Borracce in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di Barletta
Borracce in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di Barletta
Associazioni

Borracce e maschere da sub in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di Barletta

L'iniziativa del sub barlettano Antonio Binetti: un gesto per proteggere il profondo blu

Elezioni Regionali 2020
Sono diventati piccoli "guardiani del mare", con un gesto semplice e generoso: basta un borraccia di alluminio e una maschera da sub per sognare di nuotare nel mare cristallino. Dall'idea di sensibilizzare i più piccoli sul tema della salvaguardia ambientale è nata l'iniziativa di Antonio Binetti, subacqueo ambientalista barlettano, che ha donato ai piccoli pazienti del reparto pediatria maschere da sub e alcune borracce di alluminio da utilizzare al posto delle bottigliette di plastica.

La prima tappa del suo personale progetto di solidarietà si è svolto ieri mattina nella pediatria dell'ospedale "Monsignor Dimiccoli" di Barletta, ma Binetti ha già organizzato i prossimi viaggi verso altri reparti, per conoscere altri bambini e infondere loro un pizzico della libertà del mare. Al suo fianco alcuni componenti del gruppo teatrale barlettano "Fatti di sogni", impegnati a rievocare la magia della fiabe classiche legate al mare come la Sirenetta.

Un viaggio di entusiasmo e di solidarietà che porterà conoscenza, amore e rispetto per il mare in nuovi luoghi: come piccole gocce di un grande oceano saremo tutti capaci di fare la differenza.
Borracce in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di BarlettaBorracce in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di BarlettaBorracce in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di BarlettaBorracce in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di BarlettaBorracce in dono per i piccoli pazienti dell'ospedale di Barletta
  • Ospedale "R. Dimiccoli"
  • Mare
Altri contenuti a tema
1 Cauta riapertura degli ospedali, ok agli accessi controllati Cauta riapertura degli ospedali, ok agli accessi controllati La Asl Bt ha disposto la possibilità di accesso agli ospedali e ai presidi territoriali per i visitatori
1 All'ospedale di Barletta il primo papà in sala parto dopo la tempesta Covid All'ospedale di Barletta il primo papà in sala parto dopo la tempesta Covid «Voglio ringraziare pubblicamente tutto lo staff del reparto ginecologia per la loro professionalità»
4 Conforto per ammalati e gestanti all'ospedale di Barletta Conforto per ammalati e gestanti all'ospedale di Barletta «Il lato psicologico devastato già dalla pandemia non venga ancora tralasciato»
L'Asl Bt punta sulla tecnologia: due acceleratori lineari per l'ospedale di Barletta L'Asl Bt punta sulla tecnologia: due acceleratori lineari per l'ospedale di Barletta Alessandro Delle Donne: «Sono sicuro che sistemi ancora più avanzati e moderni potranno dare una ulteriore spinta alle attività di cura»
5 Rubati due asciugamani elettrici dall'ospedale di Barletta Rubati due asciugamani elettrici dall'ospedale di Barletta Erano stati installati pochi giorni fa nei bagni comuni
2 Spiaggia libera gestita dai beneficiari del Reddito di cittadinanza, la proposta Spiaggia libera gestita dai beneficiari del Reddito di cittadinanza, la proposta Damato, portavoce Movimento Amico: «L'Amministrazione Comunale non è ancora in grado di produrre un piano speciale»
Covid, Pelagio (Cgil): «Maggiori risorse anche per l'ospedale di Barletta» Covid, Pelagio (Cgil): «Maggiori risorse anche per l'ospedale di Barletta» Il segretario generale dei pensionati Felice Pelagio analizza la situazione della sanità pubblica nell’emergenza covid-19
Nautica Geba, si riparte con le novità Evinrude Nautica Geba, si riparte con le novità Evinrude Supporto tecnico-commerciale a 360 gradi per gli amanti del mare
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.