Cianci e cementeria
Cianci e cementeria
Cronaca

Nube tossica dalla Cementeria, il giallo scatena polemiche

Cianci: «Occorre verificare quanto è stato denunciato»

Una denuncia anonima, ma che ha creato scalpore e turbolenze nell'opinione pubblica barlettana attenta alla tematica della salvaguardia ambientale. La lettera scritta da un sedicente operaio della Cementeria di Barletta (o almeno così si dichiara nel testo), pubblicata da un noto quotidiano locale, denuncia la diffusione di una nube tossica sprigionata in seguito a una erronea procedura di lavorazione dagli altiforni della Buzzi Unicem nella notte dello scorso 31 maggio.

Secondo quanto spiegato dall'autore di questa missiva, dallo stabilimento si sarebbe elevata una nube "radioattiva e tossica" abbastanza densa che, a causa del vento, si sarebbe lentamente spostata lungo via Andria verso la caserma militare "Stella", con conseguente pericolo per la salute di chi ne avrebbe inalato i fumi derivati dalla combustione di materiale industriale nocivo per la salute.

«La notizia circolata in questi giorni circa la presenza di isotopi radioattivi sprigionati "durante la fase di lavorazione e carico degli altiforni" ci lascia sconcertati e sgomenti» dichiara l'avvocato Michele Cianci, presidente del comitato spontaneo di cittadini "Operazione aria pulita Bat", attenta alla problematica della qualità dell'aria nel nostro territorio. «Se da un lato la lettera, obiettivamente appare ictu oculi anonima, pur risultando essere sottoscritta da un sedicente operaio specializzato – prosegue Cianci - v'è da dire, dall'altro, che i fatti contenuti sono piuttosto circostanziati. Come è evidente, tra l'altro, la lettera dovrebbe essere stata inviata oltre che alla Guardia di Finanza, anche alla Procura, al Ministero della Difesa, alla Caserma Ruggiero Stella e da ultimo al Sindaco. Riteniamo che sarebbe stato opportuno e lo sarebbe ancora oggi, fare una verifica su quanto denunciato, giusto per rasserenare l'animo dei cittadini e della scolaresche che ultimamente stanno raccogliendo l'invito della Buzzi Unicem e visitare l'interno del cementificio che userebbe come combustibile i rifiuti. Pertanto, è auspicabile che l'ARPA di concerto con la ASL BT, enti certamente muniti di mezzi per verificare le eventuale presenza di materiali radioattivi, procedano celermente alla verifica del caso. Siamo certi che nessuno si sottrarrà a tale preciso dovere» chiosa l'avvocato Cianci.
  • Salute pubblica
  • Cementeria
  • Situazione di pericolo
Altri contenuti a tema
Insulti in strada, «ho pensato all'omicidio avvenuto ad Andria» Insulti in strada, «ho pensato all'omicidio avvenuto ad Andria» Un lettore segnala: «Una moto voleva passare a tutti i costi e ci ha aggredito con parole pesanti»
A Bari la terza tappa del viaggio di AXA e Banca Mps dedicato alla Salute A Bari la terza tappa del viaggio di AXA e Banca Mps dedicato alla Salute “La Salute prima di tutto” è il titolo degli incontri organizzati dal Gruppo AXA Italia e Banca Monte dei Paschi di Siena per raccontare nuove possibili risposte e nuovi servizi dedicati alla salute e al benessere
Caos "Samara" anche a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi Caos "Samara" anche a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi Diversi i casi nella provincia Bat, «branco contro il singolo per ridere della paura»
Lotta alle zanzare, posizionate a Barletta le trappole per monitorarne la presenza Lotta alle zanzare, posizionate a Barletta le trappole per monitorarne la presenza Al termine della fase di analisi verrà valutata la quantità di insetti catturati
La salute dell'ambiente di Barletta passa dal biomonitoraggio delle unghie La salute dell'ambiente di Barletta passa dal biomonitoraggio delle unghie Firmato il protocollo d'intesa: soddisfatto il Forum Salute e Ambiente
Lavori in via Andria, nuovi percorso per i mezzi pesanti della cementeria Lavori in via Andria, nuovi percorso per i mezzi pesanti della cementeria I mezzi pesanti diretti dal porto alla Buzzi Unicem utilizzeranno l’ex cunicolo ferroviario di viale Regina Elena
1 Pino in via Dimiccoli, marciapiede dissestato Pino in via Dimiccoli, marciapiede dissestato La segnalazione: «Può rappresentare un pericolo»
2 Pericolo in via Vittorio Veneto, attenzione alle radici sporgenti Pericolo in via Vittorio Veneto, attenzione alle radici sporgenti Tarantino e Leone: «Il marciapiede è pieno di fossi e dislivelli»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.