Carabinieri SIS Scientifica
Carabinieri SIS Scientifica
Cronaca

Duplice omicidio di via Brescia, per madre e figlio scatta l'ergastolo

Le due anziane furono malmenate e strangolate in casa

Il movente del duplice delitto avvenuto nel 2012 in via Brescia risiederebbe in una mancata eredità. Oggi arriva uno svolta nel giallo che turbò l'intera opinione pubblica: furono madre e figlio a uccidere due donne, due amiche, il 15 marzo 2012 nel loro appartamento in via Brescia, dove morirono percosse e soffocate Maria Diviccaro, 62 anni, con problemi fisici, e la sua amica-badante, Maria Strafile, vedova e madre di quattro figli, di 65 anni.

E' quanto stabilito ieri dal gup del tribunale di Trani, Angela Schiralli, al termine del processo di primo grado celebrato con rito abbreviato, che ha condannato all'ergastolo Grazia Fiore e il figlio Damiano Diviccaro, rispettivamente di 52 e 20 anni, cognata e nipote di Maria Diviccaro. L'accusa, rappresentata dal pm Mirella Conticelli, riteneva che fra i responsabili vi fosse anche il fratello di Maria Diviccaro, Michele, marito e padre dei due condannati: la sua posizione è stata archiviata perché l'uomo è deceduto nel corso del processo.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri e dalla pm Mirella Conticelli, Maria Diviccaro - anziana e disabile - sarebbe stata uccisa per motivi patrimoniali, mentre la badante sarebbe rimasta vittima dell'omicidio per il solo fatto di trovarsi in casa al momento del delitto. I due presunti responsabili si sarebbero introdotti nell'abitazione della donna in via Brescia e, mentre colpivano e strangolavano le donne, i rumori sarebbero stati coperti dal rumore del flex utilizzato nel locale sotto l'appartamento da Michele Diviccaro.
  • Carabinieri
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
2 Movida senza controllo nel centro di Barletta, intervengono i Carabinieri Movida senza controllo nel centro di Barletta, intervengono i Carabinieri Le operazioni si concludono con un arresto, denunce, due patenti ritirate e 50mila euro di sanzioni amministrative
Furgone rubato a Barletta nella centrale del riciclaggio di Cerignola Furgone rubato a Barletta nella centrale del riciclaggio di Cerignola Tre le persone in manette: il mezzo era stato cannibalizzato per i pezzi di ricambio
Rischio di infiltrazione mafiosa in una ditta di costruzioni di Barletta Rischio di infiltrazione mafiosa in una ditta di costruzioni di Barletta Le indagini dei Carabinieri hanno riscontrato legami con elementi di spicco del clan “Cannito-Lattanzio”
Rapine ai tir con metodi «violenti»: partite da Barletta le indagini Rapine ai tir con metodi «violenti»: partite da Barletta le indagini I dettagli della corposa operazione dei Carabinieri che si è conclusa oggi con otto arresti
Armi e rapine, sgominato a Barletta un gruppo criminale Armi e rapine, sgominato a Barletta un gruppo criminale In azione Carabinieri, Nucleo Cinofili e l'Elinucleo di Bari
Truffe agli anziani, i Carabinieri informano i cittadini di Barletta Truffe agli anziani, i Carabinieri informano i cittadini di Barletta Mercoledì si svolgerà una conferenza sul tema in sala rossa
Condanna all'ergastolo per l'omicidio avvenuto a Barletta nel 2016 Condanna all'ergastolo per l'omicidio avvenuto a Barletta nel 2016 Il tranese Antonio Rizzi è stato condannato per il delitto che avvenne in una pescheria a Piazza Marina
Rapine ad Asti: quattro arresti, tra cui due giovani di Barletta Rapine ad Asti: quattro arresti, tra cui due giovani di Barletta A settembre due colpi in due esercizi commerciali, in azione i Carabinieri
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.