaro

Per gli avvocati Michele Cianci e Antonella Parrotta si tratta di “un importante risultato”

Cade l'accusa di associazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti contestata dalla Procura Antimafia di Bari ai barlettani Cosimo Damiano Cannito, sessantaduenne, e Ruggiero Diviccaro, trentenne, arrestati il 18 gennaio nell'ambito dell'operazione antidroga "Nabucodonosor".

Il Tribunale del Riesame di Bari ha annullato l'ordinanza cautelare del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari Francesco Mattiace limitatamente all'ipotesi associativa, confermandola per il resto e dunque anche per le rispettive misure cautelari: furono disposti la detenzione in carcere per Cannito e gli arresti domiciliari per Diviccaro.

Per gli avvocati Michele Cianci ed Antonella Parrotta si tratta di "un importante risultato", I legali ricorreranno comunque in Cassazione per quanto invece confermato dal collegio barese. In Cassazione potrebbe ricorrere anche la Procura Antimafia Barese per impugnare proprio il capo dell'ordinanza che ha fatto cadere l'ipotesi associativa.

"Siamo fortemente soddisfatti per la presa d'atto, da parte del Tribunale del riesame, così come da noi prospettato, della inesistenza di alcuna associazione denominata "clan Cannito" giacché è stata debellata da decenni" dichiara l'avvocato barlettano Michele Cianci.

L'inchiesta "Nabucodonosor" fece finire in manette altre 21 persone che i pubblici ministeri Giuseppe Maralfa, Lidia Giorgio e Giuseppe Gatti ritengono affiliati ai clan dediti al controllo del mercato degli stupefacenti di Barletta: i fratelli Albanese, i fratelli Sarcina, Cannito, Luigi Lombardi-Luigi Marchisella-Ruggiero Lattanzio, quest'ultimo trucidato alla vigilia dell'operazione della Direzione Distrettuale Antomafia.

Nel corso degli interrogatori di garanzia resi per rogatoria dinanzi al gip del Tribunale di Trani Rossella Volpe, Cannito e Diviccaro respinsero gli addebiti.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Uffici Giudiziari, personale in agitazione: organico insufficiente a rischio dimezzamento Uffici Giudiziari, personale in agitazione: organico insufficiente a rischio dimezzamento Marcone e Abbascià (Fp Cgil Bat): «Siamo all’anno zero. Se non ci saranno risposte pronti alla mobilitazione»
Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nella vicenda che ha scosso la procura tranese emergono nuovi scenari
Strage Ferrotramviaria, tutti rinviati a giudizio Strage Ferrotramviaria, tutti rinviati a giudizio In aula il 14 marzo 2019 per il rito abbreviato: processo fissato per il 28 marzo
Bufera nella Procura di Lecce, domiciliari per l'ex dg Asl Bat Narracci Bufera nella Procura di Lecce, domiciliari per l'ex dg Asl Bat Narracci Coinvolti magistrati e primari: l'accusa è di corruzione in atti giudiziari
Abusi nei controlli sulla caccia, condannata una guardia di Barletta Abusi nei controlli sulla caccia, condannata una guardia di Barletta L'inchiesta partì dal decesso per infarto di un cacciatore durante una perquisizione a Spinazzola
4 Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Gli altri nove imputati attendono la sentenza del prossimo 8 ottobre
1 Strage treni Bari Nord, i comuni di Andria, Corato e Ruvo saranno parti civili Strage treni Bari Nord, i comuni di Andria, Corato e Ruvo saranno parti civili Rigettate le richieste di sei associazioni e inammissibile quella del Codacons
Diffamazione per il servizio de "Le Iene", Casciari assolto per prescrizione Diffamazione per il servizio de "Le Iene", Casciari assolto per prescrizione L'ex iena aveva documentato una presunta compravendita di voti a Barletta
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.