guardia di finanza
guardia di finanza
Cronaca

Guardia di Finanza, eseguiti interventi per contrastare lavoro nero

L'operazione ha interessato anche la provincia Bat

Nei giorni 26 e 27 u.s. il Comando Regionale Puglia ha disposto l'esecuzione di un piano straordinario di interventi finalizzato a prevenire e reprimere il fenomeno del lavoro "nero" ed "irregolare", nonché le connesse manifestazioni di illegalità.

Il piano di interventi disposto dal Comando Regionale Puglia si colloca nell'ambito della missione istituzionale del contrasto all'illegalità economica e finanziaria, con lo scopo di tutelare il corretto andamento del mercato del lavoro. L'operazione ha registrato l'esecuzione di ben 208 interventi, nel corso dei quali sono stati scoperti 194 lavoratori impiegati totalmente "in nero", oltre a nr. 32 lavoratori la cui posizione è risultata "irregolare", con la conseguente verbalizzazione di complessivi 96 datori di lavoro.

Ben 135 invece sono le posizioni lavorative ancora in fase di definizione, per le quali sono necessari ulteriori accertamenti. L'attività ispettiva, condotta trasversalmente nei confronti di numerose tipologie di imprese, ha evidenziato talune situazioni di particolare rilevanza; a titolo di esempio, si citano i casi di un salottificio dell'area murgiana, ove sono stati scoperti ben 16 lavoratori in nero, impegnati nell'attività di fabbricazione di divani, oppure l'individuazione, nella provincia di Bari, di un opificio di proprietà di un'azienda dedita alla fabbricazione di pedane, presso il quale sono stati individuati 6 lavoratori in nero, nonchè il caso di un panificio della provincia di Foggia, in cui tutti i quattro lavoratori sono risultati assunti in nero.

Dall'inizio dell'anno, nello specifico settore sono stati effettuati 452 controlli su tutto il territorio regionale, con la scoperta di 362 lavoratori "in nero" e 584 lavoratori la cui posizione risultava comunque irregolare; 335 i datori di lavoro verbalizzati.
  • Guardia di Finanza
  • Lavoro nero
Altri contenuti a tema
Prezzi aumentati nell'emergenza Coronavirus, controlli anche a Barletta Prezzi aumentati nell'emergenza Coronavirus, controlli anche a Barletta Operazione della Guardia di Finanza in 28 comuni nelle province di Bari e Bat
1 Prosciutto e prosecco rubati, maxi sequestro ad un 50enne di Barletta Prosciutto e prosecco rubati, maxi sequestro ad un 50enne di Barletta I finanzieri hanno intercettato l'uomo durante i controlli in strada per l'emergenza Coronavirus
1 Coronavirus, a Gorizia la frode dell'igienizzante prodotto a Barletta Coronavirus, a Gorizia la frode dell'igienizzante prodotto a Barletta La Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 1600 flaconi privi dei requisiti di legge
1 Coronavirus, sequestrati oltre 5 mila articoli sanitari nelle province di Bari e BAT Coronavirus, sequestrati oltre 5 mila articoli sanitari nelle province di Bari e BAT Si tratta di prodotti posti in commercio con modalità fraudolente e truffaldine
La Guardia di finanza sequestra beni immobii a Barletta La Guardia di finanza sequestra beni immobii a Barletta Il valore supera il milione di euro
Da Barletta a Napoli, il viaggio della merce contraffatta Da Barletta a Napoli, il viaggio della merce contraffatta La Guardia di Finanza ha messo i sigilli a oltre 4mila capi di abbigliamento falsi di note griffe
Barletta al centro di una inchiesta della Finanza sul black market Barletta al centro di una inchiesta della Finanza sul black market Sequestrato un locale commerciale in cui veniva esercitata l'attività di exchange di Bitcoin
Inseguimento da Barletta verso Trani, caos sulla SS16bis Inseguimento da Barletta verso Trani, caos sulla SS16bis I malviventi hanno fatto perdere le proprie tracce, in azione la Guardia di Finanza di Barletta
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.