Arcigay
Arcigay
Associazioni

«Le vittime dell’omofobia non sono aiutate dalle famiglie»

Intervista a Michele Antolini, presidente del comitato Arcigay Bat. Si è celebrata la giornata mondiale contro l’omofobia e transfobia

L'omofobia è paura e odio irrazionale nei confronti dell'omosessualità e di persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali. Spesso questo odio sfocia in violenza, fisica e psicologica. L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha eliminato l'omosessualità dalla lista delle malattie mentali e in tutto il mondo si è celebrata la giornata contro l'omofobia. L'Arcigay Bat ha organizzato a Barletta, in via Nazareth, un gazebo informativo per sensibilizzare la cittadinanza. Ho intervistato il presidente Michele Antolini, presidente del comitato provinciale Arcigay Bat "Mine vaganti".

Michele ,qual è il motivo di questa giornata contro l'omofobia?
«E' una giornata in ricordo di tutte le vittime uccise per la loro omosessualità, transessualità, per tutte le loro scelte sessuali».

La violenza non è soltanto fisica, è anche psicologica, quindi più sottile, più dannosa?
«Si, proprio per questo la campagna si chiama "Io denuncio", per denunciare tutti i tipi di reati connessi all'omofobia, transfobia, lesbofobia. Molti reati connessi sono a livello psicologico».

Le famiglie possono essere d'aiuto?
«Spesso, le vittime dell'omofobia non aiutate dalle proprie famiglie, un ragazzo che ha subìto atti omofobici non si rivolgerà ai propri genitori, per paura di non essere compreso».

Cosa bisogna fare, in questi casi?
«Abbiamo istituito un numero verde 24 ore su 24 per denunciare i casi e chiedere aiuto. In quanto comitato Bat Arcigay "Mine Vaganti", abbiamo creato uno sportello di sostegno psicologico e tra un paio di giorni istituiremo u no sportello legale, con assistenza gratuita per tutte le vittime».

La sezione Arcigay di Barletta è stimata?
«Si, siamo stimati e benvoluti. Qui abbiamo organizzato attività ludiche e serate tematiche, come il "venerdì Arcigay" in un locale di Barletta. La gente si diverte. Nella nostra sede di Andria abbiamo avuto qualche problema, ma questo era tutto messo in conto».

Le istituzioni vi sostengono?
«Certo .Mercoledì presenteremo il cortometraggio contro l'omofobia dal titolo: "Mamilapilatapai", in lingua armena significa "Ci guardiamo negli occhi, ma non riusciamo a capire i nostri sentimenti". Giovedì ci sarà una marcia contro l'omofobia attraverso le vie di Andria, per concludere con una festa animata da drag-queen e musica dagli anni '70 ad oggi. Le manifestazioni sono patrocinate dal comune di Andria. Ringrazio l'avvocato Nicola Giorgino e Maddalena Merafina, assessore alle politiche sociali, la provincia Bat e la Regione».

Quanti iscritti ha la sezione Arcigay "Mine Vaganti" di Barletta?
«In totale, abbiamo 100 iscritti, nella sezione di Barletta circa 30, senza contare i non iscritti».

Per sdrammatizzare, ti faccio un'ultima domanda. Ci sono icone gay, tra i personaggi della politica e della cultura, a Barletta?
«Si, ci sono, ma non posso fare outing per loro, devo rispettare la loro privacy»

4 fotoArcigay
ArcigayArcigayArcigayArcigay
«Non possiamo più parlare di fatti occasionali, l'ultimo attentato contro il comitato Arcigay è il segnale inequivocabile che siamo di fronte a una strategia di natura intimidatoria ben strutturata, che trova le sue origine nel sottobosco culturale di una destra omofoba e intollerante a qualsiasi forma di cambiamento sociale e culturale». Così l'assessora regionale alle Risorse umane, Maria Campese, commenta l'ennesimo episodio di violenza ai danni del Comitato Arcigay di Andria, finito ancora una volta nel mirino di un gruppo di giovani facinorosi che – commenta Campese – «hanno fatto dell'odio agli omosessuali la cifra della loro vuota esistenza e delle loro paure».

Nell'esprimere solidarietà agli iscritti dell'associazione, l'assessora regionale lancia un appello in favore della cultura del rispetto e dei diritti della persona, «diritti che – spiega – riguardano tutti, indipendentemente dalle scelte di natura sessuale, che attengono esclusivamente alla sfera privata di ogni cittadino. Pensavamo - continua l'assessora Campese - che il nostro Paese fosse maturo nel riconoscere la pluralità dei sentimenti come valore assoluto di libertà, invece siamo costretti a registrare comportamenti di intolleranza moralmente inammissibili oltre che contrari a tutte le leggi, comunitarie e italiane, contro le discriminazioni sessuali». Argomento questo che vede ancora una volta l'assessora regionale in prima linea. Mercoledì 16 maggio prenderà infatti parte alla conferenza stampa di presentazione - in programma a Palazzo di città, a Barletta - della "Giornata mondiale contro l'omofobia" organizzata per il 17 da numerosi associazioni locali. Per la Campese, sarà l'occasione per ribadire il proprio no al razzismo di genere, chiedere una legge contro l'omofobia, e – proprio come ha fatto nei giorni scorsi l'America di Obama – dire il proprio sì ai matrimoni gay.
  • Associazioni
  • Intervista
  • Arcigay
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
"Il dono di Luca", il cuore dei barlettani supporta la ricerca "Il dono di Luca", il cuore dei barlettani supporta la ricerca Appuntamento venerdì 24 nella Sala Rossa del Castello
Come creare una ONLUS: tutti gli aspetti da considerare Come creare una ONLUS: tutti gli aspetti da considerare Requisiti e procedure da seguire
15 Da Barletta a Houston per fare ricerca: l'esperienza di Vincenzo Paolillo Da Barletta a Houston per fare ricerca: l'esperienza di Vincenzo Paolillo L'intervista al ricercatore barlettano, emigrato nel lontano Texas
16 ottobre 1983, Barletta-Bari 2-1: la decide Andrea Telesio 16 ottobre 1983, Barletta-Bari 2-1: la decide Andrea Telesio Intervista esclusiva al protagonista assoluto di una delle pagine storiche del Barletta Calcio
La Delegazione della Provincia Bat delle Guardie d’Onore alle reali tombe del Pantheon La Delegazione della Provincia Bat delle Guardie d’Onore alle reali tombe del Pantheon Numerose le attività del Gdos
11 L'occhio di un barlettano per immortalare le celebrità L'occhio di un barlettano per immortalare le celebrità Joseph Cardo è stato ospite sabato per l'evento del Rotaract Barletta. Ha firmato prestigiosi servizi fotografici con grandi star
Federica Chisena si racconta: «Il mio futuro alla University of Oklahoma» Federica Chisena si racconta: «Il mio futuro alla University of Oklahoma» La barlettana è un’eccellenza del nostro territorio: ottimi risultati sportivi e tanti successi accademici che la condurranno Oltreoceano
«Barletta come un punto di riferimento per l'eccellenza nell'olio di oliva» «Barletta come un punto di riferimento per l'eccellenza nell'olio di oliva» La nostra città diventa "città dell'olio". Ne parliamo con Michele Paparella, brand manager LÓLIO
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.