Atto di nascita De Nittis
Atto di nascita De Nittis
Eventi

De Nittis, 174° anniversario: ecco il suo atto di nascita

Lo studio del responsabile dell'Archivio di Stato di Barletta, Michele Grimaldi

Elezioni Regionali 2020
Sarà perché in questi mesi a Ferrara, nella stupenda location di "Palazzo dei diamanti", ha luogo la visitatissima mostra "La rivoluzione dello sguardo" che ha come mattatore indiscusso Giuseppe De Nittis e la sua "visione artistica di metà Ottocento, immersa in quel suo universo così tanto moderno quanto elegante nel tratto, nelle forme, nei paesaggi, nei volti e nelle figure", che quest'anno il 174° anniversario della nascita del famoso ed amatissimo pittore barlettano, ha assunto rilievi del tutto particolari.

Lascio a chi di competenza (Amministrazione comunale in primis) l'onore e l'onere delle manifestazioni varie ed eventuali, da parte mia non posso far altro che svolgere la mia professione e cioè analizzare l'atto di nascita, si proprio quello, di Giuseppe De Nittis, atto che viene conservato dalla Sezione di Archivio di Stato di Barletta. Il primo punto da chiarire e forse il più fondamentale, è il De Nittis o Denittis? Per la legge è chiara ed inderogabile la norma che prevede l'ufficialità del nome e cognome riferita esclusivamente a quello registrato dall'ufficiale d'anagrafe.

Detto questo leggiamoci l'atto di nascita che recita testualmente "L'anno milleottocentoquarantasei il dì 27 del mese di febbraio alle ore otto e quarto antimeridiane è comparso Don Raffaele Denittis (notare il cognome) di anni ventotto, di professione Proprietario (in realtà sarà per diversi anni illuminato amministratore delle Saline di Barletta) domiciliato in strada Cordoneria (oggi Corso Vittorio Emanuele n. 26), il quale ci ha presentato un maschio. Lo stesso è nato da Donna Teresa Barracchia (mi ripeto, notare il cognome) ne giorno venticinque del mese di febbraio anno 184sei alle ore 18 italiane. Lo stesso ha inoltre dichiarato di dare al neonato il nome di Giuseppe Gaetano Denittis". Tutto chiaro? Bene, abbiamo appurato sia la data esatta di nascita e cioè 25 febbraio 1846 e il cognome cioè Denittis un'unica parola, anche in calce all'atto, dove si susseguivano le firme del dichiarante e dei testimoni, il papà del Pittore firmava "Raffaele de Nittis". Tutto il resto è interpretazione di volontà che purtroppo non conta per la legge.

Infine prendo in esame la mamma del pittore, Maria Teresa Barracchia e qui l'annotazione non viene rivolta ad una persona che ha effettuato lo "svarione", bensì, anche, alla ultrafamosa enciclopedia Treccani. Come recita quella locuzione latina? Errare humanum est. Ebbene si, anche gli infallibili sbagliano, ahimè! Infatti sulla Treccani il nome della signora Maria Teresa non è "Barracchia" bensì "Buracchia".

Concludo con un invito: gli archivi sono lì per i motivi dei quali discutiamo. Saranno sempre lieti di accogliere tutti coloro che vorranno sapere come "documentalmente" sono andate le cose. Vi aspettiamo!
Atto di morte
  • Giuseppe De Nittis
Altri contenuti a tema
1 A Pasqua spunta un altro murale ispirato a De Nittis tra le strade di Barletta A Pasqua spunta un altro murale ispirato a De Nittis tra le strade di Barletta Borgiac: «I miei auguri per Pasqua: aspettare con pazienza una Prima Vera Uscita nel mondo normale»
Barletta ricorda De Nittis, visite guidate per il 174° anniversario della nascita Barletta ricorda De Nittis, visite guidate per il 174° anniversario della nascita Le visite si terranno nella mattinata del 25 febbraio in 3 turni a partire dalle 9,30 e avranno la durata di un’ora
De Nittis, 174 anni dalla nascita del pittore: le iniziative a Barletta De Nittis, 174 anni dalla nascita del pittore: le iniziative a Barletta In occasione delle celebrazioni per l'anniversario, il prossimo 25 febbraio
De Nittis e Palazzo della Marra, un capitale per chi vuole diventare Capitale De Nittis e Palazzo della Marra, un capitale per chi vuole diventare Capitale L'analisi del giornalista Nino Vinella
La cultura artistica europea di De Nittis incanta ancora La cultura artistica europea di De Nittis incanta ancora Il grande barlettano sulle pagine di Cultura Identità
Checco Zalone a Barletta, non per "Tolo Tolo" ma per De Nittis Checco Zalone a Barletta, non per "Tolo Tolo" ma per De Nittis L'acclamato pugliese ora in sala col suo ultimo successo ha visitato le mostre a Palazzo della Marra
“Mia cara piccola moglie": a Barletta la mostra documentaria su De Nittis “Mia cara piccola moglie": a Barletta la mostra documentaria su De Nittis La nuova esposizione delle opere restanti a seguito dello scambio tra il Museo “Giovanni Boldini” di Ferrara e la Pinacoteca
1 Tra aerei e attese, a Bari c'è anche la bellezza di De Nittis Tra aerei e attese, a Bari c'è anche la bellezza di De Nittis Inaugurata oggi in aeroporto una piccola esposizione dedicata al pittore barlettano
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.