Sedie rosse in piazza Moro
Sedie rosse in piazza Moro
Istituzionale

Oltre 50 sedie rosse in piazza Moro per ricordare le vittime delle violenze

Anche Barletta ha aderito alla campagna "Posto occupato!"

Timide e rispettose, frivole e allegre, persino timorose e puritane, casalinghe, mamme, professioniste affermate, ricche e povere. Donne diverse, che occupano un posto nella loro vita, in quella dei loro affetti e delle comunità in cui vivono, un posto che, sempre in più casi, resta vuoto, perché strappato dalla violenza di uomini che hanno cancellato quelle donne e le loro esistenze.

Per ricordarle, l'Amministrazione comunale di Barletta, Assessorato alle Pari opportunità, ha aderito alla campagna "Posto occupato!", riempiendo la piazza simbolo della città, piazza Aldo Moro, di sedie rosse, lasciate purtroppo vuote, in ricordo di tutte le vittime di femminicidio, nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il 25 novembre. Su ogni sedia c'è il nome della vittima di femminicidio, il luogo e la data del decesso.

Nessuna cerimonia, nessuna manifestazione, il momento non lo consente, ma una testimonianza forte e d'impatto con la quale le donne e gli uomini dell'Amministrazione comunale, in rappresentanza di tutta la città, dichiarano con forza la necessità di non ignorare e non dimenticare le vittime di violenza.

"Quelle sedie vuote – hanno detto il sindaco e l'assessore alle Pari Opportunità – devono essere riempite dalle domande e dalle riflessioni che ad esse devono seguire, perché una vita non è un numero per compilare bollettini, una vita ha un nome, una storia, occupa uno spazio a casa, al lavoro, con gli amici e quando non c'è più lascia un vuoto enorme". "Piazza Roma – hanno aggiunto l'assessore e il primo cittadino – in questa giornata in cui in tutto il mondo si manifesta contro la violenza sulle donne, diventa per reazione a tale e tanta violenza un Luogo del Rispetto, uno spazio sacro e inviolabile, come ogni essere umano dovrebbe essere".

Sono tante le donne uccise e violate, ma altrettanto intenso è il lavoro di chi si impegna per contrastare la violenza e per aiutare le donne in difficoltà, prima di tutto ad avere il coraggio di provare a salvarsi, il coraggio di farsi aiutare, prigioniere come sono del terrore in cui spesso vengono ridotte. Fra costoro ci sono le operatrici del Centro antiviolenza Osservatorio "Giulia e Rossella" di Barletta, che su questa piazza si affaccia e opera da oltre 20 anni.

"Queste sedie sono un simbolo e un monito – concludono il sindaco e l'assessore – e fra poco la piazza tornerà vuota; al contrario però l'attenzione di ciascuno di noi e la guardia deve restare alta ogni giorno per evitare che la retorica si sostituisca all'impegno vero e necessario contro la violenza e la sua insidia".
  • Violenza
  • Piazza Aldo Moro
Altri contenuti a tema
Oltre la pandemia: la violenza domestica che prende il nome di “gas lighting” Oltre la pandemia: la violenza domestica che prende il nome di “gas lighting” La psicologa barlettana Rachele Dileo spiega di che si tratta e perché è importante parlarne in questo periodo
Tina Arbues: «Dietro la violenza c’è soprattutto un fattore culturale» Tina Arbues: «Dietro la violenza c’è soprattutto un fattore culturale» Si diffonde sui social l’iniziativa #SignalForHelp, ne parliamo con l’Osservatorio “Giulia e Rossella” di Barletta
Donne, sport e sensibilizzazione: torna la “Corri & Cammina con Leontine De Nittis” Donne, sport e sensibilizzazione: torna la “Corri & Cammina con Leontine De Nittis” La corsa di podismo virtuale non competitiva promossa dall'associazione Barletta Sportiva
4 Rissa tra extracomunitari, sabato sera violento in Piazza Umberto a Barletta Rissa tra extracomunitari, sabato sera violento in Piazza Umberto a Barletta Ancora un episodio di grave violenza: sul posto la Polizia di Stato e i soccorsi del 118
Centri antiviolenza, in arrivo quasi 4 milioni di euro nel 2021 Centri antiviolenza, in arrivo quasi 4 milioni di euro nel 2021 I numeri e i dati forniti dalla Regione Puglia
25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» 25 novembre, Lacerenza (Cgil Bat): «Dove sono le politiche per le donne?» «È necessario riflettere sulla condizione delle donne ed impegnarsi per un mondo del lavoro più equo»
Gli psicologi: «Quella psicologica è una violenza invisibile» Gli psicologi: «Quella psicologica è una violenza invisibile» Secondo l'Oms, nel mondo il 35% delle donne ha subito violenza
A Barletta palloncini rossi in volo nella giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne A Barletta palloncini rossi in volo nella giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne Saranno lanciati questo pomeriggio dalle mamme e operatrici della comunità Lamacchia
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.