Floriana Doronzo intervista presidente Angsa
Floriana Doronzo intervista presidente Angsa
Servizi sociali

Il punto sull’autismo con il presidente Angsa Bat

I progetti e le buone prassi circoscritte al territorio

L'angsa Puglia Onlus (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) opera da diversi anni a livello regionale nel campo della formazione professionale e dell'organizzazione dei servizi per le persone con autismo, in collaborazione con enti pubblici, quali Asl e scuole, spalmati in tutta la Puglia. Abbiamo rivolto precise domande al presidente Angsa Bat Mario Chimenti, dal quale abbiamo ricevuto illuminanti risposte.

Dott. Chimenti, partiamo dagli aspetti medico-sanitari e dalla fenomenologia dell'autismo: si sono dibattute teorie molto vaghe e discordanti su questa malattia. Quali sono i sintomi più comuni? Si è trovata una teoria più precisa a riguardo?
«La teoria era vaga fino a qualche tempo fa quando ancora l'azione dell'associazionismo sull'autismo non si era affermata. La grande battaglia che abbiamo vinto è stata quella che ha visto il riconoscimento della malattia come un danno del sistema nervoso centrale, quasi sicuramente su base genetica. Il danno non ha più un'eziologia psico-genetica o della "mamma fredda", come si pensava prima, ma è uno spettro del sistema nervoso che compromette la triade di comunicazione, relazione e interazione. E' chiaro che in questo momento storico come questo, ci troviamo di fronte a una svolta epocale: fino a ieri, a livello nazionale, il danno non solo non rientrava ancora nelle preoccupazioni scientifiche, ma era inficiato ancora dal complesso della mamma fredda, attribuendo al bambino una relazionalità congelata e chiusa. I comportamenti dei soggetti autistici sono deviati da una "dispercezione" dell'ambiente in cui vivono, ognuno a suo modo. L'evidenza scientifica ha dimostrato che, non essendoci ancora dei farmaci (se non psicofarmaci per calmare) l'unico trattamento è quello cognitivo-comportamentale, psico-educativo. Dall'età dello sviluppo, il soggetto affetto da autismo ha bisogno di un intervento specifico che stimoli la sfera della cognizione, della comunicazione e della relazione. Rimangono i comportamenti problematici; i ragazzi autistici infatti non presentano dismorfismi. Il loro disagio è prettamente comunicativo-comportamentale (vedasi l'incapacità di gestire le emozioni) e sono tutti accomunati dalla stessa prossemica; ci sono stereotipie attraverso le quali noi possiamo distinguere gli individui autistici».

Ci sono linguaggi particolari che i bambini autistici sviluppano durante la crescita?
«Assolutamente sì, e sono spesso fonte di scambi comunicativi fuori dall'ordinario. Il loro corpo assume delle movenze estremamente eloquenti. Oltre alla gestualità, il loro linguaggio verbale è fatto di reiterazioni continue perché è il prodotto di un ascolto molto sensibile; altre volte hanno tempi di reazione molto ampi, che possono spingerci alla riflessione».

L'autismo rientra nei disturbi generalizzati dello sviluppo: ci sono progressi e /o integrazioni sul piano didattico-educativo? C'è bisogno di una figura professionale di guida?
«Certamente. Noi abbiamo cominciato dalle scuole perché sono gli enti preposti all'apprendimento più elementare e l'intervento educativo deve partire dagli insegnanti. L'osservatorio nazionale per l'integrazione scolastica ha parlato di autismo e dei disturbi generali dell'apprendimento. L'evoluzione che si sta avendo in questo senso è una proposta di legge al Miur che prevede due percorsi diversi: uno per l'insegnante di sostegno e uno per il docente curriculare perché l'insegnante di sostegno non deve essere un tappabuchi delle mancanze didattiche, bensì una figura di riferimento che abbia coscienza e conoscenza della metodologia, approvata su scala mondiale, per la cura dell'autismo. Gli interventi educativi, ritenuti universalmente efficaci dalla pedagogia curativa, devono essere applicati a scuola, a casa e nelle loro attività di svago. Ora, per migliorare il loro stile di vita e renderlo congruo ai loro coetanei, si deve orientare il soggetto verso un'autonomia delle azioni quotidiane; bisogna insegnare loro a lavarsi le mani correttamente, per esempio».

Quando e quanto si interfaccia il ministero della salute su questo fenomeno? Ci sono differenze di trattamento a seconda dell'età?
«Le linee guida dell'Istituto Superiore della Sanità si rivolgono all'età infantile-puerile e risalgono soltanto al 2011. Nel 2012 invece, il Ministero della Salute si è occupato dell'entità autistica nei soggetti adulti ed è stata fatta la conferenza unificata per informare tutte le regioni sul fenomeno. La regione Puglia è stata la prima in Italia ad aver recepito queste linee di indirizzo e a sedersi al tavolo di concertazione per emanare un indirizzamento specifico sull'autismo».

Rimanendo sul territorio, i servizi sociali in quale direzione si stanno muovendo a Barletta?
«E' stato creato un centro ambulatoriale per l'autismo, deliberato dalla ASL BAT, con la collaborazione dei servizi sociali del comune di Barletta . Con una delibera di quest'anno, le famiglie dei soggetti autistici possono finalmente contare su punti di riferimento pubblici, sempre in grado di mettere a loro completa disposizione le competenze richieste».
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Associazioni
  • Servizi Sociali
  • Intervista
  • autismo
Altri contenuti a tema
Palloncini azzurri per la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo Palloncini azzurri per la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo L'iniziativa simbolica domani al centro "L'Angioletto"
La raccolta fondi delle associazioni UNMRI e ANFI per l'Ucraina La raccolta fondi delle associazioni UNMRI e ANFI per l'Ucraina A cena con il commissario Francesco Alecci
Centro Studi Barletta in Rosa sostiene la missione di Antonella Morelli Centro Studi Barletta in Rosa sostiene la missione di Antonella Morelli Giovedì si terrà l'incontro in cui verrà consegnato il materiale scolastico e di cancelleria raccolto dalle donazioni
La rete delle associazioni di Barletta incontra il Commissario prefettizio La rete delle associazioni di Barletta incontra il Commissario prefettizio Tra le problematiche affrontate povertà, disagio, violenza e la concessione di spazi pubblici alle associazioni
1 «Sognavo l’Africa da bambina, ma sono diventata cooperante grazie a “Un medico in famiglia”» «Sognavo l’Africa da bambina, ma sono diventata cooperante grazie a “Un medico in famiglia”» Antonella Morelli, giovane barlettana, racconta la sua missione umanitaria in Kenya
Le associazioni di Barletta contro povertà, disagio e violenza Le associazioni di Barletta contro povertà, disagio e violenza La manifestazione di ieri a parco dell'Umanità
Francesco Pannofino al “Curci” di Barletta: «Il teatro è emozione» - L’INTERVISTA Francesco Pannofino al “Curci” di Barletta: «Il teatro è emozione» - L’INTERVISTA L’attore interpreta Vincenzo Cantone nello spettacolo “Mine Vaganti” di Ferzan Ozpetek
Stabilizzate sette figure professionali nel settore dei servizi sociali Stabilizzate sette figure professionali nel settore dei servizi sociali L'Amministrazione comunale ha ritenuto opportuno stabilizzare le sette figure con il contratto a tempo indeterminato
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.