Cantiere Lidl
Cantiere Lidl
La città

Lidl, l'azienda disponibile a spostare il cantiere a Barletta

La lettera inviata all'amministrazione comunale. Si decide (forse) martedì

"Facendo seguito alla già manifestata disponibilità nel corso dei precedenti incontri e considerata le diffuse sensibilità della comunità barlettana, LIDL esprime formale consenso alla delocalizzazione dell'inserimento in itinere ad altra sede idonea, tenuto conto delle corrispondenti potenzialità edificatorie e dei tempi necessari alla ultimazione del procedimento che pervenga al rilascio del nuovo Permesso di costruire. Siamo di conseguenza pronti a sottoscrivere con il Comune di Barletta, nel più breve tempo possibile, un atto negoziale sostitutivo di provvedimento che definisca modalità e termini della delocalizzazione".

Questo è il testo della lettera con la quale i rappresentanti della LIDL hanno manifestato la loro "disponibilità" a cercare una soluzione per chiudere, diciamo amichevolmente, la spinosa controversia inerente lo spostamento della sede ove dovrebbe sorgere il supermercato in questione, che inizialmente era stata prevista a due passi dal castello Normanno-Svevo di Barletta.

La missiva è stata recapitata in mattinata all'amministrazione comunale e al sindaco Cannito che ha provveduto a distribuirne copia ai consiglieri comunali durante l'assise che si sta tenendo in queste ore, oltre ad invitare questi ultimi a partecipare all'incontro che si terrà martedì prossimo. Che la spinosa vicenda LIDL sarebbe assurta a principale argomento di discussione di un consiglio comunale caratterizzato da forte tensione era facilmente prevedibile.
Durante l'assise, infatti non sono mancati forti atti d'accusa nei confronti dell'amministrazione, per una vicenda di cui difficilmente crediamo sarà scritta la parola fine durante l'incontro di martedì mattina.

La lettera recapitata all'amministrazione comunale dai rappresentanti della multinazionale tedesca, infatti, contiene si un invito al dialogo, ma a dispetto di un certo ottimismo diffusosi in queste ore, indica abbastanza chiaramente di tenere conto delle "corrispondenti potenzialità edificatorie e dei tempi necessari alla ultimazione del procedimento che pervenga al rilascio di un nuovo Permesso di costruire".

E se almeno l'ipotesi "LIDL vicino al castello" pare essere scongiurata, ben più arduo sarà cercare quella tanto auspicata soluzione alternativa, tenuto conto che la LIDL ha già rifiutato un'altra area propostagli dal comune.
  • Castello di Barletta
  • Urbanistica
Altri contenuti a tema
1 Vicenda Lidl, arriva l'annullamento in autotutela dal Comune di Barletta Vicenda Lidl, arriva l'annullamento in autotutela dal Comune di Barletta Ritirato il provvedimento autorizzativo unico
Vicenda Lidl, quel terreno potrebbe essere del Comune di Barletta già dagli anni ‘70 Vicenda Lidl, quel terreno potrebbe essere del Comune di Barletta già dagli anni ‘70 Il ricorso inoltrato al Presidente della Repubblica porta alla luce nuove anomalie
Vicenda Lidl, il Comune di Barletta ritira in autotutela il permesso di costruire Vicenda Lidl, il Comune di Barletta ritira in autotutela il permesso di costruire Con la società era in corso una trattativa di perequazione
PUG Barletta, appello a una maggiore partecipazione PUG Barletta, appello a una maggiore partecipazione Una lettera a firma del perito agrario Giuseppe Dargenio
Concerto dell'Aurora al castello di Barletta Concerto dell'Aurora al castello di Barletta Appuntamento all'alba del 21 giugno
Lidl, poi un teatro accanto al castello di Barletta: «Ma quale rigenerazione urbana» Lidl, poi un teatro accanto al castello di Barletta: «Ma quale rigenerazione urbana» L'intervento dell'associazione Italia Nostra
Il comune di Barletta adesso vuole un teatro all'aperto accanto al castello Il comune di Barletta adesso vuole un teatro all'aperto accanto al castello Una delibera di giunta rivela la candidatura del progetto da un milione di euro
Quel terreno ai piedi del castello di Barletta, Azzurra Pelle: «Vicenda ancora da chiarire» Quel terreno ai piedi del castello di Barletta, Azzurra Pelle: «Vicenda ancora da chiarire» L’ex assessora all’urbanistica ribadisce l’importanza di arrivare al Pug e ripercorre alcuni passaggi della faccenda
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.