Madonna dello Sterpeto
Madonna dello Sterpeto
La città

Devoti in assembramento a Barletta, PD e Lega: «Si faccia chiarezza»

Le segreterie cittadine dei due partiti chiedono di accertare le responsabilità dell'accaduto

Qualcosa non è andato, chiaramente, per il verso giusto in occasione dell'arrivo in città della Madonna dello Sterpeto che ha visto radunarsi in segno di devozione decine di cittadini ai piedi della cattedrale di Barletta. Così, all'indomani del preoccupante episodio per la sorte della saluta pubblica cittadina, intervengono le segreterie barlettane del Partito Democratico e della Lega.

«Quanto accaduto, in occasione dell'arrivo in città dell'icona della Madonna dello Sterpeto, i numerosi assembramenti documentati dalle varie emittenti TV, avvenuti in spregio alle vigenti norme per il contenimento della pandemia di Coronavirus, impone una riflessione seria sulle responsabilità di chi doveva vigilare e non l'ha fatto. Mettendo a rischio la salute di tutti». Interviene così Rosa Cascella, consigliera comunale di opposizione e segretaria cittadina del PD: «Per questo - chiosa - chiederemo a tutte le forze politiche di valutare i provvedimenti da adottare nei confronti di coloro i quali si sono resi colpevoli di queste gravi mancanze».

«Quanto accaduto - comunica la Lega - non è corretto nei confronti dei cittadini che con grande sforzo stanno cercando, loro malgrado, di rispettare le limitazioni imposte dal governo. Quel "vedo non vedo, sento e non parlo" delle autorità lì presenti, primo cittadino in testa, è inaccettabile ed una cosa a cui, sicuramente, avremmo non voluto dover assistere. Sono tante le persone, sopratutto i credenti coscienziosi che da settimane non vanno in chiesa e che anche oggi hanno ritenuto opportuno restare a casa, che ci chiedono spiegazioni e contestano lo spiacevole accaduto. Così si rischia la più totale anarchia. Le regole devono essere chiare e ben definite. E chi ha il compito di farle rispettare deve essere il primo a dare l'esempio. Attendiamo un chiarimento da parte del Sindaco».

Sulla vicenda è intervenuta anche la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Grazia Di Bari, che sul suo profilo facebook scrive: «Le immagini si commentano da sole. Decine di persone che non rispettano le distanze sociali, Sindaco e autorità che non vigilano, poi non lamentiamoci se le terapie intensive non avranno posti letto a sufficienza. Cosa non è chiaro, del fatto che il Coronavirus non è stato sconfitto?».
  • Partito Democratico
  • Lega
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1315 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid-19, in Puglia 850 nuovi contagi e 16 decessi Covid-19, in Puglia 850 nuovi contagi e 16 decessi Nella provincia Bat si registrano 77 casi in un giorno
Covid-19: solo 403 nuovi positivi in Puglia, ma diminuiscono i tamponi Covid-19: solo 403 nuovi positivi in Puglia, ma diminuiscono i tamponi Sono 14 i nuovi contagi nella provincia Bat
Pfizer annuncia ritardi nella consegna dei vaccini, esposto del Codacons Pfizer annuncia ritardi nella consegna dei vaccini, esposto del Codacons La consegna delle dosi destinate alla Puglia subiranno ritardi
1 V-day in Puglia, ieri il richiamo per la barlettana Filomena Misuriello V-day in Puglia, ieri il richiamo per la barlettana Filomena Misuriello L'intervista alla giovane dottoressa, tra i primi a vaccinarsi in Puglia
Covid-19, in Puglia altri 908 nuovi positivi in 24 ore Covid-19, in Puglia altri 908 nuovi positivi in 24 ore Nella giornata di oggi sono stati processati 7.572 tamponi
«Dalla richiesta per i trasporti alla richiesta di andare a scuola» «Dalla richiesta per i trasporti alla richiesta di andare a scuola» L'intervento del coordinamento Presidenti del Consiglio d'Istituto della Regione Puglia
3 Vaccino anti-Covid, a Bari la seconda dose anche per la barlettana Lucilla Crudele Vaccino anti-Covid, a Bari la seconda dose anche per la barlettana Lucilla Crudele Al via i richiami per la vaccinazione a distanza di 21 giorni dalla prima somministrazione
Da oggi la Puglia torna in zona arancione. Cosa si può fare e cosa no Da oggi la Puglia torna in zona arancione. Cosa si può fare e cosa no Le restrizioni in vigore dal 17 gennaio. Prorogato al 30 aprile lo stato d'emergenza
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.