Treno
Treno
La città

Migliorare la stazione di Barletta: il problema dell'ascensore e dell'accesso ai binari

Sinistra Italia Barletta solleva il problema che non sussiste nelle città di Trani e Bisceglie

«Le stazioni ferroviarie rivestono un ruolo fondamentale per lo sviluppo del territorio in cui insistono. La possibilità di essere connessi con le principali città italiane e pugliesi rappresenta un'opportunità in più rispetto ad altri comuni privi di stazione ferroviaria per posizione geografica e storia» scrive il Segretario di Sinistra Italiana Barletta, Giuseppe Defazio.

«Ad esempio Barletta e Bari sono collegate con treni quasi ogni mezz'ora negli orari di punta e con tempi di percorrenza massimi di circa 50 minuti per 55 km. Al contrario, un cittadino di Ginosa (TA), città senza stazione ferroviaria e distante dal Capoluogo di Regione 25 km in più rispetto a Barletta, ci mette circa 60 minuti in più per raggiungerlo, con solo 5 collegamenti giornalieri su gomma disponibili (esclusa la Domenica con zero collegamenti). In altre parole Barletta può offrire agli abitanti del territorio, ai suoi visitatori ed ai suoi investitori un'opportunità di facile fruizione che altre città non hanno.

Questa affermazione è però vera solo parzialmente. Non tutte le cittadine/i, non tutti i visitatori di Barletta possono usufruire della stazione, ma solo chi non ha difficoltà a deambulare o non è diversamente abile. Se per accedere al binario 1 e al tronco della stazione nulla osta, lo stesso non si può certo dire per i binari 2-3, 4-5 e per la banchina dei binari della Ferrovia Nord-Barese (per la quale auspichiamo riparta presto il servizio su rotaia). Seppure qualche tempo fa è stato costruito un ascensore che collega il sottopasso della stazione con i binari 2-3 questo rappresenta un intervento inutile al fine di rimuovere le barriere architettoniche.

Infatti non vi è nessun collegamento tra l'ingresso della stazione e il sottopasso che porta a tale ascensore. Stessa cosa dicasi per i binari 4-5 anch'essi sprovvisti di ascensore o altro per consentire di arrivare dall'ingresso della stazione e viceversa. La cosa che più ci sconcerta è che dopo la costruzione e messa in opera dell'ascensore al binario 2-3, nessuno si è occupato di tutto il contesto che serve per arrivare a quell'ascensore. Barletta esprime tre Senatori di cui una Sottosegretaria presso il Ministero dell'innovazione tecnologica e la transizione digitale (ascensori e montascale sono comunque una tecnologia).

Costoro calcano la stazione per andare e tornare da Roma, eppure nessuno di loro si è fatto promotore presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed RFI di sollevare un problema così importante o quantomeno nessuno ha mai comunicato di averlo fatto. Barletta esprime inoltre tre Consiglieri Regionali ma anch'essi non sembrano essersi occupati del problema. Eppure non è una questione di lana caprina.

Immaginate una ipotetica turista straniera con difficoltà nella deambulazione, ignara di tutto, che si aspetta di trovare ascensori che collegano i binari al sottopassaggio ed all'ingresso della stazione e che invece rimane bloccata dalla presenza delle scale: che idea le rimarrebbe del sud Italia e di Barletta? Cosa mai potrà raccontare di questa terra una volta tornata a casa? Diverso è se decidesse di visitare Trani o Bisceglie dove grazie agli ascensori non avrebbe questi problemi.

Il tanto atteso Piano Nazionale di Ripresa e Resistenza (PNRR), agitato come vessillo di ripartenza, sviluppo e rinascita, ma spesso vacuo di contenuti e di una visione strategica, dovrebbe servire anche a censire e recuperare tutti quei ritardi (come quello descritto in queste poche righe) che minano profondamente il diritto costituzionale di una fetta della popolazione di partecipare alla vita pubblica usufruendo agevolmente dei trasporti. Troppo spesso i disservizi non dipendono da massimi sistemi e grandi decisioni, ma da piccoli interventi con impegni di spesa risibili che potrebbero drasticamente modificare la fruibilità della nostra città e la vita di tante persone la cui dignità viene spesso messa in appendice all'agenda politica.
  • Sinistra Italiana
Altri contenuti a tema
Sinistra Italiana: «Quanto ancora si dovrà attendere per il PUG?» Sinistra Italiana: «Quanto ancora si dovrà attendere per il PUG?» La nota della segreteria del circolo “Franco Dambra SI" di Barletta, Annamaria Cafiero
«Situazione locale critica», si riunisce l'assemblea di Sinistra Italiana «Situazione locale critica», si riunisce l'assemblea di Sinistra Italiana Dedicato a Franco Dambra il circolo barlettano
Sinistra Italiana Barletta: «No ai nomi calati dall'alto, primarie aperte a tutta la città» Sinistra Italiana Barletta: «No ai nomi calati dall'alto, primarie aperte a tutta la città» La nota di Defazio sulle elezioni amministrative
Amministrative, Sinistra italiana: «La scelta di Scommegna è una forzatura» Amministrative, Sinistra italiana: «La scelta di Scommegna è una forzatura» «L’accelerazione di questi giorni sembra più un’imposizione che una disponibilità al dialogo»
Le amministrative si giocano più a Roma che a Barletta Le amministrative si giocano più a Roma che a Barletta Il Movimento 5 stelle riprende il dialogo con il Pd
Situazione scuola, «Chiediamo al Commissario Alecci una conferenza con i soggetti interessati» Situazione scuola, «Chiediamo al Commissario Alecci una conferenza con i soggetti interessati» Le dichiarazioni di Giuseppe Defazio, Segretario Sinistra Italiana Barletta
Riapre la Casa della Sinistra di Barletta: uno spazio di solidarietà, di lotta e di resistenza Riapre la Casa della Sinistra di Barletta: uno spazio di solidarietà, di lotta e di resistenza La presentazione delle attività della Casa della Sinistra si terrà domenica alle ore 20:00
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.