Migranti
Migranti
Servizi sociali

I migranti della nave Diciotti diretti a Barletta sono "irreperibili"

Chieppa: «Possono allontanarsi, in quanto liberi di muoversi sul territorio»

Erano attesi ieri, 5 settembre 2018, nelle strutture della Caritas di Barletta, disponibili ad accoglierli, ma non si sono presentati. I tre migranti provenienti dalla nave Diciotti, insieme a molti altri, sono infatti irreperibili. La notizia è stata confermata dal direttore della Caritas di Barletta Lorenzo Chieppa che ha dichiarato: «Al momento la comunicazione di Caritas italiana afferma che da Rocca di Papa non sono previsti trasferimenti su Barletta e che gran parte dei migranti della Diciotti sono irreperibili. La situazione viene aggiornata ad horas visto che le irreperibilità si verificano al momento del trasferimento».
«Circa la reperibilità dei migranti in struttura - ci riferisce ancora il direttore Chieppa - è abbastanza consuetudinale che loro possano allontanarsi, in quanto liberi di muoversi sul territorio, anche se regolarmente sottoposti ai controlli di polizia. Poiché non sono segregati in nessuna struttura è normale che possano allontanarsi». Caritas resta comunque disponibile all'accoglienza del migranti. Conclude infatti Chieppa: «Resta la piena disponibilità da parte della Caritas di Barletta ad accogliere fino a tre migranti nella struttura di Via Manfredi 45».

La notizia è stata divulgata a livello nazionale dalla Caritas Italiana, come si legge in un articolo di Avvenire che riporta anche alcune dichiarazioni del direttore di Caritas Italiana, don Francesco Soddu: «È allontanamento volontario, non fuga. Si fugge da uno stato di detenzione e non è questo il caso, nessuno vuole rimanere in Italia, si sa. Queste persone davanti ad una situazione di affidamento o prima o dopo avrebbero potuto scegliere di allontanarsi volontariamente" perché la struttura che li accoglie non ha il compito di trattenerli». I migranti della Diciotti che si sono resi irreperibili, già al centro di Rocca di Papa e in alcuni casi successivamente nelle strutture di accoglienza delle diocesi, ovunque verranno trovati, in Italia o anche all'estero, «potranno chiedere asilo ricominciando quella procedura che era stata avviata nelle nostre strutture, a partire dal centro di accoglienza straordinaria».

  • Immigrazione
  • Caritas
Altri contenuti a tema
Caritas Barletta, cammino formativo per l'anno 2019-2020 Caritas Barletta, cammino formativo per l'anno 2019-2020 Tutte le date e il calendario completo degli incontri
Il direttore Caritas di Barletta ha incontrato i responsabili della Caritas del Perù Il direttore Caritas di Barletta ha incontrato i responsabili della Caritas del Perù Nell'incontro si è parlato di migrazioni, adozioni e difesa dei boschi
Furto alla mensa Caritas Barletta, una nota del sindaco Cannito Furto alla mensa Caritas Barletta, una nota del sindaco Cannito «Un gesto che fa rabbia e addolora allo stesso tempo»
1 Furto con scasso alla mensa Caritas di Barletta, «resta la speranza» Furto con scasso alla mensa Caritas di Barletta, «resta la speranza» Danni per migliaia di euro, il direttore Chieppa: «Noi comunque ripartiremo oggi normalmente»
Emergenza caldo, attiva l'Unità di Strada della Caritas Barletta Emergenza caldo, attiva l'Unità di Strada della Caritas Barletta Sarà disponibile nelle ore notturne e nei momenti particolarmente caldi
Giornata Mondiale del Rifugiato, film e dibattito a Barletta con Oasi2 Giornata Mondiale del Rifugiato, film e dibattito a Barletta con Oasi2 Appuntamento giovedì prossimo nell'antiteatro dei Giardini del Castello
600 felpe contraffatte donate alla Caritas di Barletta 600 felpe contraffatte donate alla Caritas di Barletta Sempre attivi i finanzieri della Compagnia di Barletta, autori dell'ennesimo sequestro di merce contraffatta
Oltre 400 kg di pesce donato ai bisognosi della Caritas Barletta Oltre 400 kg di pesce donato ai bisognosi della Caritas Barletta Il generoso omaggio della Capitaneria di Porto
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.