Piazza Caduti
Piazza Caduti
La città

Ex Palazzo delle Poste, Collettivo Exit: «Lo strabismo della politica»

«È venuta l'ora di aprire una discussione pubblica sul futuro degli immobili pubblici»

«Tutti si strappano le vesti, tutti invocano la sua tutela, tutti chiedono il suo acquisto. Il Palazzo delle poste non è più un edificio, si è trasformato in un'icona della Madonna da venerare e da proteggere». Ad intervenire sull'alienazione dell'ex Palazzo delle Poste è il Collettivo Exit.

«Consiglieri comunali, consiglieri regionali, parlamentari, un fronte unico a difesa di un palazzo che rappresenta un parte importante della nostra storia. In quel luogo si è consumata una pagina infamante della seconda guerra mondiale, l'eccidio da parte dei nazisti di vigili urbani e netturbini. Ma quel palazzo è anche la rappresentazione plastica della pochezza della classe politica locale.

Sì, perché i fautori della tutela di un bene comune come il Palazzo delle poste sono gli stessi che ogni anno mettono a bilancio l'alienazione(cioè la vendita) degli immobili pubblici. Sono gli stessi che in passato hanno messo in vendita gioielli come Villa Bonelli, per poi fare marcia indietro dopo le proteste dei cittadini. Sono gli stessi che da anni lasciano nel più totale abbandono gli edifici storici della nostra città, senza uno straccio di progetto per il loro recupero e senza che la collettività possa recuperarne la fruizione. Sono gli stessi che hanno dato la possibilità ai privati di prendere in carico aree verdi della città, privatizzando porzioni di territorio.
Siamo entrati in una nuova fase in cui il pubblico si ritira dalle scelte strategiche di valorizzazione e recupero di pezzi di territorio per lasciare mano libera ai privati di dettare tempi e strategie.

Arriverà il momento in cui dovremmo chiedere ad un privato se possiamo o non possiamo usufruire di uno spazio pubblico. La politica istituzionale a livello locale è diventata ordinaria amministrazione, pura contabilità, mero esercizio quotidiano dello status quo. Ma qualcuno oggi direbbe che non è il momento delle polemiche, dobbiamo far sì che il Comune acquisti il Palazzo delle poste, poi il resto si vedrà.

Forse è venuta l'ora di aprire una discussione pubblica sul futuro degli immobili pubblici, senza dover apprendere sempre in un secondo momento la possibile svendita di qualche "gioiello di famiglia"».
  • Collettivo Exit
Altri contenuti a tema
2 Zagaria: «Non ho infranto la memoria dei due poliziotti» Zagaria: «Non ho infranto la memoria dei due poliziotti» La risposta di Alessandro Zagaria (Collettivo Exit) alla nota dei consiglieri Mele, Memeo e Antonucci
3 Mele, Memeo, Antonucci: «Parliamo di autentico odio misto a ignoranza» Mele, Memeo, Antonucci: «Parliamo di autentico odio misto a ignoranza» La risposta dei consiglieri al commento di un rappresentante del Collettivo Exit
1 "Barletta antifascista", ripristinato il murale nei giardini De Nittis "Barletta antifascista", ripristinato il murale nei giardini De Nittis Alla vigilia della Festa della Repubblica, alcune associazioni cittadine hanno provveduto al ripristino del murale
3 Barletta antifascista: murale vandalizzato, la denuncia del Collettivo Exit Barletta antifascista: murale vandalizzato, la denuncia del Collettivo Exit «Non sarà certo una bomboletta verde a cancellare la memoria dei fratelli Vitrani»
4 «La lista dei contagiati sarebbe rimasta riservata»: la replica dell'avv. Cianci «La lista dei contagiati sarebbe rimasta riservata»: la replica dell'avv. Cianci L'Amministratore unico della società Bar.s.a. scrive in risposta a quanto dichiarato dal Collettivo Exit
Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» Richiesta nomi dei contagiati da Bar.s.a., Collettivo Exit: «Una caccia all'untore» «Farebbe bene l’avvocato Cianci a occuparsi della tutela dei lavoratori fornendogli tutti i dispositivi di sicurezza necessari»
In fiamme l'azienda Dalena, Collettivo Exit: «Barletta la terra dei fuochi» In fiamme l'azienda Dalena, Collettivo Exit: «Barletta la terra dei fuochi» «L'amministrazione comunale deve dire con chiarezza che cosa sta avvenendo nella nostra città»
1 Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» Aria irrespirabile a Barletta, Collettivo Exit: «Il segreto di stato è stato rivelato» «L'aria è irrespirabile in città perché ci sono aziende che trattano e smaltiscono rifiuti»
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.