Violenza Donne
Violenza Donne
Servizi sociali

Centro antiviolenza 'Giulia e Rossella', altro che 120 giorni

Precisazioni ed inesattezze. L'inadempimento crea un danno non solo all'associazione, ma anche alla cittadinanza

Il Centro antiviolenza " Giulia e Rossella" di Barletta, ci chiede di pubblicare utili riflessioni conseguenti alle dichiarazioni del Sindaco Nicola Maffei, rilasciate alla nostra redattrice il 25 scorso nel corso di una intervista sulla procedura che il comune sta assumendo dopo la sentenza di primo grado favorevole allo stesso centro.

La intervista rilasciata dal Sindaco alla giornalista di Barletta Life il 25.11.2010, impone, per mero amore di verità, un chiarimento, e cioè che:
1) i 120 giorni dei quali ha parlato non sono affatto previsti nella sentenza che è immediatamente esecutiva;
2) i detti giorni rappresentano invece la condizione legale necessaria affinché l'associazione creditrice possa procedere con il pignoramento;
3) da ciò consegue che il Comune, se non vuole aggravarsi di ulteriori spese di procedura e interessi e se vuole evitare il pignoramento, deve necessariamente pagare;
4) il dirigente non ha alcun potere di verificare e valutare la documentazione presentata, per il periodo previsto in sentenza, atteso che tali valutazioni sono state già compiute e ratificate dal Giudice.

Forse il primo cittadino non ha ancora compreso che tale inadempimento che si protrae ininterrottamente dal luglio 2008 (ancora a tutt'oggi, nonostante l'adozione della delibera di G.M. n.17/2010 che ha prorogato l'attività ancora per un anno), crea un rilevante danno non solo all'associazione, ma anche alla cittadinanza per il fatto, che, assicurata l'emergenza, non si possono programmare attività di prevenzione e informazione del territorio sul tema della violenza. Tali azioni positive, invece, sono state effettuate dalle città vicine, forse più sensibili, che hanno chiesto la collaborazione dell'associazione a tali fini, apprezzandone l'attività.

Osservatorio Giulia e Rossella Centro Antiviolenza
La Presidente
Tina Arbues
  • Centro antiviolenza
Altri contenuti a tema
Il centro antiviolenza “Giulia e Rossella” incontra i ragazzi e le ragazze dell’ITET Cassandro-Fermi-Nervi Il centro antiviolenza “Giulia e Rossella” incontra i ragazzi e le ragazze dell’ITET Cassandro-Fermi-Nervi «I giovani hanno bisogno di parlare, confrontarsi e capire cosa c’è dietro la violenza»
25 novembre, gli studenti: «Diciamo "no" con l’arte» 25 novembre, gli studenti: «Diciamo "no" con l’arte» Una proposta creativa con uno speciale allestimento artistico a cura degli studenti dell'IISS "De Nittis"
16 Centro antiviolenza comunale affidato all'osservatorio "Giulia e Rossella" Centro antiviolenza comunale affidato all'osservatorio "Giulia e Rossella" Vinto il ricorso al Consiglio di Stato
Stupro di gruppo a Palermo, ne parliamo con il centro antiviolenza di Barletta Stupro di gruppo a Palermo, ne parliamo con il centro antiviolenza di Barletta Perché quei ragazzi avrebbero potuto essere anche i nostri figli? Un’analisi sulla comunità violenta, sull’educazione e la prevenzione
“Libere dalla violenza”, a Barletta un percorso fotografico per sensibilizzare “Libere dalla violenza”, a Barletta un percorso fotografico per sensibilizzare L’esposizione nella galleria del Curci sarà visitabile sino al 12 giugno
Libere dalla violenza, una mostra nella galleria del "Curci" Libere dalla violenza, una mostra nella galleria del "Curci" Iniziativa promossa dall'osservatorio "Giulia e Rossella"
"Penelope, ricomincio da me", dalla parte delle donne "Penelope, ricomincio da me", dalla parte delle donne A Barletta una iniziativa per supportare il benessere personale e superare le violenze
Legalità e impegno civico: incontro con gli studenti del "Nervi-Fermi-Cassandro" di Barletta Legalità e impegno civico: incontro con gli studenti del "Nervi-Fermi-Cassandro" di Barletta Sono intervenuti l’associazione “Libera contro le Mafie”, l’osservatorio “Giulia e Rossella” e l’ispettore capo della Polizia di Stato Madera
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.