Le verita si urlano
Le verita si urlano
Eventi

Impastato, Falcone e Don Diana, a Barletta si riflette con "Innocenti Martiri”

Valentina Amorotti, presidente dell'Albero della vita: «Un incontro rivolto ai giovani, ma aperto a tutti»

Peppino Impastato, Giovanni Falcone e Don Peppe Diana sono i tre volti e vite recise al centro dell'incontro "Innocenti Martiri" organizzato dal L'Albero della vita. Sono esempi di esistenze donate alle generazioni future, voci che hanno gridato verità scomode, storie che si intrecciano come rami di un unico albero che, l'associazione di Barletta ha scelto per un momento di riflessione. L'evento si svolgerà questo sabato 28 dicembre alle ore 19.00, presso il Centro polifunzionale "Fatti mandare dalla mamma" sito in via Girolamo Cataneo 33; a presentarlo don Domenico Savio Pierro, sacerdote diocesano.

«"Fatti mandare dalla mamma" è uno spazio che da sempre, sin dai suoi primi passi, si è contraddistinto come luogo di incontro, confronto e scontro ma parlo di quelli costruttivi, quelli che ti fanno ragionare – spiega Valentina Amorotti, presidente dell'associazione L'Albero della vita. Una realtà dove si scambiano confidenze che sbocciano in atti solidali, azioni concrete che danno sollievo alla quotidianità del prossimo, ed è per questo che si parla pur sempre di coraggio. È quasi spontaneo cibarci di storie come quelle di cui tratteremo, modelli da cui possiamo imparare a mettere le ali ai nostri cuori perché "Donandosi nasce la vita"».

Le scelte di ogni giorno scrivono storie individuali diverse fra loro, alcune però si sfiorano, anche se i protagonisti non si sono mai incontrati. Quelle interrotte di Impastato, Falcone e Diana hanno la fine che sa di amaro e di piombo. «Il nostro augurio – afferma Valentina Amorotti - è che questa sia la prima di tantissime altre tappe, che possano con gioia e forza dare a tutti noi degli occhiali da vista per riuscire a guardare il mondo senza indugio alcuno, e per poter donare, attraverso il nostro operato, un pezzettino della nostra vita quotidiana».

All'iniziativa è stata invitata la pastorale giovanile di Barletta, il cui responsabile è don Aurelio Carella, un gruppo di giovani delle parrocchie di Barletta proporrà alcuni canti con cui richiameranno la figura e l'opera dei tre personaggi che hanno dato la propria vita per amore della giustizia. L'ingresso è libero.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Mercato della droga a Barletta, richiesti fino a 20 anni di reclusione Queste le pene richieste dal pm antimafia Maralfa per i 24 imputati dell'inchiesta "Nabucodonosor"
Morì al vecchio ospedale di Barletta, Asl/Ba condannata al risarcimento Morì al vecchio ospedale di Barletta, Asl/Ba condannata al risarcimento La 34enne Santa Ricatti perse la vita nel 1998 poco dopo aver partorito un feto privo di vita
Uffici Giudiziari, personale in agitazione: organico insufficiente a rischio dimezzamento Uffici Giudiziari, personale in agitazione: organico insufficiente a rischio dimezzamento Marcone e Abbascià (Fp Cgil Bat): «Siamo all’anno zero. Se non ci saranno risposte pronti alla mobilitazione»
Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nuove dichiarazioni di Savasta: il magistrato di Barletta collabora Nella vicenda che ha scosso la procura tranese emergono nuovi scenari
Operazione Nabucodonosor, cadono le accuse per Cannito e Diviccaro Operazione Nabucodonosor, cadono le accuse per Cannito e Diviccaro Per gli avvocati Michele Cianci e Antonella Parrotta si tratta di “un importante risultato”
Strage Ferrotramviaria, tutti rinviati a giudizio Strage Ferrotramviaria, tutti rinviati a giudizio In aula il 14 marzo 2019 per il rito abbreviato: processo fissato per il 28 marzo
Bufera nella Procura di Lecce, domiciliari per l'ex dg Asl Bat Narracci Bufera nella Procura di Lecce, domiciliari per l'ex dg Asl Bat Narracci Coinvolti magistrati e primari: l'accusa è di corruzione in atti giudiziari
Abusi nei controlli sulla caccia, condannata una guardia di Barletta Abusi nei controlli sulla caccia, condannata una guardia di Barletta L'inchiesta partì dal decesso per infarto di un cacciatore durante una perquisizione a Spinazzola
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.