Giardini Baden Powell
Giardini Baden Powell
La città

Giardini "Baden Powell" di Barletta, dove il degrado è di casa

Un'ulteriore denuncia di Carlo Leone, vice coordinatore regionale Rivoluzione Cristiana

Il vice coordinatore regionale del Partito Rivoluzione Cristiana, Carlo Leone, ritorna a denunciare una situazione ormai ben nota, sotto gli occhi di tutti ma per ancora non si paventa alcuna soluzione. I giardini "Robert Baden Powell" versano in uno stato di abbandono e degrado intollerabile - riferisce Leone - ormai sono abbandonati a loro stessi e nessuno affronta la questione».

«Come possiamo notare dalle foto il degrado che si palesa in questi giardini non ha rivali. Ci vorrebbe una manutenzione giornaliera, ma davanti a questo sfacelo serve un'azione di emergenza immediata. Il gabbiotto dove una volta c'era il custode è una discarica. Non c'è più un cestino dove porre i piccoli rifiuti. Vedere questi giardini abbandonati così mi fa pensare che alla nostra amministrazione non importi nulla della nostra città. Questi sono i risultati ottenuti dalla nostra amministrazione. Chiedo un intervento da parte di chi abbia la competenza di ripristinare il decoro di questi giardini. Come mai nessuno si accorge di questo evidente degrado? Eppure, se venisse ripristinato, sarebbe un bel punto di ritrovo per gli anziani che abitano in questa zona. Ormai non è più frequentata da nessuno: ci sono solo cani e ragazzi che fanno i comodi propri, senza che nessuno li disturbi.

Chiedo più controlli da parte delle forze dell'ordine e sanzioni per trasgressioni che chi porta qui i cani al "pascolo" senza raccoglierne le feci. Spesso ci sono cani anche pericolosi che girano liberi, senza guinzaglio. Spero vivamente che questi giardini possano tornare ad essere com'erano prima, un punto di ritorno per chi vive in zona, magari con la presenza fissa di un guardiano».
Giardini "Baden Powell" di Barletta, dove il degrado è di casaGiardini "Baden Powell" di Barletta, dove il degrado è di casaGiardini "Baden Powell" di Barletta, dove il degrado è di casaGiardini "Baden Powell" di Barletta, dove il degrado è di casa
  • Degrado
  • Rivoluzione Cristiana
Altri contenuti a tema
10 Forza Nuova, da Trani a Barletta in marcia contro il degrado Forza Nuova, da Trani a Barletta in marcia contro il degrado «Difendi il tuo quartiere! Difendi la tua città!»
11 Galeotto fu il graffito e chi lo scrisse: degrado ai giardini de Nittis Galeotto fu il graffito e chi lo scrisse: degrado ai giardini de Nittis La denuncia dell'associazione Barletta Azione 360°
6 Buio pesto in via Pistergola, «troppo frequenti i black out in zona» Buio pesto in via Pistergola, «troppo frequenti i black out in zona» La segnalazione di Carlo Leone, vice coordinatore regionale di Rivoluzione Cristiana
Degrado al cimitero di Barletta, la denuncia di Rivoluzione Cristiana Degrado al cimitero di Barletta, la denuncia di Rivoluzione Cristiana Il referente provinciale Carlo Leone: «Luogo abbandonato dalle istituzioni, situazione che offende la dignità dei defunti»
17 Parco in via Ofanto, «inaugurato quattro mesi fa, è già nel degrado» Parco in via Ofanto, «inaugurato quattro mesi fa, è già nel degrado» La denuncia dell'associazione Barletta Azione 360°
1 Rivoluzione Cristiana arriva nella Bat, nomine tutte al femminile Rivoluzione Cristiana arriva nella Bat, nomine tutte al femminile A rendere noti gli incarichi sarà l'onorevole Giampiero Catone
4 Cimitero di Barletta, buche pericolose ed erbacce Cimitero di Barletta, buche pericolose ed erbacce La denuncia di Carlo Leone, coordinatore provinciale di Rivoluzione Cristiana
1 Una petizione online per dire basta al degrado e ai rifiuti abbandonati Una petizione online per dire basta al degrado e ai rifiuti abbandonati «Barletta deve splendere»: il commento dei cittadini
© 2001-2018 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.