Lacrime
Lacrime
Eventi

Com'eri vestita? Presentata la mostra a Barletta: «Alla violenza non ci si abitua mai»

L'evento itinerante, dopo aver fatto tappa in diverse città italiane e pugliesi, arriva a Barletta

17 vestiti fra cui anche un pigiama e un grembiule da lavoro. 17 storie, 17 vittime, donne stuprate, violate, mortificate e ferite per sempre da uomini che hanno abusato dei loro corpi e, dopo, da altri uomini, per lo più, che hanno chiesto loro "Come'eri vestita?", ferendole e violentandole una seconda volta. A queste donne e a tutte le donne è dedicata la mostra che da questo atteggiamento intollerabile prende il nome e che farà tappa a Barletta a partire da domani, sarà inaugurata alle ore 17 nel castello di Barletta, fino al 21 febbraio prossimo.

Si tratta di un evento itinerante, arriva dall'Amertica, ha fatto tappa in diverse città italiane e pugliesi e ora sarà anche a Barletta grazie al lavoro delle operatrici del centro antiviolenza Osservatorio "Giulia e Rossella", con il patrocinio dell'Amministrazione comunale, Assessorato alle Pari Opportunità. Oggi la mostra è stata presentata in sala giunta dalla responsabile del centro antiviolenza Tina Arbues e dall'avvocata Laura Pasquino, con loro il sindaco Cosimo Cannito, l'assessore alle Pari Opportunità Rosa Tupputi e altri rappresentanti dell'Amministrazione comunale.

"Nessuno ha il diritto di toccare il corpo di un'altra persona senza il suo consenso, al di là delle pulsioni fisiche e biologiche, perché il corpo e la libertà delle persone sono inviolabili", ha detto il sindaco Cosimo Cannito, il quale ha voluto pubblicamente rivolgere un appello agli uomini ad andare a visitare la mostra. "Se così non fosse – ha concluso il primo cittadino – non raggiungeremmo interamente lo scopo, la strada da fare è davvero tanta".

"La domanda "Com'eri vestita?", oltre a non essere posta non deve neanche essere pensata – ha detto l'assessore Tupputi – perché crea un alibi a chi compie violenza, invece non esistono giustificazioni e guardando questa mostra lo si capisce ancora meglio, visto che ci sono indumenti che ognuna di noi ha nei propri cassetti e armadi". "Questa mostra – ha aggiunto l'assessore Salvemini – è contro chi vorrebbe insinuare nelle vittime della violenza il senso di colpa, uno schema che va infranto a fronte di una rete di sicurezza che deve avvolgere le donne".

"L'obiettivo di questa mostra – ha concluso Tina Arbues – è fare riflettere, perché l'impatto che crea è davvero forte, visto che lo è stato anche per noi che lavoriamo con le donne vittime di violenza da 25 anni, perché ad essa non ci si abitua mai".
Com'eri vestita?Com'eri vestita?Com'eri vestita?
  • Violenza sessuale
Altri contenuti a tema
Violenze domestiche, l'app Youpol della Polizia si aggiorna per denunciarle Violenze domestiche, l'app Youpol della Polizia si aggiorna per denunciarle In questo periodo in cui si è costretti alla forzata permanenza in casa, potrebbe registrarsi un incremento
Molestata in treno, Lega: «Solidarietà alla ragazza» Molestata in treno, Lega: «Solidarietà alla ragazza» Francesco Doronzo: «Mi congratulo con la Polfer che ha evitato che la situazione degenerasse ulteriormente»
6 Violenza sessuale su una studentessa di Barletta, arrestato l'aggressore Violenza sessuale su una studentessa di Barletta, arrestato l'aggressore Identificato il marocchino senza fissa dimora che aveva aggredito una 20enne sul treno per Bari
“Dalla violenza sessuale al femminicidio”, intervista al coautore Mascolo “Dalla violenza sessuale al femminicidio”, intervista al coautore Mascolo Un exursus legislativo, giurisprudenziale e psicologico al fine di sensibilizzare il lettore
41 Rumeno di 29 anni in carcere per tentato stupro Rumeno di 29 anni in carcere per tentato stupro La vittima era appena entrata nell'androne del portone che conduce alla sua abitazione
False memorie nella violenza sessuale, incontro con Matteo Villanova False memorie nella violenza sessuale, incontro con Matteo Villanova Presso il Future Center il professore interviene in un convegno formativo
"Un, due, tre, stella! - Storie di donne e di ordinaria violenza" "Un, due, tre, stella! - Storie di donne e di ordinaria violenza" La presentazione del libro di Antonia Guarini, psicoterapeuta impegnata contro la violenza sulle donne
Versioni contrastanti e verdetto ribaltato per il barlettano che avrebbe picchiato la moglie Versioni contrastanti e verdetto ribaltato per il barlettano che avrebbe picchiato la moglie «Discrasie nella testimonianza della donna» e così viene assolto
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.