Emiliano presenta i candidati della Bat
Emiliano presenta i candidati della Bat
Politica

Emiliano presenta i candidati della Bat e chiede aiuto al Governo per vincere su Fitto

Il governatore pugliese uscente, Michele Emiliano: «Il Governo dovrebbe mettersi una mano alla coscienza ed evitare di regalare questa Regione a Salvini»

Storie e percorsi politici diversi che però trovano sintesi all'interno di un progetto comune, quello avviato da Nichi Vendola e portato avanti da Michele Emiliano. L'uscente governatore pugliese ha descritto così la composizione delle liste che ne sostegno la rielezione, passando al setaccio gli ultimi quindici anni di governo di centrosinistra.
Social Video4 minutiMichele Emiliano presenta i candidati della BATCosimo Giuseppe Pastore
La Puglia di oggi è ben diversa da quella lasciata da Raffaele Fitto. È quanto trapela dalle parole che Emiliano ha riservato ieri alla platea di candidati e cittadini riunitisi a Margherita di Savoia per la presentazione delle 15 liste e dei loro candidati per la circoscrizione della provincia di Barletta-Andria-Trani.

«I sindaci, gli amministratori e i tanti militanti qui presenti – ha detto Michele Emiliano – racconteranno una storia bella, quella di una Puglia che era sconosciuta al mondo e che adesso è una delle terre più ambite del mondo sia dal punto di vista turistico che economico. Cambiare il senso delle cose non mi sembra possibile, mi sembrerebbe un incubo».

Una competizione elettorale decisiva anche per la stabilità del governo giallo-rosso. Lo dimostra l'arrivo in Puglia negli ultimi giorni di esponenti dell'esecutivo nazionale. In caso di vittoria del centrodestra, tuttavia, non sarà Emiliano a doversi sentire responsabile, ha detto il candidato presidente, ma il Governo che non è riuscito a riproporre a livello regionale l'alleanza nazionale.

«Dovrebbe essere il Governo a sentirsi responsabile. Io sostengo questo Governo – ha ribattuto Emiliano – loro, invece, non sono riusciti a tenere in Puglia la stessa formazione che abbiamo in Italia. Se noi fossimo stati al completo e avessimo potuto stare con la stessa formazione del Governo anche qui, saremmo ad oltre il 60%. Io sto combattendo, con i miei amici e i miei compagni, praticamente a mani nude contro due formazioni politiche che fanno parte di quel Governo e che non sostengono noi qui, con il rischio di far danno alla Puglia. Quindi il Governo dovrebbe fare, in questi ultimi giorni, un appello a tutti i membri del centrosinistra che sostengono Conte a Roma per mettersi una mano alla coscienza ed evitare di regalare questa Regione a Salvini dato che la Puglia ha sempre cercato di dare una mano al Governo».

Ultimo dei traguardi raggiunti, quello in ambito sanitario, ha ricordato Emiliano, avendo condotto la Puglia fuori dal piano di rientro dei livelli essenziali di assistenza. Una profonda rivoluzione della sanità, ha aggiunto Michele Emiliano dopo aver lasciato l'ospedale "Mons. Dimiccoli" di Barletta, ha riguardato anche la sesta provincia pugliese.

«La Asl Bat ha investito più di 30 milioni di euro in nuove rianimazioni, in nuovi reparti, abbiamo avviato la terapia intensiva di Barletta, stiamo costruendo il nuovo ospedale ad Andria, abbiamo rilanciato gli ospedali che in passato erano stati chiusi o declassificati. E questo processo di rilancio è per noi il viatico più importante verso la vittoria alla prossima competizione elettorale perché siamo certi che di fronte al disastro che venti anni fa colpì la sanità pugliese, un disastro targato Fitto: chiusi gli ospedali, buco da 800 milioni di euro, bond a interessi passivi altissimi che ho dovuto estinguere io per evitare danni. Ecco, i pugliesi ricordano perfettamente quel disastro.

«E voglio anche dire che, così come il ministro della Salute ha dichiarato che la Puglia è fuori dal piano di rientro dal punto di vista dei livelli essenziali di assistenza, tra qualche giorno sarà qui anche il ministro Gualtieri a dire la stessa cosa dal punto di vista finanziario. Insomma la cosa più importante che avevamo da fare nella Bat l'abbiamo realizzata, l'abbiamo fatta bene e credo che su questa base potremmo continuare ancora per altri 5 anni».
  • Michele Emiliano
  • Elezioni Regionali
Speciale Elezioni Regionali

Elezioni Regionali 2020, lo speciale di BarlettaViva

Approfondimenti, interviste, risultati, verso il nuovo consiglio regionale pugliese

104 contenuti
Altri contenuti a tema
1 Tutte le preferenze delle liste per le elezioni regionali 2020 a Barletta Tutte le preferenze delle liste per le elezioni regionali 2020 a Barletta Numeri legati in molti casi alla presenza di candidati forti
Dimiccoli (Emiliano sindaco di Puglia): «Sono orgoglioso dei voti che ho preso, puliti e sinceri, ora testa al comune» Dimiccoli (Emiliano sindaco di Puglia): «Sono orgoglioso dei voti che ho preso, puliti e sinceri, ora testa al comune» L'ingegnere barlettano: «Questo è l’inizio di un percorso che ci condurrà alle prossime elezioni comunali»
Nuovo consiglio regionale di Puglia, ecco la composizione Nuovo consiglio regionale di Puglia, ecco la composizione 27 seggi alla maggioranza, cinque eletti nella Bat. Nonostante la doppia preferenza di genere, solo 8 donne faranno parte dell'assemblea
Sono Filippo Caracciolo e Giuseppe Tupputi i nuovi consiglieri regionali di Barletta Sono Filippo Caracciolo e Giuseppe Tupputi i nuovi consiglieri regionali di Barletta Siederanno nella maggioranza del presidente Emiliano
1 Chi siederà in consiglio regionale tra i candidati della Bat? Chi siederà in consiglio regionale tra i candidati della Bat? Certezza per il super suffragato Caracciolo, conferme anche per Ciliento, si attendono le preferenze dai seggi andriesi
Regionali, Emiliano: «Lopalco nuovo assessore alla Sanità. Con i 5 stelle dialogo, ma chiedo rispetto» Regionali, Emiliano: «Lopalco nuovo assessore alla Sanità. Con i 5 stelle dialogo, ma chiedo rispetto» Il nuovamente eletto presidente: «Ritardi nel pagamento del Psr mio errore. Il nostro sistema sanitario sarà il migliore d'Italia»
2 Carmine Doronzo sfiora per poco il posto in consiglio regionale Carmine Doronzo sfiora per poco il posto in consiglio regionale «3300 preferenze, senza strutture, senza un comitato, senza risorse economiche, senza promesse»
1 Regionali 2020, le preferenze dei candidati di Barletta Regionali 2020, le preferenze dei candidati di Barletta Il più suffragato è Filippo Caracciolo, nella lista Partito Democratico
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.