Mostra aprile Andrei Molodkin
Mostra aprile Andrei Molodkin
Eventi

Barletta si prepara a celebrare la "Victory of Democracy"

Per il 25 aprile sarà allestita nel Castello Svevo una mostra dell'artista russo Andrei Molodkin

Si sta montando la imponente installazione d'arte che a Barletta farà da preludio alla festa della Liberazione del 25 aprile, proprio al Rivellino del Castello sulle cui mura è posta la lapide che ricorda la Resistenza del presidio militare all'occupazione nazista della città del settembre 1943. La mostra "Victory of Democracy" di Andrei Molodkin (Boui, Russia Settentrionale, 1966) prenderà avvio il 24 aprile, alle ore 18.30, contemporaneamente all'apertura del rinnovato "Lapidarium" del Castello con l'esposizione "Il racconto della città".

Immagini di pietra nel museo civico di Barletta", realizzando così uno stretto legame tra storia e contemporaneità. Andrei Molodkin ha infatti scelto di collocare "Victory of Democracy" nella grande fortezza pugliese, storica postazione di difesa militare sul mare Adriatico, traendo ispirazione dal contesto storico, artistico e architettonico. Tra le mura fortificate, risultato di stratificazioni delle diverse dinastie del potere, dall'XI secolo al XVIII secolo, la pietra scolpita nell'antichità riflette un'epoca di cultura straordinaria: il maniero conserva nel lapidarium il busto–ritratto attribuito a Federico II di Svevia in pietra calcarea, risalente al XIII secolo, e il Sarcofago degli Apostoli, altorilievo lapideo prima testimonianza del Cristianesimo in città, del periodo compreso tra il III e il IV secolo, e articolate collezioni civiche. Come controcanto a questo "racconto" di storia, suggellato dal patrimonio artistico della città, i massicci contenitori acrilici di Molodkin raffiguranti "Vittoria" e "Democrazia" inducono a riflettere sulla realtà contemporanea caratterizzata da povertà, guerra e sfruttamento.

L'opera Andrei Molodkin, artista concettuale russo, che si snoderà all'interno del Castello e nei suoi sotterranei, è caratterizzata da una dimensione poetica politico-ideologica; si serve con uguale intensità di materiali tra loro diversi quali petrolio, inchiostro o sangue, tele di grandi dimensioni realizzate con la penna biro e che riportano slogan o parole i cui caratteri occupano l'intero spazio visivo, il tutto per articolare l'ossessione che determina l'impianto narrativo dell'artista: l'economia come entità significante della costruzione simbolica, economica e culturale occidentale. L'evoluzione stilistica si è spinta su di un versante sempre più concettuale, nella continua ricerca di un dialogo con lo spettatore attraverso l'impatto emozionale suscitato dalle opere.
  • Arte
  • 25 aprile
Altri contenuti a tema
74° anniversario della Liberazione, le celebrazioni a Barletta 74° anniversario della Liberazione, le celebrazioni a Barletta Il programma completo: previsto un corteo da Palazzo di città a piazza Caduti
25 aprile a Barletta, domani la presentazione del programma 25 aprile a Barletta, domani la presentazione del programma Martedì si svolgerà una tavola rotonda sul tema "La partecipazione del Sud alla lotta di Liberazione"
Ultimo appuntamento di MusicArte a Barletta Ultimo appuntamento di MusicArte a Barletta Ospite d'eccezione, presso il Parco dell'Umanità, la cantante e violoncellista Patty Lomuscio
1 "D'estate a Canne della Battaglia", dove la storia incontra l'arte "D'estate a Canne della Battaglia", dove la storia incontra l'arte Numerosi gli eventi che fino a settembre animeranno il sito archeologico
1 “Barletta, come la vorrei”, premiate due studentesse della "Baldacchini-Manzoni" “Barletta, come la vorrei”, premiate due studentesse della "Baldacchini-Manzoni" Buone notizie anche per uno studente che vince un concorso promosso dall'azienda Del Giudice
La protesta dei lavoratori Timac diventa forma d'arte La protesta dei lavoratori Timac diventa forma d'arte L'attualità immortalata da Luigi Lanotte
25 aprile a Barletta, la corona d'alloro finisce nella spazzatura 25 aprile a Barletta, la corona d'alloro finisce nella spazzatura Chieppa: «I valori di libertà che questa città ha celebrato pochi giorni fa sono stati offesi»
1 25 aprile, Cannito: «Gratitudine e grande senso di responsabilità» 25 aprile, Cannito: «Gratitudine e grande senso di responsabilità» «Questo giorno è dedicato a tutte le donne e gli uomini che hanno combattuto per la libertà dal nazifascismo»
© 2001-2019 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.