Lavoro
Lavoro
Territorio

Bat, Fillea: «Unica provincia in Puglia con denunce di infortunio nel settore delle costruzioni in aumento»

Tra le cause: ponteggi non montati correttamente e assenza della segnaletica della sicurezza

Durante la Fiera professionale edilizia, costruzioni e impianti (SAIE) che si è svolta a Bari nei giorni scorsi, la direzione dell'INAIL Puglia ha fornito i dati relativi alle denunce di infortunio nel settore delle costruzioni. Delle sei provincie pugliesi, la Bat è l'unica con un trend in aumento. Si è passati dalle 108 denunce nel 2015 alle 132 nel 2018. Le cause prevalenti riconosciute del fenomeno infortunistico sono: insufficiente o non corretto utilizzo dei dispositivi di sicurezza, inidoneità dei quadri elettrici di cantiere, ponteggi non montati correttamente, assenza della segnaletica della sicurezza, non corretta protezione delle aree di cantiere, non rispetto degli obblighi formativi e sottovalutazione generale dei rischi.

"Occorre intervenire tempestivamente per diffondere cultura della sicurezza e modelli organizzativi aziendali che riducano al minimo il rischio infortuni per i lavoratori", commenta Nico Disabato, segretario Fillea Bari-Bat.

"L'asseverazione prevista dal decreto legislativo 81 del 2008 rappresenta, sulla base delle statistiche ufficiali, un efficace strumento per far adottare modelli di organizzazione e di gestione della sicurezza da parte delle imprese utili al miglioramento delle condizioni dei lavoratori. L'asseverazione è un percorso di azione certificato finalizzato all'aumento del livello di qualità della sicurezza, attraverso i sistemi di gestione e dunque anche attraverso la verifica della loro efficace applicazione. Sicurezza in cantiere significa non solo meno infortuni, ma anche più qualità del lavoro e, infine, maggiore qualità del prodotto edilizio", concludono dalla Fillea Bari-Bat.
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Misure a sostegno degli studi professionali: incontro tra Regione Puglia e Ordini Misure a sostegno degli studi professionali: incontro tra Regione Puglia e Ordini L'assessore regionale Sebastiano Leo: «Stiamo cercando di intervenire lì dove anche il Governo nazionale ha avuto qualche difficoltà»
Morire di lavoro. Ne vale la pena? Morire di lavoro. Ne vale la pena? A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
Sanzioni per due cantieri a Barletta, partiti i controlli straordinari della Task Force Sanzioni per due cantieri a Barletta, partiti i controlli straordinari della Task Force In totale sono stati 30 i cantieri ispezionati nella provincia Barletta-Andria-Trani
Cercasi un posto nel mondo, più pugliesi al Nord che migranti in Puglia Cercasi un posto nel mondo, più pugliesi al Nord che migranti in Puglia L’analisi del Bes 2019 dell'Istat ha registrato un peggioramento della qualità del lavoro e il rischio declino demografico
1 Operatori ecologici laureati: nella TV francese il caso di Barletta Operatori ecologici laureati: nella TV francese il caso di Barletta ‘TV FRANCE 2’ lunedì prossimo a Barletta per raccontare la voglia di lavorare dei giovani del Sud
Barletta contro lo sfruttamento dei lavoratori: la delibera sarà discussa in Consiglio Barletta contro lo sfruttamento dei lavoratori: la delibera sarà discussa in Consiglio Il passaggio successivo all’approvazione della delibera sarà la stipulazione di un protocollo di intesa
Emergenza emigrazione e calo demografico: il Mezzogiorno in recessione Emergenza emigrazione e calo demografico: il Mezzogiorno in recessione Cala la popolazione a causa dell’emigrazione, il tasso di occupazione resta sotto la media nazionale
Integrazione diventa lavoro, l’esperienza del mastro pastaio Savino Maffei per il progetto “A mano libera” Integrazione diventa lavoro, l’esperienza del mastro pastaio Savino Maffei per il progetto “A mano libera” L'azienda ha donato i macchinari per la preparazione della pasta
© 2001-2020 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.