Consiglieri comunali
Consiglieri comunali
Istituzionale

Cava in località “Pozzelle” a Barletta, dall'errore al Consiglio comunale

I consiglieri M5S Barletta: «Se avessimo un Assessore all'Urbanistica ne avremmo chiesto le dimissioni per inerzia. Ma la delega è in capo al Sindaco. Tragga lui le conclusioni»

Elezioni Regionali 2020
«Solo in una città del tutto incapace di gestire l'assetto del proprio territorio può accadere che un'area "boscata" perda come per magia quel vincolo e rischi di diventare "un'enorme cava di pietra calcarea". Questo lo scenario manifestatosi sotto gli occhi di tutti durante l'ultimo Consiglio comunale del 22 aprile - a dichiararlo sono i consiglieri comunali del Movimento cinque stelle Barletta, Maria Angela Carone Giuseppe Basile e Antonio Coriolano».

«Tutto inizia nel 2016. Una ditta, già titolare di una cava di pietra calcarea in località "Pozzelle", reitera la richiesta di ampliamento alla Regione Puglia per una superficie che passerebbe da un ettaro a circa dieci. La Regione chiede al Comune il parere di competenza che risponde il 30/09/2016, asserendo che tali terreni sarebbero interessati, secondo il vigente PRG, da bosco e/o macchia mediterranea e quindi vincolati. Comincia così la battaglia legale della ditta tesa a dimostrare che in realtà su quei terreni non c'è alcun bosco. L'Amministrazione Cascella era evidentemente convinta che la Ditta avesse ragione, la quale a quel punto procede nella direzione indicata rapidamente e a suon di carte bollate, mentre il Comune non impugna gli atti, contribuendo così a spianare la strada verso quello che viene definendosi come un mero errore cartografico da correggere e verso l'ampliamento della cava.

A maggio 2019 una sentenza del TAR impone al Comune di procedere alla rettifica cartografica entro 90 giorni. Il Comune semplicemente non fa nulla, finché il 25/02/2020 lo stesso TAR nomina un Commissario ad Acta che ha tempo 60 giorni per decidere al posto dell'ignavo Consiglio comunale! Una settimana dopo la nomina del suddetto, il 3 marzo il Sindaco porta in Consiglio comunale una proposta di deliberazione che intende riconoscere e rettificare l'errore cartografico e quindi l'ampliamento della cava: il provvedimento è scarno, privo di allegati, senza alcun riferimento alle questioni legali in corso né alla nomina di un Commissario. Ci rifiutiamo di votarlo, anche perché inutile: siamo oltre i tempi di scadenza in quanto la sentenza Tar non è stata impugnata e il Commissario, che è già stato nominato, non potrà che attenervisi riconoscendo l'errore cartografico! Cannito, quindi, dichiara solennemente che a breve ci sarebbe stata una nuova deliberazione di segno diametralmente opposto: riceviamo altre tre proposte di cui l'ultima, la quarta, addirittura il 21 aprile che, prendendo atto dell'impossibilità di intervenire sul procedimento in corso, si configura come una mera enunciazione di buone intenzioni per il futuro.

"Questa questione non l'abbiamo mai presa in seria considerazione...nessuno di noi ha mai creduto che un simile scempio potesse accadere...è inimmaginabile un danno così grave al territorio": così si è espresso il Sindaco nell'ultimo Consiglio comunale, dimenticando di essere il maggior responsabile della questione. Se avessimo un Assessore all'Urbanistica ne avremmo già chiesto le dimissioni per inerzia, insipienza ed incompetenza. Ma dall'inizio di questa consiliatura la delega all'Urbanistica è in capo al Sindaco Cannito. Tragga lui le conclusioni».
  • Movimento 5 stelle
Altri contenuti a tema
4 Immobile Cantina della Sfida, Di Bari (M5S): «Un'offesa alla dignità di Barletta» Immobile Cantina della Sfida, Di Bari (M5S): «Un'offesa alla dignità di Barletta» La consigliera regionale Grazia Di Bari interviene nella querelle: «Su queste cose gli assessori si dimettono o le giunte cadono»
2 Querelle palazzo Cantina della Sfida, parola al Movimento 5 Stelle Querelle palazzo Cantina della Sfida, parola al Movimento 5 Stelle Per i consiglieri è il «naufragio dell'amministrazione Cannito»
3 Si salva il palazzo, ma trema la Giunta: amministrazione messa al bivio dalle opposizioni Si salva il palazzo, ma trema la Giunta: amministrazione messa al bivio dalle opposizioni Le opposizioni: «Se l'assessore ha informato la Giunta, il sindaco dovrebbe dimettersi. In caso contrario, il sindaco dovrebbe chiederne le dimissioni»
1 In Puglia è bufera politica sulla riapertura dal 18 maggio per parrucchieri ed estetisti In Puglia è bufera politica sulla riapertura dal 18 maggio per parrucchieri ed estetisti Forza Italia e M5S attaccano Emiliano, Boccia: «Monitorare i contagi»
1 Assembramento a Barletta, M5S Puglia: «Intervenga il Prefetto» Assembramento a Barletta, M5S Puglia: «Intervenga il Prefetto» La nota dei consiglieri regionali: «Nessuno è intervenuto per fermare l’assembramento e far rispettare le regole di distanziamento sociale»
1 Spazzamento meccanizzato, M5S: «Disagi per i cittadini» Spazzamento meccanizzato, M5S: «Disagi per i cittadini» I portavoce 5 Stelle: «È l’ennesimo esempio di come l’Amministrazione Cannito ottenga il minimo risultato con il massimo sforzo»
1 Caritas di Barletta, M5S: «Tagliati i viveri senza giustificazioni» Caritas di Barletta, M5S: «Tagliati i viveri senza giustificazioni» «Peccato che in attesa di tutti i comodi della Giunta Cannito i pasti e i letti vanno garantiti»
Cambio in Giunta, M5S: «Fuori il fratello dentro la sorella: la famiglia è servita!» Cambio in Giunta, M5S: «Fuori il fratello dentro la sorella: la famiglia è servita!» «Il Sindaco pensa di poter sbeffeggiare le opposizioni e fare quello che gli pare con le Istituzioni!»
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.