I lavoratori del multiservizi scendono in piazza
I lavoratori del multiservizi scendono in piazza
Scuola e Lavoro

I lavoratori del multiservizi in piazza a Barletta: «Chiediamo un adeguamento retributivo»

Spera (Filcams Cgil): «È intollerabile che da circa 7 anni il contratto sia bloccato con retribuzioni lorde di 7 euro o poco più»

Sono più di mezzo milione i lavoratori del settore multiservizi in Italia in attesa del rinnovo del contratto fermo da circa 7 anni fa. Per questo oggi, in tutte le province italiane, operatori ed operatrici, che sono stati in prima fila nel periodo dell'emergenza sanitaria per garantire sicurezza e salute, sono scesi in piazza.

Questo pomeriggio, a partire dalle 14:30, anche a Barletta una delegazione si è riunita all'esterno della Prefettura di Barletta-Andria-Trani per sottoporre al Prefetto le istanze dell'intero settore.«Il settore – spiega Domenico Spera, segretario provinciale della Filcams Cgil – occupa circa 600 mila lavoratori in tutta Italia che nel periodo dell'emergenza hanno operato per assicurare, presso enti pubblici e attività commerciali, igiene, salute e sicurezza. Riteniamo fondamentale e doveroso che il CCNL venga rinnovato quanto prima perché è intollerabile che da circa 7 anni il contratto sia bloccato con retribuzioni lorde di 7 euro o poco più. È opportuno che queste lavoratrici e questi lavoratori siano retribuiti nel giusto modo per il lavoro che svolgono».

In piazza fino alle 18:00 nella speranza che il Governo possa riattivare il tavolo delle trattative tra sindacati e associazioni imprenditoriali di categoria.

«Siamo in attesa che sua eccellenza il Prefetto possa ricevere una delegazione di lavoratrici e lavoratori – aggiunge Spera – in modo da poter portare le istanze di tutti colori i quali sono qui presenti in piazza perché è intollerabile che le paghe medie siano superiori poco più a 7 euro lordi.

Richiediamo quindi che venga riconosciuto un adeguamento retributivo, tenuto conto che nel periodo dell'emergenza ci sono state tantissime opere di sanificazione che hanno incrementato il lavoro per le aziende.

Riteniamo opportuno – conclude il segretario provinciale della Filcams Cgil – che la controparte datoriale riconosca questo aumento di lavoro e dia anche un riconoscimento dovuto e legittimo per tutte queste persone che potrebbe essere anche un incentivo a smuovere l'economia che forse si appresta a vivere un ulteriore periodo di stasi».
  • Cgil
  • Prefettura
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1453 contenuti
Altri contenuti a tema
In Puglia 1.155 nuovi casi di Covid in 24 ore In Puglia 1.155 nuovi casi di Covid in 24 ore Sono 74 quelli registrati nella provincia Bat
1 Barletta, no alla vendita delle bevande alcoliche dopo le 18 Barletta, no alla vendita delle bevande alcoliche dopo le 18 Ad essere interessati dalle nuove restrizioni anche i negozi di generi alimentari
8 marzo, l'incontro in streaming della Cgil Bat con protagoniste del territorio 8 marzo, l'incontro in streaming della Cgil Bat con protagoniste del territorio La giornata internazionale della donna: «E donna sia…anche in pandemia»
Covid, anche nella Bat è stata avviata la campagna vaccinale per i Vigili del fuoco Covid, anche nella Bat è stata avviata la campagna vaccinale per i Vigili del fuoco Fp Cgil Bat: “Soccorritori che ogni giorno rischiano il contagio”. Il 2 marzo è cominciata la somministrazione
1 Nella provincia Bat altri 110 contagi da Covid-19 Nella provincia Bat altri 110 contagi da Covid-19 Sono stati 1.483 i nuovi casi registrati in Puglia
1 Covid, a Barletta nuove restrizioni per contenere la curva dei contagi Covid, a Barletta nuove restrizioni per contenere la curva dei contagi I provvedimenti in vigore da oggi fino al 6 aprile
1 Vaccini Covid, in Puglia accordo con i medici di medicina generale Vaccini Covid, in Puglia accordo con i medici di medicina generale Lopalco: «Fino alla fine del mese potremo completare la vaccinazione degli ultraottantenni»
Ancora zona gialla per la Puglia, l’Rt resta inferiore 1 Ancora zona gialla per la Puglia, l’Rt resta inferiore 1 La decisione del ministero della Salute
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.