Crollo di Barletta
Crollo di Barletta
Cronaca

Crollo di via Roma a Barletta, Cassazione conferma cinque condanne

Diversi i reati prescritti. Nel crollo morirono cinque donne

La Corte di Cassazione ha dichiarato prescritto il reato di lesioni colpose per 6 dei 7 imputati che furono condannati (anche per altri reati) dalla Corte d'Appello di Bari nel processo sul crollo della palazzina di Via Roma che il 3 ottobre 2011 provocò 5 morti ed 11 feriti.

Ridotta, perciò, la pena di 3 mesi di reclusione per i fratelli Salvatore ed Andrea Chiarulli, rispettivamente titolare e dipendente dell'impresa che eseguì i lavori nell'area attigua alla palazzina crollata; per Cosimo Giannini, amministratore dell'omonima Srl proprietaria del relativo suolo; e per il geometra Vincenzo Zagaria. Riduzione di 6 mesi per l'architetto Giovanni Paparella, direttore dei lavori ritenuti causa del crollo.

La Suprema Corte ha disposto un nuovo processo d'appello per l'altro fratello Chiarulli, Giovanni, anch'egli dipendente di Salvatore. Nei suoi confronti la sentenza di secondo grado è stata annullata con rinvio relativamente alle contestazioni di delitti colposi di danno ed omicidio colposo. Ulteriore processo d'appello anche per Zagaria e Paparella ma solo per la rideterminazione della pena residua. E' stato, invece, dichiarato inammissibile il ricorso di Giovanni Andriolo, vigile urbano addetto alla polizia edilizia del Comune di Barletta.

Nei confronti dell'ingegnere comunale Rosario Palmitessa sono stati dichiarati prescritti anche i reati di omicidio colposo e rifiuto di atti d'ufficio, con relativa decurtazione di 2 anni di reclusione. Pure per lui è stato disposto un nuovo giudizio d'appello per "la concedibilità dei benefici di legge".

La sentenza della Corte d'Appello di Bari assolse altri 6 imputati che erano stati condannati dal Tribunale di Trani e confermò la sanzione di 480mila euro inflitta in primo grado alla Srl Giannini quale persona giuridica. Gli altri 8 imputati (su cui si è pronunciata la Cassazione) furono condannati in secondo grado a pene oscillanti tra 1 anno e 4 mesi e 4 anni e 5 mesi di reclusione. Ora la sentenza di terzo grado, che, tuttavia, prevede un'appendice davanti ad altra sezione della Corte d'Appello barese per 4 imputati. Il crollo causò il decesso delle operaie Matilde Doronzo (32 anni); Giovanna Sardaro (30), Antonella Zaza (36), Tina Cenci (37) e di Maria Cinquepalmi, figlia 14enne del titolare della ditta di confezioni.
  • Crollo
Altri contenuti a tema
Sessantotto anni fa il tragico crollo di via Magenta Sessantotto anni fa il tragico crollo di via Magenta 8 dicembre 1952-2020, un ricordo a cura del giornalista Nino Vinella
Crollo di via Roma, il ricordo delle 5 vittime a nove anni dalla tragedia Crollo di via Roma, il ricordo delle 5 vittime a nove anni dalla tragedia La commemorazione alle ore 12:21 di questa mattina
Diritti e tutele, per la Cgil Bat «a nove anni dal crollo di Barletta poco è cambiato» Diritti e tutele, per la Cgil Bat «a nove anni dal crollo di Barletta poco è cambiato» Biagio D’Alberto, segretario generale: «La cultura della legalità nel mondo del lavoro è purtroppo ancora in diversi settori carente»
Nove anni fa il dolore del crollo della palazzina in via Roma Nove anni fa il dolore del crollo della palazzina in via Roma Alle ore 12.21 si svolgerà un minuto di silenzio
Crollo di via Canosa, Lodispoto: «Barletta detiene il triste primato delle vittime per i crolli» Crollo di via Canosa, Lodispoto: «Barletta detiene il triste primato delle vittime per i crolli» La nota del presidente della provincia BAT: «Una delle tragedie della mala edilizia più sanguinose e laceranti dell'Italia del secondo dopoguerra»
Crollo via Canosa, una messa in suffragio delle 58 vittime Crollo via Canosa, una messa in suffragio delle 58 vittime Riflessione storica a cura del giornalista Nino Vinella
Scompare il reporter barlettano Rino De Benedetto Scompare il reporter barlettano Rino De Benedetto Il giornalista Nino Vinella: «Furono sue le prime fotografie del tragico crollo di Via Canosa del 16 settembre 1959»
Furto sul luogo del crollo di Barletta, «gesto indegno e oltraggioso» Furto sul luogo del crollo di Barletta, «gesto indegno e oltraggioso» Le parole del sindaco Cannito dopo la scomparsa della maglia con i nomi delle vittime
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.