Il progetto del centro di raccolta
Il progetto del centro di raccolta
Politica

Centro di raccolta a Barletta, Italia in Comune: «L'amministrazione ritiri il provvedimento»

La nota di Grazia Desario, presidente della sezione provinciale del partito

«Si sta molto discutendo in Città del Centro Raccolta Rifiuti da localizzare nel cuore della zona 167 a ridosso della Chiesa Santissima Trinità. Ovviamente, e giustamente, si è formato un Comitato di cittadini della zona che hanno manifestato contrarietà a questa localizzazione, dichiarando l'inopportunità dell'insediamento di tale centro a stretto contatto con le abitazioni». Ad intervenire nel dibattito è Grazia Desario, presidente provinciale di Italia in Comune.

«Sorvoliamo - prosegue - leggendo la relazione di presentazione del progetto, su inesattezze del progettista, arrivando persino a dichiarare che il fiume Ofanto separa le Provincie di Bari e Foggia, non si capisce per quale motivo il progetto non era accompagnato dalle più elementari tavole di conoscenza di destinazione d'uso dell'area come il P.R.G. e del P.d.Z. che avrebbe fatto conoscere al progettista che la predetta area era destinata a residenze e non a urbanizzazioni.

Infatti, e qua non sorvoliamo - aggiunge Grazia Desario - soltanto scorrendo la variante al P.d.Z., il tecnico incaricato e l'assessore all'Ambiente Passero, strenuo difensore dell'opera nello scorso Consiglio Comunale, avrebbero potuto verificare che l'area oltre a contenere fabbricati residenziali, a suo tempo oggetto del Contratto di Quartiere II, aveva aree a verde per mq 5.070,00 e a parcheggi per mq 1349,00. L'area, attualmente ha un valore di quasi un milione di euro e sarebbe un peccato che la città si privi di tale somma.

Invitiamo, pertanto, l'Amministrazione a ritirare il provvedimento e a trovare nuove aree periurbane per la localizzazione di queste tipologie di spazi. Noi saremo sempre vigili - conclude la presidente di Italia in Comune Bat - affinché non ci siano in futuro sviste così clamorose che impegnano risorse pubbliche e sacrosante ribellioni da parte dei cittadini che devono essere sempre informati e ascoltati quando un'opera pubblica investe i loro territori».
  • Grazia Desario
  • Italia in Comune
Altri contenuti a tema
1 Il progetto di un impianto di playground presentato da Grazia Desario candidato al PNRR Il progetto di un impianto di playground presentato da Grazia Desario candidato al PNRR «Restituire spazi aggregativi e opportunità di socializzazione che i giovani barlettani chiedono a gran voce»
Amministrative, Grazia Desario: «Lavoriamo ad un vero polo di centrosinistra» Amministrative, Grazia Desario: «Lavoriamo ad un vero polo di centrosinistra» Della coalizione farebbero parte Italia in Comune, Coalizione civica, M5s, Articolo 1 e Costituente democratica
«Il Puttilli va consegnato prima che inizi la campagna elettorale» «Il Puttilli va consegnato prima che inizi la campagna elettorale» Interviene Grazia Desario, presidente provinciale Bat di Italia In comune
1 «Servono spazi per i giovani», la proposta di un playground a Barletta «Servono spazi per i giovani», la proposta di un playground a Barletta L'iniziativa lanciata da Grazia Desario, Presidente Provinciale Bat di Italia In comune
Opportunità PNRR per le scuole di Barletta Opportunità PNRR per le scuole di Barletta Gli interrogativi di Grazia Desario, presidente provinciale Bat di Italia In comune
3 Mensa scolastica, Italia in Comune: «Deve essere gratuita nelle scuole dell'infanzia» Mensa scolastica, Italia in Comune: «Deve essere gratuita nelle scuole dell'infanzia» L'intervento della presidente del circolo provinciale, Grazia Desario
Esenzione Tari, Desario: «Il Comune intervenga nelle sue competenze» Esenzione Tari, Desario: «Il Comune intervenga nelle sue competenze» La nota stampa fa riferimento a quanto dichiarato dal vicesindaco Lanotte durante la diretta di BarlettaViva
1 «Rispetti le donne e osservi la legge»: lettera al sindaco Cannito «Rispetti le donne e osservi la legge»: lettera al sindaco Cannito Grazia Desario sottolinea come il sindaco di Barletta non abbia rispettato la normativa in tema di parità di genere
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.