Gesù entra a Gerusalemme
Gesù entra a Gerusalemme
Religioni

Gesù, profeta scomodo, scuote la nostra tranquillità

Le parole di don Vito e la Parola del Rabbi

Dal Vangelo secondo Marco: "In quel tempo, Gesù venne nella sua patria e i suoi discepoli lo seguirono. Giunto il sabato, si mise a insegnare nella sinagoga. E molti, ascoltando, rimanevano stupiti e dicevano: «Da dove gli vengono queste cose? E che sapienza è quella che gli è stata data? E i prodigi come quelli compiuti dalle sue mani? Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?». Ed era per loro motivo di scandalo. Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità.

Gesù percorreva i villaggi d'intorno, insegnando. La Parola di questa domenica fissa la sua attenzione su Gesù come profeta rifiutato. Il cosiddetto "episodio di Nazaret", qui narrato, è presentato anche nel Vangelo di Luca al capitolo quarto, con i particolari del brano da Lui scelto ("lo Spirito del Signore è su di me") e l'inizio della sua predicazione ("Oggi si è compiuta questa Scrittura"). Dello stesso episodio Marco sottolinea il rifiuto e l'incredulità della sua gente che addirittura resta scandalizzata di fronte al suo insegnamento. Perché? Perché Gesù è venuto a scuoterci dalle nostre sicurezze e comodità, perché la sua Parola scuote le nostre coscienze, perché Lui non vuole una adesione formale e apparente ma reale e profonda.

Egli è un Rabbi autorevole! Se la sua gente, il popolo d'Israele, ieri e noi, suo popolo, oggi non ci lasciamo raggiungere dalla novità che è venuto a portarci, pur di restare aggrappati alle nostre sicurezze apparenti, non potremo cambiare il mondo con la più bella rivoluzione della storia: Dio si coinvolge a tal punto nella nostra storia universale e particolare fino a prender su di sé tutta la nostra umanità, nella sua debolezza e fragilità, per usare a tutti Misericordia! E allora il più grande peccato che potrò commettere sarà il rifiuto di Lui! Come? Chiudendomi a Gesù e agli altri. E noi, figli del nostro tempo, abbiamo tanto bisogno di aprirci, nella fede e nella fiducia, a Lui e agli altri.

Buona domenica!

[don Vito]
  • Chiesa cattolica
  • Vangelo
Altri contenuti a tema
40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida 40 anni dalla scomparsa di don Peppuccio, il prete barlettano innamorato della Disfida Contribuì a innestare il fervore per la rievocazione. «Fu conosciuto amato dai barlettani per il bene che fece»
Ave Maria in classe: tra laicità e tutela dei propri diritti Ave Maria in classe: tra laicità e tutela dei propri diritti Una riflessione di Michele Grimaldi, direttore dell'Archivio di Stato
Il Giovedì Santo a Barletta: tra tradizione, devozione e suggestione (FOTO) Il Giovedì Santo a Barletta: tra tradizione, devozione e suggestione (FOTO) Il nostro percorso nelle chiese di Barletta nella sera dei “Sepolcri”, ma qualche bellissima chiesa resta purtroppo chiusa
Prossima la beatificazione della venerabile Madre Elisa Martinez Prossima la beatificazione della venerabile Madre Elisa Martinez Lo annuncia il postulatore della causa Mons. Sabino Amedeo Lattanzio
L’inizio della Quaresima con la tradizione dei 40 rintocchi L’inizio della Quaresima con la tradizione dei 40 rintocchi Dal racconto di Don Sabino Lattanzio il perché di questo momento
A Barletta la festa della Beata Vergine Maria di Loreto A Barletta la festa della Beata Vergine Maria di Loreto Appuntamento da oggi nella Chiesa Santa Maria di Nazareth
Don Mauro Dibenedetto nominato segretario del Centro di azione liturgica Don Mauro Dibenedetto nominato segretario del Centro di azione liturgica Mons. Giovanni Di Napoli è stato nominato vicepresidente
Madonna del Pozzo: dopo due anni ritorna la storica processione Madonna del Pozzo: dopo due anni ritorna la storica processione Il triduo di preparazione prenderà il via nella giornata di venerdì 9 settembre con la Santa Messa solenne delle ore 19.00
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.