Facebook
Facebook
La città

E la Chiarello si dimette. Ma da facebook

Dopo le polemiche annuncia l’addio dal social network. «Vedermi sbattuta in prima pagina, è davvero troppo»

Pina Chiarello se ne va. L'assessora sbatte le porta e va via. Non dalla stanza del suo assessorato ma da facebook. Dopo le polemiche sulle sue foto sulla spiaggia di Creta (nei giorni di un convegno internazionale a cui era stata chiamata a partecipare) e la pubblica gogna mediatica post pubblicazione, la Chiarello saluta sulla rete i suoi amici e annuncia l'imminente chiusura del suo profilo, tanto frequentato in questi giorni.

Pina Chiarello racconta la sua mattinata di fuoco, se la prende con chi ha pubblicato le sue foto in costume («L'impegno istituzionale si tramuta in gossip di quart'ordine di me al mare») e poi passa ai saluti finali: «Facebook l'ho sempre considerato il regno indiscusso dove ognuno di noi potesse esprimersi liberamente e senza speciali censure. Facebook è stato per me lo strumento per sottrarmi ad una visione ingessata della politica, facendo l'assessore nel senso più umano, reale del termine. Facebook è stato lo strumento che mi ha permesso di conoscere l'umanità che non va ai comizi, che non segue i consigli comunali, regionali, parlamentari, ma che esprime il più autentico sentire, affrontando ogni argomento con l'entusiasmo e la serietà che quasi un social network non si aspetterebbe. Ma vedermi sbattuta in prima pagina per il prurito di qualcuno, con il mio candido costumino da bagno, sfruttando il mio profilo e il mio diritto di libertà è davvero troppo».

In contemporanea all'annuncio del suo addio, è stato costituito su facebook un gruppo di sostenitori dell'assessora («Pina Chiarello siamo con te»): «Se il mondo della pseudo informazione crede di colpire e strumentalizzare facebook - si legge nella presentazione - si sbaglia. Questa donna è un grande assessore e a noi piace così». Difficilmente però l'assessora tornerà sui suoi passi. Diciamolo francamente: le sue trovate ci mancheranno.
  • Provincia Barletta-Andria-Trani
  • Trani
  • Missione politica
Altri contenuti a tema
Affacciato sull'Adriatico il Gota, il nuovo Restaurant&Drink sul lungomare di Trani Affacciato sull'Adriatico il Gota, il nuovo Restaurant&Drink sul lungomare di Trani Tutto esaurito alla cena inaugurale con la strepitosa performance dello showman Federico Pigna
Le basi della "provincia di Barletta": il dibattito continua Le basi della "provincia di Barletta": il dibattito continua Seconda parte della nota a firma della Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Barletta Provincia nel confronto "Il Graffio" Barletta Provincia nel confronto "Il Graffio" Prima parte della nota a firma della Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Scuola di via Morelli, «i lavori possono ripartire» Scuola di via Morelli, «i lavori possono ripartire» Lo annuncia il presidente della provincia Bat Lodispoto
Giovani e politica, voce ai ragazzi di Barletta Giovani e politica, voce ai ragazzi di Barletta Impressioni e pensieri dopo le ultime elezioni politiche
12 Ricorso per la Barletta capoluogo unico: c'è la nuova istanza di fissazione dell'udienza Ricorso per la Barletta capoluogo unico: c'è la nuova istanza di fissazione dell'udienza Arriva la firma del sindaco Cannito, lo annuncia la Base del Comitato di Lotta Barletta Provincia
Barletta capoluogo unico, le reazioni dei sindaci di Andria e Trani Barletta capoluogo unico, le reazioni dei sindaci di Andria e Trani Bruno: «Provocazione anacronistica». Bottaro: «Solo stando uniti tra noi possiamo crescere come territorio»
Barletta capoluogo di provincia? Trani non ci sta al ricorso Barletta capoluogo di provincia? Trani non ci sta al ricorso Raimondo Lima replica alla nota della Base del comitato di lotta "Barletta provincia"
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.