Michele Lasala
Michele Lasala
Politica

Michele Lasala fuori dalla Giunta, il sindaco firma il decreto

Gli era stato prospettato di dimettersi, ma l’ex assessore Lasala ha preferito essere sollevato dall’incarico

L'ultimatum era già stato dato nel primo pomeriggio del 17 giugno. L'alternativa alla revoca sarebbero state le dimissioni, ma Michele Lasala avrebbe declinato l'invito, preferendo che ad agire fosse il sindaco, sollevandolo dalla delega assessorile.

E così è stato. Il sindaco Cosimo Cannito ha firmato questa mattina il decreto sindacale di revoca. Il tempo concesso a Lasala per un ripensamento, infatti, è stato gentilmente prolungato di 12 ore. Fino a ieri sera, quando era prevista la firma dell'atto di revoca, poi slittata a questa mattina a causa dell'assenza del segretario generale. Si prende atto, si legge nel decreto di revoca, del "deterioramento dei rapporti interpersonali con l'Assessore Lasala Michele che impediscono una proficua collaborazione amministrativa, fermo restando l'apprezzamento per l'impegno profuso dall'Assessore".

Non sarebbero mancate le fibrillazioni. In molti, non solo all'interno della maggioranza, ma anche della stessa Giunta Cannito, avrebbero spinto ad accorciare i tempi, essendo ormai definitiva la decisione del sindaco, assunta già nella mattinata di ieri. Il decreto di revoca, infatti, è stato sulla scrivania del primo cittadino per tutta la giornata.

A differenza di quanto accaduto in passato, questa volta non ci sarebbero sostituti. Sarebbe, infatti, intenzione del sindaco Cannito trattenere a sé le deleghe (che si aggiungono a quella all'Urbanistica) alla Polizia Locale, alla Protezione civile, alla Mobilità, al Trasporto, allo Sport, tempo libero e Politiche giovanili e alla Pubblica istruzione.

Finisce così, si fa per dire, l'affaire dell'immobile sito al piano superiore della Cantina della Sfida sul quale la società di cui Michele Lasala risulta essere amministratore unico, oltre che socio, aveva messo gli occhi, favorita dall'iniziale scelta dell'amministrazione di non esercitare il diritto di prelazione.

Un indirizzo fortemente osteggiato dal Consiglio comunale e sul quale la Giunta ha poi dovuto fare marcia indietro, revocando la delibera contestata.
  • Giunta comunale
Altri contenuti a tema
3 Il centrodestra insorge mentre l’amministrazione di Barletta è pronta ad un nuovo assetto Il centrodestra insorge mentre l’amministrazione di Barletta è pronta ad un nuovo assetto Stella Mele parla di amministrazione “trasformista”. Il sindaco Cannito: «Probabilmente sarà rivisitato tutto l’assetto assessorile»
Cefola rinuncia alle deleghe di Lanotte: «Un ripensamento, nulla di politico» Cefola rinuncia alle deleghe di Lanotte: «Un ripensamento, nulla di politico» Da Palazzo di Città trapela che si sarebbero sollevati dissensi e pretese dal centrodestra e da Forza Italia in particolar modo
Cefola nuovo vicesindaco, restano in sospeso le deleghe di Lanotte Cefola nuovo vicesindaco, restano in sospeso le deleghe di Lanotte Dopo un ripensamento, l'avvocato ha rimesso le nuove deleghe
Super delega per il vicesindaco Cefola. Anche Passero potrebbe fare il pieno Super delega per il vicesindaco Cefola. Anche Passero potrebbe fare il pieno Il sindaco Cannito ha firmato il decreto di nomina. Intanto sarebbe in corso una trattativa anche con l’assessore Ruggiero Passero
L'assessore Gennaro Cefola sarà il nuovo vicesindaco di Barletta L'assessore Gennaro Cefola sarà il nuovo vicesindaco di Barletta Il decreto di nomina sta per essere firmato dal sindaco Cannito
2 Prosegue la querelle sul palazzo della Sfida: «Nessuna illegittimità» Prosegue la querelle sul palazzo della Sfida: «Nessuna illegittimità» La nota dei consiglieri comunali di maggioranza, Giuseppe Losappio, Giuseppe Dipaola, Pier Paolo Grimaldi, Michele Maffione e Salvatore Lionetti
3 La Sfida del Comune: sì all’immobile, no a Lasala? La Sfida del Comune: sì all’immobile, no a Lasala? Revocata la delibera di Giunta, resta un nodo da sciogliere
1 Tutto in famiglia in Giunta: fuori Salvemini, dentro la sorella Tutto in famiglia in Giunta: fuori Salvemini, dentro la sorella Il decreto di nomina è stato firmato nel primo pomeriggio di ieri dal sindaco Cannito
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.