Amici ai tempi del COVID19
Amici ai tempi del COVID19
Cronaca

Il giallo del Natale: la Puglia allenta le misure, ma la regione è ad «alto rischio»

Michele Emiliano: «Significa che il nostro sistema sanitario ha retto l’ondata»

Da domani la Puglia sarà in zona gialla. È il colore che indica il più basso indice di rischio stando al modello elaborato dal comitato tecnico scientifico e dal governo. Lo aveva prospettato giovedì sera il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa: «Entro Natale – diceva illustrando le misure del nuovo Dpcm – tutte le regioni italiane potrebbero passare in zona gialla».

Tra meno di 24 ore, quindi, bar e ristoranti potranno restare aperti fino alle 18:00. Resterà in vigore il coprifuoco alle ore 22:00, con divieto di spostarsi fino alle 5 di mattina, ma sarà nuovamente possibile spostarsi tra Comuni e altre regioni gialle.

Ma la Puglia è una «regione ad alto rischio»

Eppure sulla base dei dati compresi tra il 23 e il 29 novembre, l'Istituto superiore della sanità ha indicato la Puglia come regione ad alto rischio. Stessa sorte anche per la Calabria, confermata in zona arancione, e per la Sardegna ancora in zona gialla.

Ma il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato ieri l'ordinanza che "premia" la regione Puglia, nella giornata che si colora del nero più intenso in termini di decessi. Sono 72 quelli comunicati nell'ultimo bollettino epidemiologico, ma «si sono verificati in un arco temporale di diversi giorni» ha provveduto a precisare l'assessore regionale Pierluigi Lopalco in serata. «Non è vero che oggi abbiamo avuto 72 morti – ha rilanciato a distanza di quale ora il presidente pugliese Michele Emilianoma solo che oggi sono stati inseriti nei data base 72 decessi avvenuti in diversi giorni».
Cala, pur restando al di sopra della media nazionale, il rapporto tra positivi e tamponi effettuati. Ha sfiorato il 17% ad inizio settimana mentre ieri si attestava al 14,97%. Diminuisce di qualche unità anche il numero di ricoveri che alla giornata di ieri erano 1.823, ma aumenta quello delle terapie intensive con 42 nuovi letti occupati.

La zona gialla, ha scritto in un post Facebook il governatore Emiliano «significa che il nostro sistema sanitario ha retto l'ondata che nel solo mese di novembre ha portato a 35mila i nuovi contagi, quando in tutta la prima ondata erano stati poco più di 4mila».

E per le province di Foggia e Bat si chiedeva la zona rossa

Lo stesso governatore pugliese solo a metà novembre richiedeva l'adozione della zona rossa per le province di Foggia e di Barletta-Andria-Trani. L'istanza non è stata accolta dal ministero della Salute perché il criterio era quello regionale.

L'auspicio dei primi cittadini era che si intervenisse su base provinciale. Dopo il tavolo tecnico svoltosi il 23 novembre con i sindaci nella Prefettura Bat, il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia azzardava: «Il prossimo Dpcm potrebbe consentire le zonizzazioni provinciali». Nulla di fatto. Anche la Bat e Foggia, le province più colpite, saranno in zona gialla da domani «ma non escludo di applicare restrizioni a questi territori», ha fatto sapere Emiliano ieri sera.

Il cambio di colore sorprende, ma il governatore commenta: «La zona gialla è una decisione del Ministro della Salute e non della Regione Puglia. Se fosse stato per me e al mio istinto di protezione vi avrei chiusi tutti in casa, ma non sarebbe stata la mossa giusta».
  • Regione Puglia
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1310 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid-19, in Puglia altri 908 nuovi positivi in 24 ore Covid-19, in Puglia altri 908 nuovi positivi in 24 ore Nella giornata di oggi sono stati processati 7.572 tamponi
3 Vaccino anti-Covid, a Bari la seconda dose anche per la barlettana Lucilla Crudele Vaccino anti-Covid, a Bari la seconda dose anche per la barlettana Lucilla Crudele Al via i richiami per la vaccinazione a distanza di 21 giorni dalla prima somministrazione
Da oggi la Puglia torna in zona arancione. Cosa si può fare e cosa no Da oggi la Puglia torna in zona arancione. Cosa si può fare e cosa no Le restrizioni in vigore dal 17 gennaio. Prorogato al 30 aprile lo stato d'emergenza
Covid-19, 100 nuovi contagi nella Bat e 2 decessi Covid-19, 100 nuovi contagi nella Bat e 2 decessi Oltre 10mila i tamponi processati nelle ultime 24 ore
1 Barletta stringe le misure anti Covid-19 fino al 5 marzo, tutti i dettagli Barletta stringe le misure anti Covid-19 fino al 5 marzo, tutti i dettagli Tre ordinanze del sindaco Cannito: divieto d'accesso al lungomare Mennea nei giorni festivi
Insolito sabato "giallo" a Barletta, da domani scatta la zona arancione Insolito sabato "giallo" a Barletta, da domani scatta la zona arancione Ancora oggi l'occasione per un pranzo al ristorante o per un caffè al bar
Le nuove disposizioni ufficiali per la scuola fino al 23 gennaio Le nuove disposizioni ufficiali per la scuola fino al 23 gennaio Ecco il testo dell'ordinanza firmata da Michele Emiliano
Scuola, Emiliano: «Didattica digitale integrata al 100% per le superiori» Scuola, Emiliano: «Didattica digitale integrata al 100% per le superiori» Per la primaria e la secondaria di primo grado resta la scelta tra presenza e didattica a distanza
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.